13.9 C
Belluno
domenica, Giugno 13, 2021
Home Cronaca/Politica Dalla Regione: Adsl, trasporto a Tambre e pesca

Dalla Regione: Adsl, trasporto a Tambre e pesca

Un milione per la banda larga

L’assessore Oscar De Bona, a conclusione dell’odierna seduta di giunta, comunica alcuni dei provvedimenti adottati dall’esecutivo veneto a favore di enti e istituzioni bellunesi. Tra questi, su iniziativa dell’assessore all’Informatica ed E-governement, Renato Chisso, c’è l’attribuzione del maggior contributo, apri a un milione di euro al posto degli 800 previsti, per la diffusione del servizio di banda larga nelle aree in provincia di Belluno non ancora raggiunte dal sistema di connettività veloce. «Nel rispetto del Piano operativo 2008, adottato dal governo veneto per garantire le infrastrutture e la disponibilità di servizi informatici ad alta velocità e quindi superare il digital divide – riferisce De Bona – nella riunione di oggi la giunta ha riadattato la delibera, superando alcune difficoltà di ordine burocratico, provvedendo ad assegnare il finanziamento massimo ammissibile di un milione per le aree bellunesi prive della velocizzazione degli accessi ai servizi on line. Non fruiscono ancora del servizio di banda larga, le cui cause sono da attribuire purtroppo al fallimento del mercato, i territori dei comuni di Vigo di Cadore, Ospitale di Cadore, Cibiana di Cadore, Soverzene, Zoppè di Cadore, Alleghe, Auronzo di Cadore, Feltre, Lamon, Mel, Perarolo di Cadore e Rocca Pietore».
Nuovo regolamento per il trasporto a Tambre

Ancora su proposta di Renato Chisso, nella sua veste di assessore alla Mobilità, rientra l’autorizzazione al Comune di Tambre di adottare un nuovo regolamento per il servizio di trasporto persone più consono alle esigenze del paese. Considerato che Tambre è un comune montano con meno di 5 mila abitanti e dal momento che il servizio di trasporto pubblico non è adeguato ai bisogni della popolazione è stato possibile andare in deroga alle direttive nazionali consentendo l’utilizzo di autoveicoli anche in maniera difforme dalla loro destinazione. «Con questo nuovo strumento per Tambre – sottolinea Oscar De Bona – viene agevolato l’esercizio del diritto allo studio erogando nel contempo i servizi in campo sociale ed assistenziale».

Erogati i proventi della pesca

«Su proposta della collega alla Pesca, Maria Luisa Coppola – continua De Bona – la giunta ha approvato la quota da riversare alle Province sulla base degli introiti dai proventi delle tasse di concessione, nella misura dell’80 per cento, per l’esercizio della pesca nelle acque interne del Veneto. Alla Provincia di Belluno sono stati assegnati 62.714,12 euro che verranno erogati in due rate: la prima, che sarà distribuita appena verrà adottato questo provvedimento, ammonterà a 58.620,74 euro e la seconda, che dipenderà dalla disponibilità di cassa, sarà pari a  4.093.38 euro».

Share
- Advertisment -

Popolari

No paura day 4. Belluno, piazza Martiri domenica ore 19:00

Domenica 13 giugno alle ore 19:00 in piazza dei Martiri a Belluno, si terrà il quarto appuntamento bellunese con l'iniziativa "No paura day". La...

Wanbao-Acc: il sindacato si divide. FimCisl ritira la propria delegazione

“Da alcuni articoli oggi apparsi sui giornali risulta che lunedì a Mestre il segretario della Fiom Cgil Bona Stefano incontrerà il governatore Luca Zaia...

Rincaro materie prime, dagli eurodeputati i primi segnali di supporto. Basso (Confartigianato): «Il problema va risolto, altrimenti la ripresa non sarà possibile»

Stanno arrivando le prime azioni a supporto di Confartigianato Belluno per porre un freno al rincaro delle materie prime. Dagli uffici di Piazzale Resistenza,...

Lavori alla scuola “Valeriano” di Castion. Le classi ripartite tra Badilet, Borgo Piave e Castion

Si è concluso in questi giorni, dopo un incontro con i vertici dell'Istituto Comprensivo 3 e con gli esponenti del consiglio d'istituto, lo studio...
Share