13.9 C
Belluno
domenica, Ottobre 24, 2021
Home Prima Pagina Covid, l’estate ferma il virus. Calano i ricoveri e le terapie intensive....

Covid, l’estate ferma il virus. Calano i ricoveri e le terapie intensive. I dati di un anno fa erano ancora più favorevoli

Riportiamo i dati ufficiali del Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità. Il report settimanale n.57 con aggiornamento al 16 giugno 2021 riferito al periodo: 7/6/2021-13/6/2021 dice: “L’incidenza, sia sull’intero territorio nazionale che in tutte le Regioni/province autonome, continua a diminuire ed è sotto il 50 per 100.000 abitanti ogni 7 giorni. La pressione sui servizi ospedalieri si conferma al di sotto della soglia critica in tutte le Regioni/province autonome la stima dell’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stabilmente al di sotto della soglia epidemica. (…)“. Secondo l’analisi dei dati relativi al periodo 7– 13 giugno 2021 “Nessuna Regione/provincia autonoma supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica. Il tasso di occupazione in terapia intensiva è 6%, sotto la soglia critica, con una diminuzione nel numero di persone ricoverate che passa da 688 (08/06/2021) a 504 (15/06/2021). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende ulteriormente (6%). Il numero di persone ricoverate in queste aree passa da 4.685 (08/06/2021) a 3.333 (15/06/2021)”.

Un quadro, insomma, sostanzialmente positivo e rassicurante, che a fronte di una possente campagna vaccinale con oltre 46 milioni di somministrazioni, ha fatto scendere a 504 le persone ricoverate in terapia intensiva e 3.333 gli ospedalizzati.

Ma com’era la situazione ospedaliera un anno fa, quando ancora doveva decollare la massiccia campagna vaccinale?

Se osserviamo la tabella del Ministero della Salute del 21 giugno 2020, scopriamo che la situazione di giugno 2020 era ancora meno grave di oggi. Infatti c’erano 148 ricoverati in terapia intensiva, e 2.314 ricoverati con sintomi meno gravi in altre aree mediche.

 

Se prendiamo in esame il dato della Regione Veneto vediamo che il 21 giugno 2020 c’erano 28 ricoverati con sintomi e uno grave in terapia intensiva. Un anno dopo, nel bollettino del 21 giugno 2021, troviamo 107  pazienti positivi al covid in cura negli ospedali veneti, di cui 20 in condizioni gravi.

Un po’ sorprende il dato dello scorso anno, quando doveva ancora iniziare la campagna vaccinale (in Italia, la distribuzione del vaccino è iniziata il 31 dicembre 2020), e la situazione ricoveri negli ospedali era più leggera di quella di oggi. Ci saremmo aspettati una situazione migliore a un anno dalla pandemia con restrizioni e vaccini. Nemmeno il dato sulle morti per covid, a distanza di un anno, fa registrare variazioni di rilievo.

L’estate, per ora, ha fermato il virus. La prova del fuoco, nella lotta vaccino-varianti covid ci attende a settembre-ottobre, come è successo lo scorso anno.

(rdn)

Share
- Advertisment -



Popolari

In 2.500 in piazza Duomo alla manifestazione No green pass. Breve intervento di Stefano Puzzer

Belluno, 23 ottobre 2021 - Circa duemilacinquecento persone questa sera in Piazza Duomo per la manifestazione (la 13ma a Belluno) "No green pass". Alle 19:10...

A Paola Cecchini la quarta edizione del Premio Zanfron

È Paola Cecchini, giornalista professionista di Pesaro e redattrice di Progetto Radici curato dall'Associazione Nazionale Italiani nel Mondo, la vincitrice del quarto premio giornalistico...

La Fidapa saluta il questore Lilia Fredella che lascia Belluno per il nuovo incarico a La Spezia

La Fidapa Bpw Italy di Belluno saluta, seppur con un velo di rammarico ma con grande simpatia ed amicizia, il questore di Belluno Lilia...

Un concentratore di ossigeno per la Casa di riposo dagli Alpini e l’Auser di Mel

Com’è costume degli alpini, con una cerimonia sobria ma sentita, è stato consegnato alla Casa di Riposo di Mel un concentratore di ossigeno che...
Share