13.9 C
Belluno
sabato, Ottobre 1, 2022
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Il saccheggio della Biblioteca Buzzatti nel 1918. Monica Frapporti mercoledì al terzo...

Il saccheggio della Biblioteca Buzzatti nel 1918. Monica Frapporti mercoledì al terzo appuntamento Giardino Buzzati

“Libri e Labbra. Biblioteche sognanti e risognanti” a Villa Buzzati San Pellegrino di Belluno, mercoledì 8 settembre alle ore 20:45.

Monica Frapporti

Sarà Monica Frapporti relatrice del terzo appuntamento della rassegna culturale Giardino Buzzati con “Il saccheggio della Biblioteca Buzzati a Villa San Pellegrino”. La storia della nascita di una delle più importanti biblioteche di Belluno e l’avvincente rievocazione dell’evento storico che la vide protagonista del saccheggio da parte delle truppe austro-ungariche durante la fine della Grande Guerra, nella primavera del 1918. La Biblioteca Buzzati rivivrà proprio a Villa Buzzati San Pellegrino, tra le mura che un tempo la custodivano, attraverso le parole di Monica Frapporti e le lettura di Mirta Amanda Barbonetti.
La studiosa Monica Frapporti si è imbattuta per caso nella biblioteca della famiglia Buzzati: “stavo facendo una ricerca sugli aspetti della Prima Guerra Mondiale nella Sinistra Piave –racconta Frapporti- quando casualmente ho trovato dei documenti che parlavano di questa misteriosa biblioteca, ricchissima di volumi, trafugati e portati a Vienna dalle truppe austro-ungariche e successivamente restituiti solo in parte alla città di Belluno. Ne sono rimasta talmente incuriosita da approfondire l’argomento con una ricerca che mi ha poi portata a scrivere un saggio pubblicato per l’Archivio Storico di Belluno, Feltre e Cadore”.

Mercoledì 8 settembre, alle 20:45 Monica Frapporti racconterà ai presenti le vicende di questa biblioteca: dalla fondazione da parte di Augusto e del figlio Giulio Cesare, passando per il saccheggio durante l’occupazione del 1917-18, fino al difficile recupero di alcuni libri dopo la guerra e alla donazione degli stessi al Comune di Belluno. Un’avvincente rievocazione storica in cui i libri sono i veri protagonisti, insieme alla Città e al suo Podestà, ai generali, i soldati, gli artigiani e i cittadini, tutti testimoni di quei giorni di guerra e scompiglio.

Augusto Buzzati e il figlio Giulio Cesare, vissero fuori Belluno, ma sempre ritornavano in villeggiatura a San Pellegrino, dove l’amore per la natia patria, unito alla passione per la bibliofilia, li portò a fondare una delle biblioteche più considerevoli della provincia.
“La raccolta –spiega Frapporti- era composta per una parte da libri di vario genere, per l’altra parte da opere relative a Belluno e alla sua provincia, la cosiddetta Bibliotheca Bellunensis. Si trattava di una collezione il cui filo conduttore era rappresentato dall’ambito bellunese: una raccolta sia di opere di carattere librario che documentario, manoscritti e a stampa, acquistati sul mercato antiquario o recuperati da altre collezioni famigliari”.

Una storia tutta Bellunese che si era persa nel tempo e che ritorna alla luce attraverso una paziente ricerca storica e una meticolosa ricostruzione dei fatti il cui racconto sarà arricchito da Mirta Amanda Barbonetti che leggerà alcuni trai i documenti più emozionanti che Frapporti ha trovato: alcune pagine del diario del saccheggio e l’articolo “Addio ai libri”, pubblicato da Dino Buzzati sul Corriere della Sera dopo essersi recato con il padre a vedere lo stato della biblioteca.

“Oggi la maggior parte della collezione – conclude Frapporti – è divisa tra vari enti: Archivio storico del Comune di Belluno, Archivio di stato di Belluno, Biblioteca civica di Belluno, ma altri volumi sono conservati altrove e sarebbe davvero interessante ricostruirla almeno virtualmente”.

Gli eventi si terranno nel Granaio (60 posti). Ingresso offerta libera.
Prenotazione obbligatoria al +39 3516082602 a partire dal 23 agosto dalle 16 alle 19.
L’accesso alle manifestazioni sarà consentito solo su esibizione di Green Pass o tampone negativo nelle ultime 48 ore.

Monica Frapporti

Dopo la maturità classica si laurea in Economia e commercio e da più di vent’anni si occupa di consulenza aziendale.
Nel frattempo studia Storia con indirizzo archivistico e biblioteconomico presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia e sta preparando la tesi su un codice postillato dell’Historia di Belluno di Giorgio Piloni.
Studiosa e ricercatrice archivistica ha realizzato varie pubblicazioni di
È responsabile della cura editoriale della rivista di storia bellunese “Archivio storico di Belluno Feltre e Cadore”.

Mirta Amanda Barbonetti

Mirta Amanda Barbonetti

Nata a Belluno dove vive e lavora, si è laureata in letteratura italiana contemporanea all’Università di Padova. Dopo una lunga esperienza in Gran Bretagna, attualmente lavora in un ente pubblico e collabora con enti e associazioni culturali, nell’organizzazione di eventi.
Traduttrice dall’inglese e dallo spagnolo, collabora con la rivista di poesia online Fili d’Aquilone.
Nel 2018, ha pubblicato per la Rivista on-line La Recerche, l’e-book Memoria e Desiderio, sul poeta spagnolo Alfonso Brezmes.
Membro del Direttivo dell’Isbrec scrive sulla Rivista dell’Istituto, Protagonisti.

Share
- Advertisment -

Popolari

Le opere di Luciano De Polo al punto vendita vini “Casere” di Cavarzano

Belluno, 1° ottobre 2022 - Prosegue con successo la rassegna artistica ideata da Roberto Bogo nel suo negozio di Cavarzano, punto vendita di vini...

Presentata ieri al Centro congressi Giovanni 23mo la nuova guida rossa Belluno città splendente

Ha avuto luogo ieri, venerdì 30 settembre al Centro Giovanni XXIII di Belluno, la presentazione della guida “Belluno città splendente. Storia, architettura, arte” tanto attesa dalla...

Andre Fiocco è il nuovo segretario provinciale della Cgil Funzione Pubblica. Subentra a Gianluigi Della Giacoma

Oggi, a Sedico, presso il Centro Formazione e Sicurezza, è stato eletto il nuovo Segretario Generale della Fp-CGIL di Belluno. Le delegate e i delegati...

Tornano in vigore da domani a Belluno le inutili ordinanze anti smog

Belluno, 30 settembre 2022 - Entrano in vigore da domani, sabato 1 ottobre, le due nuove ordinanze comunali “antismog” (N.358 “Misure di limitazione della...
Share