13.9 C
Belluno
martedì, Marzo 9, 2021
Home Cronaca/Politica Val di Zoldo, Luchetta: «Bene che la Regione intervenga. A ogni modo,...

Val di Zoldo, Luchetta: «Bene che la Regione intervenga. A ogni modo, la guerra sulle competenze fa solo il male del territorio»

«Il trasporto solido sceso lungo un rio minore sulla Sp 251 della Val di Zoldo ha interrotto nuovamente la viabilità e ha rischiato di isolare una vallata che già un mese fa aveva sofferto. Ancora una volta il territorio montano mostra tutta la sua fragilità. E credo che alla luce di questo sia necessario unire le forze anziché dividersi e rimpallare responsabilità o colpe». È quanto afferma il consigliere provinciale delegato alle infrastrutture, Fabio Luchetta.

«Mi fa piacere che la Regione Veneto abbia annunciato di voler intervenire, per risolvere il problema in via definitiva. Si tratta di un intervento previsto tra i compiti regionali, visto che in quel punto c’è un corso d’acqua minore, come scrive lo stesso assessore Bottacin. Non è una frana, ma un trasporto solido originato da un piccolo rio, su cui la Provincia, ai sensi della legge 11/01 non ha competenze. In ogni caso, siamo a disposizione, vista la complessità del problema. E fin da subito ci siamo messi in contatto con i nostri uffici per la gestione della criticità, visto che il rio interessa una strada, di proprietà della Provincia affidata in gestione a Veneto Strade a cui ogni anno diamo oltre 15 milioni di euro per la manutenzione della viabilità. Il tutto nella piena consapevolezza che per il bene del territorio serve unire le forze anziché mettere bandierine sulle competenze. La Provincia si vedrà trasferite le nuove competenze solo dopo il 30 giugno 2021 con l’entrata in vigore della legge regionale 43/18 (rinviata per completare le attività di riorganizzazione a seguito della Dgr 169/2019 e Dgr 1552/2020). Le nuove competenze però dovranno essere oggetto di concertazione: serviranno infatti risorse e personale adeguati, visto che i canoni idrici non basteranno a far fronte ai numerosissimi problemi che si manifestano a ogni evento meteo».

Share
- Advertisment -

Popolari

Comuni e Recovery Plan. Massaro: «Cambiare le regole o non riusciremo a spendere nulla»

Incontro questa mattina tra i vertici dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani e il Ministro alla Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta; al centro del confronto, il Recovery...

Festa della Donna e Sex Work: 120.000 donne non sono tutelate in Italia. Pia Covre: “Nessuna donna è colpevole o vittima perché sex worker”

8 marzo 2021 – In Italia si contano almeno 120.000 sex worker e circa 20 milioni di clienti annui. Solo nella dimensione online Escort...

Lupo. Bortoluzzi: «Presenza sempre più vicina alle case, serve un piano di gestione diverso»

«Per la tutela della piccola agricoltura di montagna, degli hobbisti dell’allevamento e anche in ottica di mantenimento del territorio serve un piano di gestione...

Una maxi coperta ai piedi delle Tre Cime di Lavaredo per dire no alla violenza sulle donne

L’associazione UP – I Sogni fuori dal cassetto porta sulle Dolomiti “Viva Vittoria”: progetto d’arte relazionale, già sperimentato in numerose piazze italiane, coinvolgerà numerose...
Share