13.9 C
Belluno
domenica, Giugno 13, 2021
Home Cronaca/Politica Della serie, chi le spara più grosse! La storia di quel candidato...

Della serie, chi le spara più grosse! La storia di quel candidato di Bottacin che salvò l’8 per mille della Chiesa dalle fauci dei leoni

Al detto “in guerra e in amore non ci sono regole” occorrerà aggiungere anche “in campagna elettorale”. Perché  c’è un candidato della lista civica di Bottacin che si aggira per il Cadore sparandole grosse. Ma l’ultima le supera tutte. A darne notizia è il coordinatore provinciale del Pd Valerio Tabacchi. Questo predicatore dice d’esser stato un sostenitore di Sergio Reolon, ma di averlo abbandonato perché Reolon avrebbe deciso di bloccare l’8 per mille a favore della Chiesa Cattolica. “Tentativo sventato, secondo quanto va dicendo il nostro prode consigliere!” E’ evidente che siamo alla farsa. A chi la spara più grossa. “Se Reolon avesse il potere di bloccare o modificare le tasse e la  destinazione delle stesse sarebbe un capo di governo di uno Stato, non un presidente di Provincia – chiarisce Tabacchi – Ciò premesso, è incredibile che questo candidato le spari così grosse! Capisco non avere idee e progetti da proporre agli elettori, ed effettivamente il centrodestra non lo aiuta in questo, ma inventarsi di sana pianta aneddoti di questo tipo non la trovo una grande strategia. Più difficile al candidato cadorino risulterà invece confutare i risultati ottenuti dall’amministrazione provinciale Reolon – prosegue Tabacchi –  Mi permetto al riguardo di elencarne qualcuno. Abbonamento Unico studenti per il trasporto scolastico alla tariffa  più bassa per tutti indipendentemente dalla distanza che lo studente  deve percorrere; 23 milioni di euro investiti per sistemare tutti gli edifici  scolastici superiori; autobus notturno il sabato sera per divertirsi senza rischiare la vita; Dolomiti patrimonio dell’Umanità; mostra di Tiziano con 104.000 visitatori in 4 mesi; raccolta differenziata passata dal 29 al 55% che consentirà di non  dover aprire nuove discariche né costruire inceneritori; sportello Casa per agevolare le famiglie nella costruzione acquisto  o ristrutturazione della prima casa; 112 milioni di euro di investimenti sulla viabilità provinciale e riconoscimento del demanio idrico con acquisizione delle competenze  e dei canoni (15 milioni di euro l’anno circa)”.

Share
- Advertisment -

Popolari

No paura day 4. Belluno, piazza Martiri domenica ore 19:00

Domenica 13 giugno alle ore 19:00 in piazza dei Martiri a Belluno, si terrà il quarto appuntamento bellunese con l'iniziativa "No paura day". La...

Wanbao-Acc: il sindacato si divide. FimCisl ritira la propria delegazione

“Da alcuni articoli oggi apparsi sui giornali risulta che lunedì a Mestre il segretario della Fiom Cgil Bona Stefano incontrerà il governatore Luca Zaia...

Rincaro materie prime, dagli eurodeputati i primi segnali di supporto. Basso (Confartigianato): «Il problema va risolto, altrimenti la ripresa non sarà possibile»

Stanno arrivando le prime azioni a supporto di Confartigianato Belluno per porre un freno al rincaro delle materie prime. Dagli uffici di Piazzale Resistenza,...

Lavori alla scuola “Valeriano” di Castion. Le classi ripartite tra Badilet, Borgo Piave e Castion

Si è concluso in questi giorni, dopo un incontro con i vertici dell'Istituto Comprensivo 3 e con gli esponenti del consiglio d'istituto, lo studio...
Share