Sunday, 18 August 2019 - 21:27
direttore responsabile Roberto De Nart

Tatiana Pais Becher incontra Patty Smith all’Ambassador of conscience award – Berlino

Mag 30th, 2015 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Cronaca/Politica, Prima Pagina

tatiana pais becher patty smithLa leggendaria cantante folk Joan Baez e l’artista di fama mondiale Ai Weiwei, entrambi attivisti impegnati nel campo dei diritti umani, sono stati nominati Ambasciatori della Coscienza 2015 di Amnesty International a Berlino. Il premio Ambasciatore della Coscienza, ideato e diretto da Bill Shipsey presidente di Art For Amnesty, è il principale riconoscimento che Amnesty International riserva a coloro che hanno mostrato straordinario carisma nella lotta per i diritti umani, nella loro vita e nella loro carriera professionale. Nelle precedenti edizioni, il premio Ambasciatore della coscienza è stato conferito a Vaclav Havel (2003), Mary Robinson e Hilda Morales Trujillo (2004), U2 e Paul McGuinness (2005); Nelson Mandela (2006); Peter Gabriel (2008); Aung San Suu Kyi (2009, ritirato nel 2012); Harry Belafonte e Malala Yousafzai (2013).

Nel team dell’associazione internazionale Art For Amnesty anche una cadorina, Tatiana Pais Becher, chiamata direttamente da Bill Shipsey a collaborare per l’organizzazione dell’evento. Tatiana ha così lavorato come volontaria nel team che si è occupato degli artisti protagonisti della cerimonia, avendo così la possibilità di vivere l’evento fianco a fianco di nomi internazionali della musica come Patti Smith, Joan Baez, Glen Hansard, Jo Harman, Gabriela Montero e personalità della cultura come Chris Dercon, direttore del Tate Modern Museum, la poetessa iraniana Sepideh Jodeyri, il leader degli studenti di Piazza Tienanmen Wu’er Kaixi.

Tatiana è stata incaricata in particolare di seguire l’artista americana Patti Smith, conosciuta in tutto il mondo come la Poetessa del Rock, accogliendola al suo arrivo all’aeroporto e accompagnandola in hotel, al teatro per le prove e alla festa che è seguita alla cerimonia di consegna dell’award. Un’occasione unica e irripetibile per una amante della musica rock come Tatiana, che prima di partire per Berlino ha preso contatti con la Fondazione Papa Luciani e con il suo direttore Loris Serafini, consapevole della grande passione e adorazione della cantante per il nostro Papa bellunese. Loris Serafini aveva infatti già incontrato Patti Smith in occasione del suo concerto a Venezia nel 2010.

La Fondazione Papa Luciani ha così preparato una lettera d’invito per la Poetessa del Rock, che le è stata recapitata direttamente dalle mani di Tatiana, accompagnata da immagini fotografiche delle Dolomiti e dall’auspicio che Patti Smith accolga l’invito e voli a Canale D’Agordo per visitare il paese che ha dato i natali a Papa Luciani. Patti Smith ha ricevuto con sorrisi ed emozione la lettera della Fondazione Papa Luciani, ricordando l’incontro di Venezia e parlando del suo affetto per la figura di Papa Luciani, che la accompagna ogni mattina al suo risveglio dato che la cantante ha posizionato una Sua fotografia sopra il letto in camera sua.

Un’esperienza indimenticabile per Tatiana che ha colto l’occasione anche per programmare con Bill Shipsey i dettagli della Catena Umana alle Tre Cime di Lavaredo, presentando già il progetto ai responsabili delle sezioni di Amnesty Germania e Gran Bretagna.

Share

3 comments
Leave a comment »

  1. E allora? E la notizia?

  2. Ce ne sono molte qui dentro, certo possono interessare o meno. Saluti marinaio.

  3. Mi congratulo con Tatiana, donna colta, intelligente preparata e piena di iniziative.

    Questa nostra comunità bellunese deve essere orgogliosa di “ospitare” ed essere rappresentata

    da Tatiana che mi auguro estenda ulteriormente il suo impegno sul terreno della cultura e della politica.

    Mario Svaluto Moreolo