13.9 C
Belluno
domenica, Giugno 13, 2021
Home Cronaca/Politica Energie rinnovabili: sfruttare le opportunità offerte dalla nuova legge nazionale

Energie rinnovabili: sfruttare le opportunità offerte dalla nuova legge nazionale

Giovanni Piccoli vicepresidente della Provincia
Giovanni Piccoli vicepresidente della Provincia

«Con l’approvazione del disegno di legge n. 1195 sulle “disposizioni per lo sviluppo e l’internazionalizzazione delle imprese, nonché in materia di energia” sono state introdotte novità in materia di incentivazione della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. Anche il territorio bellunese potrà trarne grandi benefici, se si saprà attuare un’adeguata politica energetica». Lo dice Giovanni Piccoli, Vicepresidente dell’Amministrazione provinciale e Assessore alle politiche energetiche.  «In questi giorni – spiega – ho studiato a fondo le opportunità offerte dal nuovo disegno di legge sul fronte della produzione di energia pulita. Le opportunità per il territorio e gli enti locali sono diverse». «Nello specifico – aggiunge Giovanni Piccoli – va segnalata, ad esempio, la norma che consentirà ai Comuni fino a 20 mila abitanti, quindi 67 su 69 in provincia, di auto-produrre energia elettrica con sistemi fotovoltaici di potenza fino a 200 kW. Così il Comune potrà scontare dal suo bilancio energetico totale tutta l’energia elettrica prodotta da un singolo impianto fotovoltaico (con potenza massima fino a 200 kWp), potrà adibire siti del proprio patrimonio alla localizzazione di impianti per l’erogazione in “conto energia”, offrire dei servizi di “scambio sul posto” dell’energia elettrica prodotta per privati cittadini che desiderano usufruire degli incentivi e firmare contratti di scambio energetico con il gestore della rete. La novità consiste nella possibilità di erogare energia a tutto il territorio mentre prima questa doveva, secondo la vecchia normativa, essere prodotta e consumata nello stesso luogo».«Sono inoltre confermati gli incentivi alla produzione di energia elettrica da biomasse – dice ancora il Vicepresidente dell’Amministrazione provinciale – una delle maggiori risorse che il territorio bellunese mette a disposizione. In particolare viene data immediata applicazione alla possibilità per gli impianti di potenza installata inferiore ad 1 MW di accedere ad una tariffa fissa omnicomprensiva pari a 0,28 euro per Kwh prodotto e viene confermata la cumulabilità di tali incentivi con gli aiuti agli investimenti in conto capitale fino ad un’intensità massima del 40%».

Share
- Advertisment -

Popolari

No paura day 4. Belluno, piazza Martiri domenica ore 19:00

Domenica 13 giugno alle ore 19:00 in piazza dei Martiri a Belluno, si terrà il quarto appuntamento bellunese con l'iniziativa "No paura day". La...

Wanbao-Acc: il sindacato si divide. FimCisl ritira la propria delegazione

“Da alcuni articoli oggi apparsi sui giornali risulta che lunedì a Mestre il segretario della Fiom Cgil Bona Stefano incontrerà il governatore Luca Zaia...

Rincaro materie prime, dagli eurodeputati i primi segnali di supporto. Basso (Confartigianato): «Il problema va risolto, altrimenti la ripresa non sarà possibile»

Stanno arrivando le prime azioni a supporto di Confartigianato Belluno per porre un freno al rincaro delle materie prime. Dagli uffici di Piazzale Resistenza,...

Lavori alla scuola “Valeriano” di Castion. Le classi ripartite tra Badilet, Borgo Piave e Castion

Si è concluso in questi giorni, dopo un incontro con i vertici dell'Istituto Comprensivo 3 e con gli esponenti del consiglio d'istituto, lo studio...
Share