13.9 C
Belluno
martedì, Marzo 9, 2021
Home Cronaca/Politica Il Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Belluno Dolomiti ricorda Pieralberto Za, scomparso...

Il Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Belluno Dolomiti ricorda Pieralberto Za, scomparso domenica scorsa in Sud Africa.

Marco Bortoluzzi, presidente Giovani imprenditori
Marco Bortoluzzi, presidente Giovani imprenditori

Il Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Belluno Dolomiti desidera ricordare con affetto Pieralberto Za, il giovane industriale di Belluno scomparso domenica scorsa vicino a Città del Capo in Sud Africa, e stringersi alla famiglia in questo momento di dolore. Pieralberto, come la sorella Anna, era stato membro del Gruppo Giovani Imprenditori dell’Associazione fra gli Industriali della Provincia di Belluno dal 1996 al 1998, dove aveva ricoperto cariche importanti nel Direttivo Provinciale. Il suo spirito libero e la sua voglia di misurarsi con il mondo lo avevano portato ben undici anni fa con la moglie Federica lontano da Belluno e dalle sicurezze familiari ed economiche che aveva qui, nella sua terra, per misurarsi con un mondo nuovo e sconosciuto. Queste le parole di Marco Bortoluzzi, Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Belluno Dolomiti: “Per tutti noi giovani imprenditori Pieralberto rappresenta l’uomo che ha avuto il coraggio di lasciare tutte le certezze, che ha superato la paura di rischiare, che ha preferito non adagiarsi ma andare a conoscere un Paese nuovo dove ha trasferito e acquisito competenze importanti, dove ha costruito dal nulla un’impresa di successo e la sua nuova vita con la compagna di sempre e i suoi tre figli. Pieralberto è e sarà sempre un esempio di umanità e imprenditorialità”. Serena Lavina, Past President del Gruppo Giovani Imprenditori di Belluno “Quando ho conosciuto Pieralberto l’ho da subito trovato estremamente brillante, con un’energia e una voglia di fare che mi avevano colpito. Era un ragazzo giovane quando è entrato nel Gruppo Giovani Imprenditori tra il 1996 e il 1998 quando ero Presidente, e insieme alla sorella Anna ha dato un grosso contributo all’Associazione, sia in termini di idee che in termini fattivi. È stata sua l’idea della mostra di archeologia industriale che abbiamo organizzato, e non solo”. Michele Faggioli, Past President del Gruppo Giovani Imprenditori di Belluno lo ricorda così: “L’ho conosciuto in missione imprenditoriale in Sud Africa nel 1995. Il ricordo che ho è di un ragazzo che veniva da una famiglia con un dna di personalità vulcaniche. Pieralberto aveva una personalità ancora più esplosiva di quella del padre, della madre e della sorella, tutti molto creativi e concreti. Questo lo ha portato a scegliere di andare in un Paese dove poter esprimere al meglio se stesso, la propria fantasia e creatività, senza dover sottostare alla nostra burocrazia. Insofferente ai vincoli è il simbolo positivo di chi ha avuto coraggio”. “Pieralberto era un amico,” afferma Gianluca Vigne, Presidente dei Giovani industriali del Veneto, “Un ragazzo figlio imprenditori bellunesi, di buona famiglia, cosa che a volte si rivela un requisito sufficiente per scegliere di non guardare oltre. Lui non l’ha fatto, ha scelto di mettersi in gioco, intraprendendo un viaggio che lo ha portato in una metropoli cosmopolita quotidianamente attraversata dalla modernità da dove guardava all’Italia sempre con un sorriso”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Comuni e Recovery Plan. Massaro: «Cambiare le regole o non riusciremo a spendere nulla»

Incontro questa mattina tra i vertici dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani e il Ministro alla Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta; al centro del confronto, il Recovery...

Festa della Donna e Sex Work: 120.000 donne non sono tutelate in Italia. Pia Covre: “Nessuna donna è colpevole o vittima perché sex worker”

8 marzo 2021 – In Italia si contano almeno 120.000 sex worker e circa 20 milioni di clienti annui. Solo nella dimensione online Escort...

Lupo. Bortoluzzi: «Presenza sempre più vicina alle case, serve un piano di gestione diverso»

«Per la tutela della piccola agricoltura di montagna, degli hobbisti dell’allevamento e anche in ottica di mantenimento del territorio serve un piano di gestione...

Una maxi coperta ai piedi delle Tre Cime di Lavaredo per dire no alla violenza sulle donne

L’associazione UP – I Sogni fuori dal cassetto porta sulle Dolomiti “Viva Vittoria”: progetto d’arte relazionale, già sperimentato in numerose piazze italiane, coinvolgerà numerose...
Share