13.9 C
Belluno
sabato, Dicembre 5, 2020
Home Meteo, natura, ambiente, animali Tre orsi detenuti al centro di recupero faunistico Casteller di Trento. Centopercentoanimalisti...

Tre orsi detenuti al centro di recupero faunistico Casteller di Trento. Centopercentoanimalisti aderisce alla protesta

Centopercentoanimalisti ha aderito alla protesta Nazionale. I nostri Militanti hanno affisso manifesti a Verona (Arena), Affi (catena supermercato Trentino Orvea), Vicenza (fiera), Belluno (entrata della città), Altopiano dei sette comuni (VI) e al confine con il Trentino Alto Adige. Giriamo sotto il comunicato del coordinamento.

“Libertà per gli orsi in Trentino #stopcasteller”. Questo lo slogan impresso a caratteri cubitali sui manifesti affissi dagli animalisti in 20 città italiane, in occasione della tappa del Giro d’Italia di Madonna di Campiglio, nota località sita nella provincia di Trento: Torino, Milano, Lodi, Tortona, Saronno provinciale 527, CONFINE Veneto – Trentino, Altopiano dei te comuni (VI), Vicenza (zona fiera), Voghera, Viareggio, Belluno, Verona (Arena), Affi (Verona- supermercato Orvea catena del Trentino), Pavia, Roma, Foligno, Rimini, Cagliari,. Non si ferma infatti la protesta del Coordinamento Macachi Liberi verso la detenzione dei tre orsi M49, M57 e DJ3 presso il centro di recupero faunistico Casteller di Trento. La struttura, già al centro di indagini per un’ipotesi di maltrattamento ai danni dei tre plantigradi, a seguito di una relazione stilata dai carabinieri del cites dopo il sopralluogo del 14 settembre, è ormai da mesi al centro dell’attenzione di varie associazioni animaliste, seriamente preoccupate per lo stato di salute degli orsi. I tre mammiferi, catturati e sterilizzati, attuano una serie di comportamenti fortemente stereotipati, che spesso sfociano in condotte autolesive, indici di un livello di stress molto elevato, manifestano irrequietezza, nervosismo e hanno smesso di alimentarsi. Gli orsi non costituiscono, di fatto un elemento di rischio né per le comunità umane, né per la fauna locale, pertanto non si riscontrano motivi validi per protrarre la loro condizione di prigionia, condizione che sta seriamente minando la loro stessa sopravvivenza.

Non solo uno slogan animalista quindi, ma una sentita richiesta affinché le istituzioni e gli organi preposti alla salvaguardia del benessere animale, intervengano il prima possibile per restituire la libertà ai tre plantigradi ed attuare politiche di convivenza tra l’essere umano e la fauna selvatica più rispettose ed etiche, tenendo ben presente che, in fondo, gli ospiti di boschi e montagne, non sono di certo gli orsi

Share
- Advertisment -

Popolari

Maltempo. Ordinanza del prefetto: sabato scuole chiuse. Allarme codice rosso: evitare spostamenti se non strettamente necessari

Il territorio della provincia è interessato da precipitazioni estese e persistenti. Il Centro Funzionale Decentrato della Regione Veneto in data odierna ha emesso l’avviso di...

48 ore di maltempo, massima criticità da sabato pomeriggio a domenica. Quota neve 1200-1500 metri

Venezia, 4 dicembre 2020  -  Il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile, alla luce delle previsioni meteo di ARPAV e dell’intensa ondata di maltempo in...

Il Tar del Veneto conferma la legittimità del calendario venatorio provinciale. De Bon: «Spiace che posizioni ideologiche abbiano fatto perdere tempo ai nostri uffici»

Con ordinanza n. 612/2020 pubblicata oggi (4 dicembre) la Sezione prima del Tar Veneto si è nuovamente pronunciata a favore delle decisioni della Provincia...

Nuovo Dpcm, attività turistiche in ginocchio. De Carlo: “Il Governo non vada in vacanza e programmi la ripartenza. L’area montana ha bisogno di sostegni...

"Non possiamo trovarci all'Epifania con albergatori e impiantisti che non sanno che fare l'indomani: il Governo non vada in vacanza, inizi ora a programmare...
Share