13.9 C
Belluno
martedì, Aprile 16, 2024
HomeSocietà, Associazioni, IstituzioniSabato in piazza Martiri per un cessate il fuoco in Ucraina

Sabato in piazza Martiri per un cessate il fuoco in Ucraina

Sabato 22 ottobre dalle ore 10 alle ore 18 in piazza dei Martiri a Belluno ci sarà un banchetto informativo e di scambio di idee, sull’attuale conflitto in Ucraina promosso dal Coordinamento provinciale Pace e Disarmo.

Aderiscono all’iniziativa: Acli, ANPI, Casa dei Beni Comuni, CGIL, Spi-Cgil, Emergency, Movimento dei Focolari, Non una di meno, Samarcanda s.c.s. onlus.

Sarà l’occasione per informare anche sulla manifestazione nazionale del prossimo 5 novembre a Roma, promossa da Europa For Peace e organizzata da Rete italiana Pace e Disarmo, insieme a tante altre realtà, che ha già raccolto più di 700 adesioni, per chiedere con forza il cessate il fuoco, l’apertura di un negoziato e di una Conferenza internazionale di Pace.

Dopo otto anni di conflitto nel Donbass e dopo otto mesi dall’esecrabile invasione dell’Ucraina da parte della Russia, si manifestano distruzioni, morti e odio sempre maggiori. Siamo sempre più convinti – si legge nella nota del Coordinamento provinciale pace e disarmo – che si debbano chiudere gli arsenali e aprire le stanze della diplomazia e del disarmo. La logica della sola contrapposizione armata tra le parti e con armi sempre più potenti, dettata da una politica miope, ha provocato una escalation della guerra e crudeltà sempre maggiori, con il rischio sempre più alto che si possa arrivare all’uso di armi nucleari.
In uno scenario in cui la diplomazia sembra messa a tacere dai potenti – prosegue la nota – è necessario che i popoli si facciano sentire e manifestino apertamente la voglia di pace e di dialogo.
È per questo che, come Coordinamento provinciale Pace e Disarmo, desideriamo chiamare cittadine, cittadini, associazioni e organizzazioni ad un’azione comune pacifica, nonviolenta per chiedere il cessate il fuoco immediato e l’apertura di negoziati, insieme ad oltre 100 piazze di comuni italiani che hanno aderito all’appello della Rete italiana Pace e Disarmo dal 21 al 23 ottobre.

 

- Advertisment -

Popolari