13.9 C
Belluno
sabato, Novembre 27, 2021
Home Cronaca/Politica Il numero unico di emergenza europeo 112 e la sua applicazione in...

Il numero unico di emergenza europeo 112 e la sua applicazione in Italia. Intervista al dottor Cipolotti

Giovanni Cipolotti

Del numero unico di emergenza europeo 112 si è interessata in questi ultimi giorni la politica regionale. Sul tema, abbiamo interpellato un esperto, il dottor Giovanni Cipolotti, medico rianimatore, anestesista, già responsabile del Suem 118 di Verona, Treviso e Belluno.

Dottor Cipolotti, come nasce e cos’è il 112?
“Dopo una decisione della CEE del 1991 in cui, in ambito comunitario, veniva adottato il 112 come numero unico di Emergenza, nel 2002 la Comunità Europea ha approvato una apposita direttiva, che prevedeva che tutti i cittadini europei potessero accedere a questo servizio, in tutti i paesi della CEE”.

Come si era organizzata, sino ad allora, l’Italia per la ricezione delle chiamate di emergenza e soccorso?
“Nel nostro Paese, il primo numero di emergenza, che è stato istituito nel 1968, è stato il 113 (Soccorso Pubblico di Emergenza), attestato presso le Questure ed i Commissariati di Polizia, seguito dal 112, gestito dall’Arma dei Carabinieri, dal 115, per richiedere il soccorso tecnico alle Centrali Operative provinciali dei Vigili del Fuoco, e dal 118, numero dedicato alle richieste di urgenza-emergenza sanitaria”.

Qual è stato lo sviluppo delle Centrali Operative del 118 nel nostro Paese?
“Dalla metà degli anni ’80 molte Regioni italiane hanno cominciato a pianificare l’organizzazione di Centrali operative provinciali a cui venivano inoltrate le richieste di soccorso sanitario, superando i numerosi numeri allora presenti, e utilizzando il personale infermieristico, cui era dato il compito di raccogliere le chiamate, decidere la gravità, ed inviare il mezzo e l’equipaggio più adeguato. Tale modello ha permesso di considerare la persona colpita da una malattia o infortunio come “paziente” non nel momento in cui entrava in ospedale, ma quando effettuava la chiamata al 118. In questo modo sono stati ridotti i tempi di intervento e sono state migliorate le modalità di soccorso. Allo stato attuale, e dopo oltre 30 anni dalla nascita del 118, la diffusa conoscenza della popolazione per l’utilizzo di questo numero, e la professionalità degli operatori laici e professionali che operano nell’ambito del Sistema di emergenza, hanno reso la rete dei soccorsi nel nostro Paese efficiente ed efficace”.

Come si sta integrando il numero unico europeo 112 con la rete dei numeri di emergenza in Italia?
“In alcune Regioni italiane (Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Piemonte, Sicilia, Valle d’Aosta, provincie Autonome e Trento e Bolzano, Marche, Umbria) sono state create delle Centrali operative 112 di primo livello (NUE 112), cui sono stati fatti afferire i numeri di emergenza in uso (113,115,118). In queste strutture opera personale laico addestrato che risponde alla chiamata, stabilisce le necessità di intervento dei vari enti, ed inoltra i dati, in tempo reale e per via informatica, alle Centrali operative di 2° livello delle Forze di Polizia, Vigili del Fuoco e Soccorso sanitario. Per identificare la posizione dell’utente che chiama, si utilizza il collegamento con un Centro interforze in grado di localizzare il numero di telefono fisso o mobile. Successivamente, la chiamata inoltrata alla Centrale operativa di 2° livello permette all’operatore professionale di identificare le necessità, ed inviare i mezzi e gli equipaggi più adeguati”.

Quali sono i vantaggi della creazione di Centrali operative NUE 112 in Italia in ambito sanitario?
“La centralizzazione delle chiamate ha permesso, nelle realtà in cui è stata applicata, di ridurre il numero delle Centrali operative provinciali del 118, garantendo uniformità tecnologica e procedure comuni nella gestione della telefonata. Inoltre, la trasmissione simultanea della scheda dei dati di intervento e la identificazione della posizione dell’utente facilità la localizzazione dell’evento. Inoltre, con il trasferimento automatico alle centrali operative del NUE 112 dei vecchi numeri per le richieste di soccorso, è stato ridotto il numero di false chiamate”.

