13.9 C
Belluno
martedì, Settembre 29, 2020
Home Cronaca/Politica Il Comune di Belluno cede alcune pertinenze del rifugio 7mo Alpini al...

Il Comune di Belluno cede alcune pertinenze del rifugio 7mo Alpini al Cai

Martedì mattina a Palazzo Rosso, presente anche l’assessore al patrimonio, Tiziana Martire, il sindaco di Belluno, Antonio Prade ha incontrato il presidente della Sezione di Belluno del Club Alpino Italiano, Alessandro Farinazzo. L’incontro, richiesto dal Cai, aveva per oggetto l’acquisto di alcune pertinenze del rifugio 7° Alpini (tra le quali la chiesetta), oggi di proprietà comunale ma ritenute necessarie dal CAI per una migliore manutenzione e presentazione del rifugio. La risposta del sindaco è stata positiva e nei prossimi giorni gli uffici lavoreranno per il trasferimento della proprietà. Nelle settimane scorse già si era avviata una preziosa collaborazione fra Comune di Belluno e CAI su di una realtà piccola ma importante, quella della sistemazione della segnaletica nella zona del sentiero Vaus. Si tratta di un luogo di straordinaria bellezza ma anche di gravi incidenti, ultimo quello costato la vita a Paolo Longi lo scorso luglio. L’incontro è dunque servito anche per condividere la criticità della segnaletica di molti sentieri del Comune, criticità in buona parte derivante da un quadro di competenze poco chiaro. Inoltre molte consuetudini, anche se dovute alla buona volontà, non hanno sempre prodotto una realtà di sicurezza e di trasparenza. E questo vale sia per i sentieri che per le vie ferrate della Schiara. “Dobbiamo uscire da queste incertezze – ha detto il sindaco Antonio Prade – ne va del buon nome del nostro comune. La collaborazione con le donne e gli uomini del CAI, ma non solo, ci aiuterà a venire a capo di questi problemi. Noi abbiamo l’obiettivo di una segnaletica evidente, completa e sicura su tutto il nostro comune, per tutti i nostri sentieri e per le vie ferrate. Dunque i prossimi giorni proseguirà il nostro lavoro per mettere bene a fuoco la situazione esistente. Poi arriveranno le soluzioni”.

Share
- Advertisment -



Popolari

Arrestato e incarcerato un uomo a San Vito di Cadore

I carabinieri di San Vito di Cadore hanno arrestato M.G. Guerretta, 60enne residente a Treviso. L'uomo doveva scontare 6 anni e 6 mesi di...

Focolai di contagio covid a San Pietro di Cadore e Santo Stefano di Cadore. La Prefettura dispone l’intensificazione dei controlli di polizia

Si è tenuta oggi pomeriggio, in Prefettura, una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal prefetto, Adriana Cogode, con...

Indennità di rischio radiologico, la Cisl diffida l’Ulss 1 Dolomiti

La decisione della Ulss 1 Dolomiti, avvallata dal Nucleo aziendale di valutazione del rischio radiologico (Navrr) è definitiva: ai lavoratori di categoria B, infermieri...

Oltre le Vette 2020. Venerdì la prima serata della rassegna dedicata all’alpinismo e all’avventura

Si terranno al Teatro Comunale di Belluno le serate dedicate all’alpinismo e all’avventura della 24a edizione di Oltre le vette – Metafore, uomini, luoghi...
Share