13.9 C
Belluno
sabato, Settembre 18, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Fatima Chiarelli e Maddalena Serafin espongono alla Galleria Rizet ad Arsié di...

Fatima Chiarelli e Maddalena Serafin espongono alla Galleria Rizet ad Arsié di Ponte nelle Alpi

Nuova iniziativa della Gelleriea Rizet di Diego Rizzo, ad Arsié di Ponte nelle Alpi. Sabato 31 luglio alle ore 17:00 avrà luogo l’inaugurazione della rassegna con due artiste venete: Fatima Chiarelli e Maddalena Serafin. Presenta Ombretta Frezza, critica e storica dell’arte.

Fatima Chiarelli

Fatima Chiarelli è psicologa con approccio olistico, insegnante yoga, e operatrice ayurvedica e risiede in provincia di Padova. Il suo amore per la pittura risale all’adolescenza, all’epoca della scuola media. Una passione riaffiorata nel 2019 quando ha comprato tela e colori primari e ha iniziato a dipingere. Ama i colori, le forme morbide, ondulate, femminili, la giocosità, lo scherzo, le sfumature, dare voce all’anima.
“Vorrei sperimentare tecniche naturali per la pittura – dichiara Fatima – quindi andare verso una pittura ‘ecologica’ e sensibile a tematiche di vita reale, strano detto da chi dipinge in astratto, ma questo sento, che nella forma non forma e grazie alla vibrazione del colore, stando in connessione con quello che c’è, tutto può essere espresso.”

Maddalena Serafin

Anche per Maddalena Serafin, trevigiana, la passione per la pittura ha inizio sui banchi di scuola, quando era ancora 14enne. La vita però le riserva altre priorità. Diventare mamma è l’inizio di un bellissimo percorso personale, che le farà scegliere di anteporre il ruolo genitoriale alla carriera lavorativa. Grazie a questa pausa Maddalena riscopre la pittura. E dal 2017 intraprende questa nuova avventura. Per Maddalena dipingere significa dare forma alle proprie emozioni, vibrazioni umorali che filtrano attraverso i colori e le forme dei suoi quadri. Il colore è concepito come un messaggero, narratore di ciò che lei avverte. Pennelli, spatole, mani portano ad una pittura empatica e sensuale, tra sensualità e narrazione.

Ombretta Frezza

Ombretta Frezza è critica e storica dell’arte. Laureata a Cà Foscari in Conservazione dei Beni Culturali – Indirizzo Storia dell’Arte Contemporanea. Con Tesi: La rappresentazione del Sile e della campagna trevigiana nell’opera di Beppe Ciardi. Relatore Prof Nico Stringa. Si occupa di arte italiana e francese dalla seconda metà dell’800 fino alla seconda metà del ‘900. Lavora come critica e storica dell’arte presso realtà quali Web Art Gallery di Franco Fonzo, con il quale partecipa alle edizioni di Arteinfiera Dolomiti, Associazione Artistica Grecale, Alliance Française comitato di Treviso, Università della Terza Età di Treviso, Villorba, Crocetta del Montello, Monastier – Silea, lavora , Associazione Artisti Trevigiani, Comune di Treviso, Musei Civici di Treviso, musei del Louvre e D’Orsay di Parigi (guida museale ) Società Dante Alighieri di Treviso, come libera professionista con artisti di varie realtà locali e non solo. Gestisce alcuni spazi espostivi nella città di Treviso. Ha pubblicato alcuni saggi critici dedicati ad artisti quali Silvio Gagno e Alice Biba. Ha collaborato con la redazione della rivista della Trevisani nel Mondo, a tutt’oggi collabora con alcuni scrittori quali Lorenza Poletti, Andrea Delia, Nicoletta Riato, Walter Garatti, Gianluca Ascione. Prossimamente in uscita un suo romanzo per la casa editrice Panda di Castelfranco.

 

 

 

Share
- Advertisment -




Popolari

Denunciato il direttore della Ser.S.A.

Belluno, 17 settembre 2021 - Può un direttore di una Rsa impedire la visita di un parente diretto nell’orario prestabilito, in possesso di prenotazione...

Crisi Acc. Donazzan: Dopo le rassicurazioni di Annibaletti confidiamo in una posizione coerente del Mise

Venezia, 17 settembre 2021  -  L’Assessore regionale al lavoro del Veneto, Elena Donazzan, alla luce delle odierne dichiarazioni riportate dalla stampa locale in merito alla...

ACC. Incontro al Mise del 28 settembre. Zuglian: “La Fim Cisl non lascerà che a pagare errate valutazioni o previsioni siano ancora i lavoratori”

"La Fim Cisl giudica positivamente la pronta convocazione del tavolo ACC al Mise del 28 settembre. Alla luce di alcune dichiarazioni apparse sui giornali...

Via le restrizioni del green pass a scuola, sono discriminatorie e pericolose

L’Italia è il Paese con il Green Pass più restrittivo d’Europa eppure non ci sono ancora linee guide precise su come vivere la quotidianità...
Share