13.9 C
Belluno
giovedì, Marzo 4, 2021
Home Cronaca/Politica Carenza di personale sanitario all'Ulss Dolomiti. Due interrogazioni al ministro della Salute...

Carenza di personale sanitario all’Ulss Dolomiti. Due interrogazioni al ministro della Salute dall’onorevole De Menech

Belluno, 02 febbraio 2021 Prosegue l’azione del Partito democratico bellunese per chiedere il ripristino degli organici di medici, infermieri e personale sanitario nelle strutture dell’Usl 1 Dolomiti. Nei giorni scorsi il deputato Roger De Menech ha depositato alla Camera due interrogazioni al ministro della salute Roberto Speranza chiedendo il rispetto della legge regionale 19/2016 sui livelli essenziali di assistenza e assicurare a tutti i cittadini il diritto alla salute. L’azione fa seguito ad analoga interrogazione presentata in Consiglio regionale dalla consigliera Anna Maria Bigon.

«Non ci possiamo permettere che una questione tanto importante venga dimenticata», afferma la segretaria del Pd provinciale Monica Lotto. «Il numero di medici, infermieri e personale sanitario attivi nei nostri ospedali era già inadeguato prima dello scoppio della pandemia. Oggi siamo a un livello di allarme senza precedenti. In questo contesto ci sono gravi responsabilità della Regione e della dirigenza dell’Usl che, come evidenziato un paio di settimane fa, non ha neppure avanzato la richiesta di anestesisti all’Azienda Zero in procinto di assumerne 141».

Il nodo del personale è particolarmente delicato perché alle sofferenze di tutto il sistema per la mancanza di specializzandi, si aggiunge il differenziale montagna. Come altre zone disagiate e distanti dai grandi centri urbani, il Bellunese ha bisogno di investimenti e di incentivi per attrarre medici, infermieri e tecnici.

«Ad oggi, nulla è stato fatto dalla Regione», ricorda De Menech, «nonostante la pandemia abbia consentito al governo di varare il più grande investimento sul personale sanitario mai visto. Grazie ai finanziamenti statali, i sistemi sanitari regionali stanno procedendo all’assunzioni di migliaia di medici, infermieri e operatori socio-sanitari». Le assunzioni di medici non ci saranno nel Bellunese dove sono previste solo ‘coperture di figure’ a tempo determinato. Una criticità a cui si aggiunge il problema della fuga di infermieri dalle case di riposo e che scelgono il contratto pubblico con maggiori tutele offerto dalle Usl.

«Ad oggi non ci sono numericamente le professionalità sufficienti per sostenere questa nuova richiesta di figure professionali specializzate e che necessitano di un periodo di formazione medio-lungo», afferma il deputato nell’interrogazione chiedendo al ministro quali «azioni intenda mettere in atto per stimolare le Regioni ad intervenire con azioni concrete per risolvere il problema evidenziato, garantendo i livelli essenziali di assistenza, così da assicurare a tutti i cittadini il diritto alla salute. E come si intenda incentivare e assicurare la presenza stabile di un adeguato numero di infermieri e operatori socio-sanitari nella provincia interamente montana di Belluno».

Share
- Advertisment -

Popolari

8 marzo, Giornata internazionale della Donna. La Cisl ricorda due grandi donne: Tina Anselmi e Tina Merlin

Venerdì 12 marzo alle 18 va in scena sul sito e sui canali social della Cisl Belluno Treviso lo spettacolo online “Alla radice del...

Premio Giorgio Lago, nuovi talenti del giornalismo 2021

Gli studenti delle ultime classi dei licei del Veneto sono invitati a realizzare un articolo indagando il ruolo della cultura nella società di oggi,...

Sabato il gazebo in Piazza dei Martiri per la legge antifascista “Stazzema”

Sarà presente in Piazza dei Martiri dalle 9.00 alle 13.00 di sabato 6 e di sabato 13 marzo nello spazio tra i due bar...

4500 euro dalle Pro Loco bellunesi all’Ulss Dolomiti

La pandemia da Covid -19 ha costretto nell’anno appena trascorso tutte le Pro loco Bellunesi a modificare, o in diversi casi annullare, gli eventi...
Share