13.9 C
Belluno
sabato, Giugno 25, 2022
Home Prima Pagina Ultime tappe del Mask to ride 3.0 Nessuno escluso. Un abbraccio di...

Ultime tappe del Mask to ride 3.0 Nessuno escluso. Un abbraccio di 3500 Km all’Italia con Alvaro Dal Farra e Mattia Cattapan

L’asso del freestyle motocross Alvaro Dal Farra e il campione di Kart cross in carrozzina Mattia Cattapan riaccendono i motori per la terza edizione della carovana di solidarietà “Mask to ride”. Un tour dal Nord al Sud dello Stivale, dal 6 al 19 giugno, con esibizioni mozzafiato ed esperienze di “mototerapia”, per portare gioia, emozioni e divertimento al mondo della disabilità. L’iniziativa, nata da un’idea di Nicola Barchet, imprenditore impegnato nel sociale, toccherà ancora il Veneto: dopo l’appuntamento di stamattina al Palazzetto dello Sport di Sedico, sabato proseguirà a Spilimbergo, domenica 19 giugno dalle 10:00 alle 12:00 a Salizzole in Piazza Castello (VR) e nel pomeriggio a Trento.

Ad ogni tappa di questo tour 2022 l’asso internazionale del freestyle motocross Alvaro Dal Farra e di Mattia Cattapan, atleta in carrozzina campione di Kart cross e fondatore di Crossabili si sono esibiti con delle spettacolari acrobazie.

Un’ora di show adrenalinico con impennate della moto, drifting sulla “E-Motion – Drive” – una motocross speciale adattata agli utilizzatori di carrozzina – salti in rampa, acrobazie, momenti di “mototerapia” che coinvolgono il pubblico e regalano tante emozioni e sorrisi, spesso la miglior medicina per chi deve fare i conti ogni giorno con la disabilità in un mondo non sempre molto inclusivo e chi soprattutto negli ultimi due anni è rimasto più solo, con poche possibilità di incontrare il mondo esterno.

L’avventura è nata nel 2020, appena concluso il primo durissimo lockdown, da un’idea di Nicola Barchet, imprenditore impegnato nel sociale, con l’obiettivo di donare 50.000 mascherine e un momento di gioia e condivisione a chi più duramente era stato colpito dalla pandemia.

Quest’anno il duo di “Mask to ride” è tornato in pista. Doveva esserci anche la ciclo-viaggiatrice Sara Rubatto che, a causa di una malattia cardiaca, sentendosi dire dai medici “non potrai fare più nemmeno 20 metri di corsa”, ha percorso più di 10.000 km in solitaria con la bicicletta. Purtroppo da poco tempo ci ha lasciati ma il suo spirito e la sua incredibile forza d’animo di certo non mancheranno per nessuno.

Share
- Advertisment -

Popolari

Tutto quello che c’è da sapere sul Nevegal * di Jacopo Massaro

"Circa 20 giorni fa abbiamo ufficialmente portato a casa 300.000 euro da parte della Regione per lo sviluppo del Nevegal". Ne dà notizia Jacopo Massaro...

La Leggenda di Bassano, prima tappa

Dopo il ritrovo per le verifiche in Villa Ca’ Cornaro di questa mattina e un veloce brunch ad anticipare il saluto del presidente del...

Il sindaco di Belluno De Pellegrin ha consegnato copia della Costituzione ai neo diciottenni alla Sagra del Campanot

Ieri sera, giovedì 23 giugno, il sindaco Oscar De Pellegrin ha accolto l'invito della Pro Loco Pieve Castionese, impegnata nella sagra del Campanot. Come da...

Detenzione e spaccio di stupefacenti. Un ventenne agli arresti domiciliari

La sera di mercoledì 22 giugno, la Squadra Mobile e le Volanti della Questura di Belluno hanno arrestato un giovane per detenzione di stupefacenti...
Share