13.9 C
Belluno
sabato, Settembre 18, 2021
Home Cronaca/Politica La delegazione della Provincia incontra il ministro D'Incà a Roma

La delegazione della Provincia incontra il ministro D’Incà a Roma

Roma, 14 luglio 2021 – Prosegue la trasferta romana della delegazione della Provincia di Belluno. Dopo la riunione di ieri con il ministro Gelmini, questa mattina a Roma, il presidente della Provincia Roberto Padrin, i consiglieri delegati Bortoluzzi, De Bon, De Toni, hanno incontrato nella sede del Dipartimento per i Rapporti con il Parlamento, il ministro Federico D’Incà. Sul tavolo, i temi della montagna già affrontati nei precedenti incontri, il ristoro dei danni da maltempo delle ultime emergenze, la progettazione di nuove infrastrutture sportive nel Bellunese, e anche la situazione delle crisi industriali della Valbelluna. Era presente anche il deputato Roger De Menech.

«La montagna può essere un territorio strategico su cui sperimentare buone pratiche politiche, utili anche per i territori di pianura ed esportabili. E il ministro D’Incà ci ha assicurato il suo impegno a proseguire nel percorso già tracciato – commenta il presidente Padrin -. Inoltre, abbiamo raccolto la disponibilità del ministro, che ringraziamo, a organizzare a Belluno un tavolo strategico sul lavoro, in cui affrontare a tutto tondo le prospettive future per il nostro territorio, a cominciare dalle crisi aziendali della Valbelluna».

«C’è un’importante visione sulla montagna e sul Bellunese e per questo ritengo che l’incontro di oggi, frutto di un preciso percorso di sinergia istituzionale che abbiamo costruito con il presidente Padrin e l’onorevole De Menech, sia particolarmente importante per il futuro del nostro territorio. Personalmente, ho ribadito la piena disponibilità nel recepire le istanze che mi sono state presentate per rappresentarle nelle sedi opportune. Ho anche confermato al presidente Padrin l’interesse sulle proposte per una legge dedicata alla Montagna e sono sicuro che con il lavoro di squadra istituzionale e territoriale saranno presentate idee valide per rilanciare le aree montane sotto il profilo imprenditoriale, sociale e turistico» ha dichiarato al termine dell’incontro il ministro D’Incà.

Con il ministro D’Incà si è anche discusso della vicenda legata allo stabilimento Acc di Borgo Valbelluna: «Sto seguendo con attenzione l’iter del decreto attuativo dell’articolo 37 contenuto nel decreto Sostegni che, attualmente, è al vaglio della Corte dei Conti per le opportune verifiche e mi auguro che il percorso si possa chiudere in tempi brevi – dichiara ancora D’Incà -: Acc e Ideal Standard rivestono un’importanza strategica nel nostro Paese e per questo motivo continuerò a portare all’attenzione del Governo la situazione dei due stabilimenti».

«È fondamentale, tanto più in questo preciso momento storico, lavorare tutti insieme per la provincia di Belluno – commenta il deputato Roger De Menech -. Lo richiedono le esigenze del territorio e delle persone che vogliono continuare a viverci: al centro delle nostre politiche questo deve esserci. Tutto questo in un momento storico in cui sono a disposizione risorse importantissime».

Share
- Advertisment -




Popolari

Denunciato il direttore della Ser.S.A.

7Belluno, 17 settembre 2021 - Può un direttore di una Rsa impedire la visita di un parente diretto nell’orario prestabilito, in possesso di prenotazione...

Crisi Acc. Donazzan: Dopo le rassicurazioni di Annibaletti confidiamo in una posizione coerente del Mise

Venezia, 17 settembre 2021  -  L’Assessore regionale al lavoro del Veneto, Elena Donazzan, alla luce delle odierne dichiarazioni riportate dalla stampa locale in merito alla...

ACC. Incontro al Mise del 28 settembre. Zuglian: “La Fim Cisl non lascerà che a pagare errate valutazioni o previsioni siano ancora i lavoratori”

"La Fim Cisl giudica positivamente la pronta convocazione del tavolo ACC al Mise del 28 settembre. Alla luce di alcune dichiarazioni apparse sui giornali...

Via le restrizioni del green pass a scuola, sono discriminatorie e pericolose

L’Italia è il Paese con il Green Pass più restrittivo d’Europa eppure non ci sono ancora linee guide precise su come vivere la quotidianità...
Share