Ci sono dei problemi che si sono evidenziati nell’applicazione del modello NUE 112 in Italia?
“A fronte dei vantaggi descritti, nell’applicazione del modello di un numero unico dell’emergenza bisogna considerare le criticità che, in questi anni di implementazione del modello, si sono evidenziate:
– la chiamata viene prima raccolta da un operatore “laico” e poi, per le chiamate sanitarie, trasferita ad un professionista (infermiere 118); questo modello, in taluni casi, può allungare i tempi di ricezione, e quindi di soccorso;
– l’accentramento di tutte le richieste ad un unico numero, senza prevedere un sistema di “trabocco” (trasferimento automatico) delle telefonate ad una altra struttura operativa, può determinare il sovraccarico del 112: questo avviene, ad esempio, in caso di eventi atmosferici avversi, per cui i tempi di risposta, a causa dell’impegno degli operatori e del sovraccarico delle linee, si allungano significativamente, determinando potenziali e gravi ritardi negli interventi di soccorso sanitario;
– la localizzazione della telefonata attraverso cellulare avviene tramite un calcolo della posizione, effettuata attraverso la ricezione del segnale da più ripetitori; questa determinazione è precisa in ambito urbano o nelle zone in cui la copertura del segnale è buona, ma poco precisa in area poco antropizzate o remote;
– una localizzazione attendibile potrebbe avvenire solo con l’estrazione delle coordinate geografiche dall’apparato utilizzato per la chiamata, fatto attualmente non applicabile durante la telefonata (non tecnicamente, ma per problemi di privacy); a tale inconveniente hanno cercato di ovviare alcune Regioni, che hanno creato un’applicazione per telefoni mobili, gratuita, attraverso la quale l’utente può inviare una richiesta di soccorso, con le coordinate precise del posto in cui si trova;
– pur permanendo attive, in alcune zone del nostro paese, le Centrali operative del 115 (Vigili del Fuoco), e 118 (emergenza Sanitaria), i costruttori dei telefoni cellulari hanno implementato i dispositivi in modo che essi chiamano, in caso di mancata copertura o in assenza di credito telefonico, solo il 112, che pertanto ha visto, negli ultimi anni, crescere esponenzialmente le richieste pervenute, anche se il sistema regionale non era stato convertito al modello delle Centrali Uniche del 112.

E’ opportuno sottolineare, comunque, che il sistema attualmente presente in Veneto garantisce una corretta ricezione delle chiamate di soccorso, anche grazie alla diffusa conoscenza dei cittadini sulle diverse competenze di ogni Servizio, e pertanto il passaggio al Numero Unico Europeo 112 dovrà essere effettuato garantendo, oltre al mantenimento degli standards attualmente presenti, eventuali migliorie al sistema, per mantenere la rete dei soccorsi agli attuali livelli di efficienza”.

Share
- Advertisment -



Popolari

A Ponte nelle Alpi ci si sposa con il cagnolino al seguito

Ponte nelle Alpi, 27 novembre 2021 - Il Comune di Ponte nelle Alpi permette ai cagnolini di rimanere al fianco degli sposi, nel momento...

La Provincia di Belluno certificata Family Audit per flessibilità e conciliazione tempi di lavoro

Padrin: «La qualità di vita dipende anche dal tempo passato sul luogo di lavoro» Provincia di Belluno a misura di dipendenti. Al termine di un...

Truffe del green pass. Sgominata una banda a Milano dal Nucleo speciale della Guardia di Finanza. Venduto anche in Veneto il lasciapassare contraffatto

Nell’ambito di una complessa e innovativa indagine del IV Dipartimento (Frodi e Tutela del Consumatore – Cybercrime) della Procura della Repubblica di Milano, coordinata...

Sequestrati in Comelico dai carabinieri forestali decine di uccelli detenuti illegalmente

Denunciato il detentore e sequestrati anche dei manufatti idonei alla pratica illagale dell' "uccellagione" Nei giorni scorsi, in Comelico - I Carabinieri Forestali sono intervenuti...
Share