13.9 C
Belluno
sabato, Settembre 18, 2021
Home Cronaca/Politica Allagamenti in Alpago. Contributo all'Unione Montana Alpago dalla Provincia. Bortoluzzi: «Indispensabile per tenere...

Allagamenti in Alpago. Contributo all’Unione Montana Alpago dalla Provincia. Bortoluzzi: «Indispensabile per tenere sul territorio le imprese che creano lavoro e reddito»

Accordo di programma tra l’Unione Montana Alpago e la Provincia per l’installazione di un’idrovora in zona industriale Paludi. Un’idea che era già stata messa nero su bianco e che dopo l’alluvione di inizio dicembre 2020 è stata velocizzata dall’amministrazione provinciale. Giovedì 29, l’approvazione del consiglio.

Massimo Bortoluzzi, consigliere provinciale delegato alla Difesa del Suolo e alla Protezione Civile

«Una manovra indispensabile per tenere sul territorio le imprese che creano lavoro e reddito» commenta il consigliere provinciale delegato alla difesa del suolo, Massimo Bortoluzzi. «A dicembre, l’ultima alluvione ha mandato sott’acqua buona parte della zona di Paludi e ha provocato danni ingenti a diverse imprese dell’area industriale. Non possiamo permetterci che si verifichino ulteriori allagamenti. Con questo accordo di programma, a cui la Provincia partecipa con 40mila euro di fondi propri, l’Unione Montana potrà installare un’idrovora e agevolare lo smaltimento delle acque piovane nel canale Rai».

L’idrovora che sarà installata (di fronte all’area dove oggi ci sono i drive-in dell’Ulss) è ad alta portata. Si attiva nel momento in cui si creano le condizioni limite di pioggia e scarica direttamente nel canale Rai, in modo da prevenire gli allagamenti della zona industriale.

«È un ulteriore esempio dell’attenzione della Provincia ai territori con particolari problematiche idrauliche e idrogeologiche – conclude il consigliere Bortoluzzi -. In Alpago negli ultimi mesi sono state fatte numerose somme urgenze: per la pulizia del lago, per la messa in sicurezza della frana di Buscole e di quella di Palughetto, e anche per la sistemazione di un dissesto a Farra. A breve partiremo con ulteriori opere, grazie a un ulteriore accordo di programma che formalizzeremo con il Comune di Chies per la regimazione delle acque piovane. Sempre con fondi propri della Provincia. Nel frattempo abbiamo provveduto alla ricognizione dei danni pervenutaci dagli enti locali e dallo stesso ente Provincia, come previsto dall’ordinanza del commissario Dell’Acqua; per la zona dell’Alpago sono state richieste ingenti somme, si parla di decine di milioni di euro».

Share
- Advertisment -




Popolari

Denunciato il direttore della Ser.S.A.

Belluno, 17 settembre 2021 - Può un direttore di una Rsa impedire la visita di un parente diretto nell’orario prestabilito, in possesso di prenotazione...

Crisi Acc. Donazzan: Dopo le rassicurazioni di Annibaletti confidiamo in una posizione coerente del Mise

Venezia, 17 settembre 2021  -  L’Assessore regionale al lavoro del Veneto, Elena Donazzan, alla luce delle odierne dichiarazioni riportate dalla stampa locale in merito alla...

ACC. Incontro al Mise del 28 settembre. Zuglian: “La Fim Cisl non lascerà che a pagare errate valutazioni o previsioni siano ancora i lavoratori”

"La Fim Cisl giudica positivamente la pronta convocazione del tavolo ACC al Mise del 28 settembre. Alla luce di alcune dichiarazioni apparse sui giornali...

Via le restrizioni del green pass a scuola, sono discriminatorie e pericolose

L’Italia è il Paese con il Green Pass più restrittivo d’Europa eppure non ci sono ancora linee guide precise su come vivere la quotidianità...
Share