13.9 C
Belluno
domenica, Ottobre 25, 2020
Home Prima Pagina Zaia in diretta oggi: "Nuove ordinanze per tenere aperte le attività. Usate...

Zaia in diretta oggi: “Nuove ordinanze per tenere aperte le attività. Usate le mascherine”

Nuova diretta oggi al punto stampa del presidente della Regione Luca Zaia che assicura un suo prossimo intervento con ordinanze volte a rinnovare quelle esistenti per consentire alle varie attività, come ristoratori, parrucchieri di rimanere aperti, nel rispetto di tutte le norme anti-Covid. “Il prolungamento delle ordinanze – ha detto il governatore del Veneto –  non cambierà nulla, locali e ristoranti dovranno chiudere entro mezzanotte”.

Sul fronte dei contagi Zaia ha detto che “il 95% dei positivi oggi sono asintomatici e quindi la curva dei ricoveri, al momento, resta sotto controllo. L’età media dei positivi è passata da 60-65 anni a 40-45 anni. Il tema quindi è questo: 400 persone ricoverate in ospedale oggi iniziano a farsi sentire in Veneto. Ma non siamo ancora in emergenza ospedaliera. La situazione è sopportabile, quella di domani non lo so e questo dipende dall’uso delle mascherine”.

I dati regionali di Azienda Zero
Il bollettino di Azienda Zero del 16 ottobre registra 704 positivi in più nelle ultime 24 ore in Veneto, 900 persone in più in isolamento rispetto a ieri, 7 morti nelle ultime 24 ore. 396  ricoverati negli ospedali di cui tre quarti positivi, 47 persone in terapia intensiva (+2). 8138 persone positive di cui 287 sintomatiche. Nelle scuole del Veneto sono 2715 studenti in quarantena, 388 i ragazzi positivi al virus.

I dati della Ulss 1 Dolomiti

Nelle ultime 24 ore sono emerse 62 nuove positività Covid. Di queste, 11 sono riferite operatori e ospiti di case di riposo del nostro territorio, 26 emergono dal noto focolaio Comelico-Cadore-Ampezzano. Le restanti positività afferiscono singoli contesti in ambito provinciale senza evidenza di specifiche aggregazioni.

Ricoveri

Le persone attualmente ricoverate negli ospedali dell’Ulss Dolomiti sono 28 in area non critica a Belluno, 15 a Feltre e 3  in terapia intensiva a Belluno.

Decessi

Nella serata del 15 ottobre è deceduto un paziente covid positivo di 84 anni ricoverato in Pneumologia Covid a Belluno. La direzione porge le condoglianze alla famiglia.

Ospedale di Belluno

E’ in corso di attivazione un’ulteriore area di degenza al 3° piano del Blocco Medico dell’Ospedale San Martino a bassa intensità covid che si aggiunge all’attuale area sub intensiva operativa nei reparti di Malattie Infettive e Pneumologia Covid.

Le unità operative di Geriatria, Oncologia e Pneumologia “NO Covid” sono state trasferite al 3° piano del Blocco Chirurgico –  lato est.

Ospedale di Pieve di Cadore

Sono temporaneamente sospesi i ricoveri nella UOC di Medicina dell’ospedale di Pieve di Cadore. Eventuali ricoveri sono comunque garantiti dalle altre unità operative delle rete aziendale.

 

Drive-in Feltre

Da oggi il drive-in tamponi di Feltre è operativo tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30 in via delle Industrie – zona Peschiera nell’area dell’ex fabbrica Marangoni a FELTRE, con accesso libero per bambini, ragazzi e adulti sintomatici del mondo della scuola e rientri dall’estero.

 

 

Share
- Advertisment -


Popolari

Quattro furti in abitazione ad Alano di Piave

Alano di Piave, 25 ottobre 2020  - Quattro furti in appartamento ad Alano di Piave nella serata di ieri. Ignoti, previa effrazione degli infissi,...

Tre interventi di soccorso in montagna

Belluno, 25 - 10 - 20    Alle 11 circa la Centrale del 118 è stata allertata dagli amici di un ragazzo colto da...

Auto e Moto d’Epoca. Bilancio positivo a Padova per la 37ma edizione della rassegna

Il patron Mario Carlo Baccaglini: “Siamo molto soddisfatti. La decisione di fare la fiera nonostante il grande momento di difficoltà ed incertezza del settore...

50 nuovi volontari della Protezione Civile. Padrin e Bortoluzzi: «Le tute fluo sono sempre più indispensabili per il nostro territorio»

Si è concluso oggi, domenica 25 ottobre, l'ultimo corso di Protezione Civile organizzato e curato dalla Provincia di Belluno. Hanno partecipato 50 persone, soprattutto...
Share