13.9 C
Belluno
sabato, Novembre 26, 2022
Home Lavoro, Economia, Turismo Rappresentanze cittadini: no all'ampliamento della Metalba di Fortogna. Martedì alle 17:30 l'incontro...

Rappresentanze cittadini: no all’ampliamento della Metalba di Fortogna. Martedì alle 17:30 l’incontro on-line

Domani, martedì 4 ottobre, alle ore 17.30 ci sarà l’inchiesta pubblica per discutere le osservazioni presentate da alcuni cittadini di Feltre e di Fortogna e dal Comune di Longarone, in riferimento alla richiesta di ampliamento della fonderia Metalba a Fortogna.

Questa inchiesta pubblica sarà effettuata in modalità On-Line e sarà possibile assistere come auditori a tutta la popolazione accedendo al link https://call.lifesizecloud.com/15870999.
In questo incontro, come previsto dalla norma, ci sarà un contradditorio tra tutti i cittadini, le rappresentanze del Comune di Longarone che hanno presentato le osservazioni, e l’Azienda, la quale sarà obbligata a rispondere alle stesse in presenza del Comitato Tecnico Provinciale per la Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), che dovrà poi valutare la compatibilità dell’intervento.

Ribadiamo la nostra contrarietà all’ampliamento della fonderia – dichiarano le rappresentanze dei cittadini e i comitati –  che ricordiamo praticamente raddoppierà la produzione passando dall’attuale di 21.521,20 tonnellate anno (dato 2021) alle previste 39.600 tonnellate/anno (+84%), emettendo diossine e soprattutto 115kg di metalli pesanti quali arsenico, mercurio, cadmio, cromo, nichel, berillo, alluminio, piombo, zinco, molte sostanze classificate come cancerogene dall’Organizzazione mondiale per la Sanità.
In particolare nelle osservazioni dei comitati vengono evidenziati la non attendibilità dello studio presentato a supporto della richiesta di ampliamento, in quanto in quanto lo studio ha valutato l’impatto considerando i dati rilevati con la produzione effettiva del 2021 che va rapportata alla prevista produzione richiesta (+84%). L’aumento previsto dal Laboratorio Ecoricerche invece prevede un aumento di solo il 35%, rapportando erroneamente i soli
limiti autorizzativi. Quindi la stima dell’inquinamento dovuto alle emissioni in atmosfera, al traffico pesante non sono attendibili, in quanto sottostimata.
Anche i calcoli delle effettive emissioni attuali presenti nello studio saranno oggetto di discussione: infatti c’è una notevole differenza (quasi 10 volte) tra il valore misurato nella stessa giornata dal controllo in discontinuo e il controllo in continuo dello SME. Anche questo chiaramente potrebbe modificare di molto la previsione delle emissioni in atmosfera.

Ricordiamo inoltre che fino al 2008 per 20 anni non è stato effettuato nessuna controllo del materiale introdotto nel forno, non c’era nessun sistema di abbattimento della Diossina e anche successivamente i sistemi di filtraggio ed abbattimento hanno avuto problemi, provocando sforamenti di diossina dal limite autorizzato nel 2016 e 2017 nei
pochi controlli ARPAV effettuati. Inoltre il sistema di filtraggio si è incendiato nel 2018. Inoltre questa azienda ha l’autorizzazione a bruciare 10.000 tonnellate anno di rifiuti che possono contenere inerti, plastiche <20% in peso (quindi fino a 2000 tonnellate anno), oli <10% in peso”. Tra i vari codici CER richiesti si ricorda: CER 20 01 40 – “rifiuti
urbani (rifiuti domestici e assimilabili) inclusi i rifiuti della raccolta differenziata, cosa negata dal Direttore di Stabilimento nell’incontro. Quindi un ampliamento produttivo in un azienda con questi precedenti ci preoccupa.

Anche le osservazioni del Comune di Longarone sono a nostro parere importanti: infatti viene evidenziato che nel P.A.T.I. deliberato nel 2010 si prevede relativamente alla zona Industriale di Fortogna: “tale area impatta fortemente con la destinazione d’uso residenziale…. Per tali motivi il PATI prevede un trasferimento delle attività produttive da
effettuarsi tramite accordo pubblico-privato. In ogni caso non è ammesso l’ampliamento dell’attività presente in un ottica di progressiva dismissione e di riqualificazione dal punto di vista residenziale dell’intera zona.”
Inoltre il Comune evidenzia che in occasione della riunione di presentazione del 26/07/2022 la ditta Metalba ha asserito di non utilizzare nel processo lavorativo rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata (codice CER 19) e quindi richiede la restrizione dell’autorizzazione a fondere questo tipo di rifiuti.
Si invitano quindi tutti i cittadini a collegarsi al link https://call.lifesizecloud.com/15870999 alle ore 17.30.

Share
- Advertisment -

Popolari

Hanno calato la maschera. L’Epifania della Verità * di Filiberto Dal Molin

Al Politecnico di Torino è stato annullato il grande Convegno “Poli-covid-22 salute, scienza e società alla prova della pandemia” per un bilancio scientifico sui...

CortinAteatro, un inverno spettacolare a Cortina d’Ampezzo

La rassegna, promossa e sostenuta dal Comune di Cortina D’Ampezzo e organizzata da Musincantus, torna all’Alexander Girardi Hall con un ricco cartellone per il...

Misurina, Istituto Pio XII. Zanoni (PD): “Regione scongiuri la chiusura”

"La perdita di questo punto di riferimento sanitario per bambini e adolescenti affetti da malattie respiratorie sarebbe pesantissima. L'Istituto Pio XII di Misurina è...

Come la moda crea cultura e innovazione: arte, design, chimica e meccatronica protagonisti del 5° Mastertech di Verona

Verona, 25 novembre 2022 – L’industria del Tessile, Moda e Accessorio Made in Italy è un asset strategico per il Paese non solo per...
Share