13.9 C
Belluno
mercoledì, Novembre 25, 2020
Home Sport, tempo libero Auto e moto d'epoca 2020. Le curiosità della 37ma edizione

Auto e moto d’epoca 2020. Le curiosità della 37ma edizione

L’ultima gara al volante di Enzo Ferrari la vinse Nuvolari

Nuvolari partì a passo d’uomo, quasi a simulare un guasto che non aveva, lasciando la folla ad interrogarsi mentre percorreva lentamente il lungo rettilineo. Poi la curva, l’accelerata a razzo e il passaggio a livello che sbalzò il meccanico Giulio Schmidt fuori dall’abitacolo mentre Nuvolari lo acchiappava al volo con la mano libera dal volante. Così iniziò la Coppa Porretta del 1931: 128 chilometri di saliscendi sull’appennino emiliano, tre provincie attraversate e interi tratti di strada ancora da asfaltare. La gara si ripeté per tre edizioni e richiamò il gotha dell’automobilismo italiano. Il 1931 fu l’ultimo anno e la Coppa andò a Nuvolari, ma partecipò anche Enzo Ferrari e fu la sua ultima gara da pilota. Lo raccontò lui stesso nel suo “Le mie gioie terribili” descrivendo un giro di prova con il mantovano al volante: ogni curva sembrò al Drake quella fatale finché non comprese che era lo stile di guida di Nuvolari a permettergli passaggi che nessun pilota avrebbe potuto emulare.

L’AUTO PIÙ STRANA

Una Zundapp Janus 750 del 1958, identica davanti e dietro, se non per la presenza del volante e dedicata, perciò, alla divinità romana dotata di due volti e capace di vedere sia il passato che il futuro.

L’AUTO CON LA MASCHERINA

Eccola qui la prima Fiat 500: la simpatica Topolino. Questo esemplare è apparso a tutti particolarmente vicino in questi giorni, grazie ad una curiosa mascherina sul radiatore. Nella realtà serviva a proteggere la meccanica dal rigore dell’inverno ma la similitudine con le mascherine che coprono naso e bocca è stata la coincidenza che l’ha trasformata nell’icona di un grande raduno “virtuale”. Nei mesi scorsi tantissimi appassionati si sono fotografati durante il lockdown assieme alla loro Topolino e centinaia di foto sono andate a comporre, come in un mosaico, proprio l’immagine della Topolino esposta a Padova.

UNA SU DIECI?

Un Toyota Supra Abflug, 6 cilindri in linea 3100 cc biturbo da 900 cavalli e oltre 350 Km/h, degli anni ’90 . Nome tedesco che significa partenza. Ma non fatevi fuorviare, questo bolide è omologato da pista e da strada e arriva da un tuner giapponese. Pare che al mondo ne esistano solo dieci uguali.

L’AUTO DI DIABOLIK

Nel 85esimo anniversario di Jaguar non poteva mancare quella che è riconosciuta come una delle auto più belle mai costruite: la Jaguar E Type resa famosa anche dal super criminale Diabolik. La espone a Padova la Scuderia Jaguar Storiche.

Share
- Advertisment -

Popolari

Appropriazione indebita aggravata e continuata. Denunciato dipendente della Mares Ortofrutta di Sedico

I carabinieri di Sedico, a conclusione delle indagini, hanno denunciato in stato di libertà per appropriazione indebita aggravata e continuata uno dei dipendenti dell'esercizio...

Sabato a Belluno riaprono tutti i mercati

Belluno, 25 novembre 2020 - Il sindaco di Belluno, Jacopo Massaro, ha firmato oggi l'ordinanza che consentirà nella giornata di sabato la riapertura di...

Impianti sciistici. Carraro (Confindustria Veneto) e Berton (Confindustria Belluno): la salute pubblica non si discute, ma non può esserci concorrenza sleale

«Fin dall'inizio della pandemia abbiamo detto che la salute pubblica viene prima di tutto. Lo confermiamo anche in questa occasione. Ma non va dimenticato...

Incendio di un’abitazione a Umin. Attivate le misure di sostegno al nucleo familiare. Aperta una sottoscrizione

A seguito dell’incendio che ha gravemente danneggiato nel tardo pomeriggio di martedì 24 novembre un’abitazione situata nella frazione di Umin, l’Amministrazione ha prontamente attivato...
Share