13.9 C
Belluno
lunedì, Settembre 26, 2022
Home Cronaca/Politica Belluno smontata a pezzi e rimontata altrove. Sede Inail verso il declassamento....

Belluno smontata a pezzi e rimontata altrove. Sede Inail verso il declassamento. Massaro: “Inaccettabile riduzione dei servizi”

«In questi giorni corre la voce di un possibile, nuovo declassamento delle sedi INAIL di Belluno e Rovigo che, se corrispondesse a verità, sarebbe un’inaccettabile riduzione dei servizi per questi territori. Chiediamo quindi che si faccia luce su questo, per dare tranquillità ai dipendenti e la giusta dignità ai cittadini ».

Jacopo Massaro – Sindaco di Belluno

Il sindaco di Belluno, Jacopo Massaro, e il sindaco di Rovigo, Edoardo Gaffeo, rilanciano così le preoccupazioni circa il futuro delle sedi INAIL di Belluno e di Rovigo che sembrano
destinate a un declassamento da parte della direzione regionale.

Già nel 2014, la sede provinciale bellunese aveva subito un primo attacco con la riduzione di servizi, passando da “classe A” a “classe B”. Ora, sembra che possa esserci un ulteriore passo indietro per gli uffici di Belluno e Rovigo, che potrebbero passare in “classe C” a fronte del mantenimento di una classe superiore in città come – per restare nelle vicinanze – Bassano del Grappa o Conegliano.

«Crediamo che, senza nulla togliere alle professionalità che vi operano, sarebbe assurdo un assorbimento delle funzioni della sede provinciale di città capoluogo come Belluno o
Rovigo da parte di una realtà lontana e diversa, come invece pare previsto dal nuovo piano regionale. – sottolineano i sindaci – Tra l’altro i numeri dei nostri uffici INAIL sono in linea con quelli delle altre sedi di classe B proprio perché si tratta di un’unica sede provinciale; Belluno e Rovigo sono le due sole realtà venete che hanno un unico centro INAIL nel loro territorio, e rischiano di essere ulteriormente penalizzate da questa “razionalizzazione”, nonostante le rassicurazioni arrivate dalla direzione regionale».
I primi cittadini sottolineano poi il rischio di veder indebolito il ruolo di servizio al territorio che INAIL ricopre con diverse progettualità e il legame con le aziende e i professionisti, che sarebbero costretti a ​confrontarsi con realtà lontane territorialmente e che rispondono a
logiche economiche e organizzative diverse.

«Pur avendo le stesse caratteristiche di province come Trento, Bolzano, Aosta o Pordenone, Belluno è l’unico territorio interamente montano a statuto ordinario che non gode di particolari forme di autonomia o di finanziamento. – evidenzia in aggiunta Massaro – È però evidente che non si può continuare così, perché il Bellunese non può essere governato con le stesse logiche della pianura: sono tante e marcate le differenze tra la montagna e la pianura, e la logica dei costi standard e dei tagli orizzontali qui non può continuare ad essere applicato».

«Crediamo – concludono Massaro e Gaffeo – che, a fronte del dramma della pandemia che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo e della prossima ripartenza di tutti i settori economici e produttivi, ridurre servizi come questi nei territori periferici sia una scelta inaccettabile ed illogica.
Facciamo quindi appello a tutti i nostri rappresentanti a Roma affinché facciano sentire la loro voce e impediscano l’ennesima mazzata per cittadini e lavoratori».

Share
- Advertisment -

Popolari

Nuova pista di atletica al Polisportivo di Belluno

Sono a buon punto i lavori al Polisportivo di Belluno: entro la settimana sarà terminata la posa della nuova pista di atletica. Il progetto,...

Presentata la nuova guida rossa. Belluno Città Splendente – Storia, Architettura, Arte

E' stata presentata questa mattina alla stampa la nuova edizione della guida di Belluno che ha rivisto, modificato e ampliato la famosa “Guida rossa”...

Progetto teatrale “Scuola, amore mio”. La Compagnia Bretelle Lasche cerca giovani dai 15 ai 17 anni

La compagnia teatrale Bretelle Lasche (APS senza scopo di lucro) cerca ragazzi dai 15 ai 17 anni, motivati, per il nuovo spettacolo che sta allestendo,...

Elezioni politiche: Meloni vince, Fratelli d’Italia primo partito

Trionfo di Giorgia Meloni, Fratelli d'Italia è il primo partito, seguito dal Movimento 5 Stelle e Lega. La coalizione del centrodestra raggiunge il 44%...
Share