13.9 C
Belluno
venerdì, Maggio 14, 2021
Home Cronaca/Politica La Regione affida i lavori ai Servizi forestali. 50mila euro allo studio...

La Regione affida i lavori ai Servizi forestali. 50mila euro allo studio della frana di Valle di Cadore

Pierantonio Zanchetta e Oscar De Bona
Pierantonio Zanchetta e Oscar De Bona

Ammonta a 375 mila euro l’importo dei lavori di sistemazione idrogeologica, ambientale e della viabilità silvopastorale in cinque località bellunesi. Il provvedimento è stato approvato dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore alle Politiche dell’Ambiente, Giancarlo Conta. Come spiega l’assessore Oscar De Bona al termine della seduta: «Si tratta di interventi importanti per la salvaguardia del nostro territorio che vengono affidati al Servizio forestale regionale di Belluno, guidato da Pierantonio Zanchetta, il quale li eseguirà in economia impiegando le proprie maestranze. Anche in questi casi saranno utilizzati i fondi versati alla Regione dagli enti pubblici che ne hanno assegnato la delega, cioè la Provincia, i Comuni di Danta di Cadore, Farra e Chies d’Alpago e la Comunità montana Belluno-Ponte nelle Alpi». Nello specifico, per conto dell’amministrazione provinciale sono destinati 30 mila euro per la regimazione delle  acque in località Pradel nel comune di Forno di Zoldo e 150 mila euro per sistemare la viabilità a valle del ponte sulla ex strada statale n. 50 nel comune di Arsiè. Con 73 mila euro viene finanziata la sistemazione della strada silvopastorale di Vandaten per il Comune di Danta di Cadore. Per il Comune di Farra d’Alpago, con 20 mila euro viene effettuato un lavoro di riqualificazione ambientale a Santa Croce del Lago, mentre a Chies d’Alpago i 100 mila euro serviranno per sostenere le spese per il consolidamento delle opere di sostegno delle infrastrutture in località Funes. Per conto della Comunità montana Belluno – Ponte, con 1.700 euro, si procederà alla ripulitura dell’area sul tracciato della ex seggiovia del Col dei Pez in Nevegal.  De Bona riferisce anche che è stato varato il programma straordinario per opere di difesa idrogeologica. Tra i sei Comuni in Veneto che hanno presentato progetto per interventi risulta anche quello di Valle di Cadore. Per quanto riguarda questo Comune, la proposta consiste nel finanziare con 50 mila euro uno studio idrogeologico del movimento franoso della dorsale su cui è posta la chiesa di San Martino. Il terreno infatti,  è interessato di recente da una repentina accelerazione della frana tanto da compromettere la staticità dell’edificio nonché la sicurezza dell’alveo del sottostante torrente Boite.

Share
- Advertisment -

Popolari

Belluno. Mappa delle asfaltature dal 19 maggio al 30 luglio

Per consentire i lavori di fresatura e asfaltatura per il ripristino del manto stradale in alcune vie, nel periodo dal 19 maggio al 30...

104mo Giro d’Italia. Il 19 maggio la diretta della presentazione della tappa dolomitica del 24 maggio

Il 19 maggio alle ore 11 avrà luogo nella Sala Consiliare del Comune di Cortina, in Corso Italia n. 33 la presentazione della tappa...

Divide et impera. Terna ci riprova trattando separatamente con i singoli Comuni

Terna pare aver fatto sua la strategia di Giulio Cesare, "Divide et impera" e riprende la trattativa separata con i singoli Comuni. Alcuni dei...

Sfregiati gli affreschi del rustico di Villa Patt a Sedico. Cibien: “Sporgeremo denuncia”

Brutta sorpresa per i tecnici della Provincia di Belluno. Nei giorni scorsi un sopralluogo a Villa Patt (a Sedico) ha fatto scoprire una serie...
Share