13.9 C
Belluno
sabato, Giugno 25, 2022
Home Cronaca/Politica De Pellegrin e il progetto di rilancio del centro storico

De Pellegrin e il progetto di rilancio del centro storico

Oscar De Pellegrin

«Il centro storico è ricco di grandi contenitori? Riempiamoli di contenuti. Con i fatti, non solo con le parole». Il candidato sindaco Oscar De Pellegrin ha le idee chiare rispetto al rilancio del cuore pulsante del capoluogo. E propone un progetto mirato: «Dobbiamo passare dai “contenitori” ai “luoghi”. Perché i luoghi corrispondono a un’identità socio-culturale e non a una geografica: sono spazi dotati di significato e capaci di generare valore. Di conseguenza, ci muoveremo su alcune linee di indirizzo».

Linee che spaziano dall’organizzazione di grandi eventi della cultura e dello sport, promossi in modo continuativo, alla collaborazione con altre città, centri di ricerca e istituti di formazione. Senza considerare il miglioramento della ricettività, la cura degli spazi culturali (in primis per i giovani), la stretta connessione tra il centro e le frazioni, la manutenzione e la sostenibilità: di natura ambientale, economica e sociale.

De Pellegrin e la sua coalizione vogliono coltivare l’economia delle relazioni: «Tutto passa per l’innovazione sociale, la capacità del territorio di rispondere ai bisogni in maniera efficace e giusta. Ma passa pure per l’intraprendenza, la capacità dei cittadini di prendersi il “rischio” di alimentare processi condivisi».

Nulla verrà calato dall’alto e tantomeno imposto agli operatori del commercio, del turismo e dei servizi: «Daremo vita a un tavolo di confronto sul centro storico. Tavolo che verrà aperto già dal 13 giugno, se dovessimo vincere le elezioni. Siamo pronti a realizzare un calendario preciso di incontri lungo l’intero arco dell’anno, con un gruppo di lavoro coeso e aperto, di volta in volta, ai soggetti interessati alle varie iniziative. Un gruppo che avrà un filo diretto con l’amministrazione». I requisiti fondamentali saranno essenzialmente due: «Tutto dovrà essere pensato e organizzato assieme. E dovrà avere una prospettiva di continuità».

Insomma, anche il territorio è chiamato a recitare la sua parte, a essere attivo e intraprendente: «A collaborare con responsabilità», precisa il candidato. Per agevolare un simile processo, la conditio sine qua non è legata al ripopolamento del centro. Magari facendo leva sul “temporary store”, il cosiddetto “negozio dalla durata variabile”, in cui il contratto di locazione temporanea è riconosciuto da una legge regionale.

Pure nell’immediato ci sono diverse cose da poter mettere in pratica per reagire all’abbandono e all’incuria della città: «Per un periodo che potrebbe comprendere l’intera prossima estate e l’autunno – conclude De Pellegrin – vorremmo organizzare un’iniziativa che comprenda gli immobili sfitti. In particolare, cedere gli spazi in locazione ad aziende disposte a offrire i propri prodotti; promuovere l’esposizione di un tema unitario sulle vetrine; avviare un coinvolgimento di giovani creativi. E curare l’aspetto urbano». Il futuro è adesso.

Share
- Advertisment -

Popolari

Tutto quello che c’è da sapere sul Nevegal * di Jacopo Massaro

"Circa 20 giorni fa abbiamo ufficialmente portato a casa 300.000 euro da parte della Regione per lo sviluppo del Nevegal". Ne dà notizia Jacopo Massaro...

La Leggenda di Bassano, prima tappa

Dopo il ritrovo per le verifiche in Villa Ca’ Cornaro di questa mattina e un veloce brunch ad anticipare il saluto del presidente del...

Il sindaco di Belluno De Pellegrin ha consegnato copia della Costituzione ai neo diciottenni alla Sagra del Campanot

Ieri sera, giovedì 23 giugno, il sindaco Oscar De Pellegrin ha accolto l'invito della Pro Loco Pieve Castionese, impegnata nella sagra del Campanot. Come da...

Detenzione e spaccio di stupefacenti. Un ventenne agli arresti domiciliari

La sera di mercoledì 22 giugno, la Squadra Mobile e le Volanti della Questura di Belluno hanno arrestato un giovane per detenzione di stupefacenti...
Share