13.9 C
Belluno
sabato, Maggio 15, 2021
Home Prima Pagina Prefetto e questore in visita alla Vena d'Oro di Ponte nelle Alpi

Prefetto e questore in visita alla Vena d’Oro di Ponte nelle Alpi

Prefetto e questore in visita a Ponte nelle Alpi, in particolare, nella parte alta del territorio. Accolte in municipio dai vertici amministrativi, il prefetto Adriana Cogode e il questore Lilia Fredella hanno visitato lo storico stabilimento della Vena d’Oro e la zona Coi de Pera.

«Ci ha fatto molto piacere ricevere la visita delle titolari della funzione di coordinamento in materia di ordine e sicurezza – afferma il sindaco di Ponte nelle Alpi Paolo Vendramini -; entrambe sono rimaste colpite dalla bellezza e dalle peculiarità della zona, ma anche dalla serie di importanti servizi nelle frazioni».

Vena d’Oro – Ponte nelle Alpi

Proprio la riscoperta della Vena d’Oro si è rivelata strategica: «Nelle ultime due settimane di luglio, nei sabati di agosto e in due di settembre – prosegue Vendramini – abbiamo promosso una serie di visite guidate insieme alla Pro Loco. E la risposta della collettività è stata sorprendente, come confermano le 500 presenze complessive. Un numero ancor più significativo, se si considerano le restrizioni legate al Covid».

Il luogo era noto pure in epoca romana, ma è nell’Ottocento che il cavalier Giovanni Maria Lucchetti scoprì le proprietà terapeutiche dell’acqua: a quel punto, fece costruire un centro idroterapico con albergo, giardini, frutteti e prati tutt’attorno. Nell’albergo trovavano posto assistenza medica e direzione sanitaria, oltre a uno stabilimento balneare, centri ricreativi, bar e ristorante. La struttura venne poi abbandonata durante la Prima guerra mondiale, ma conobbe una seconda vita verso gli anni Trenta, quando divenne colonia estiva per i figli dei dipendenti Sade.

Non è un caso che la Vena d’Oro rappresenti un patrimonio del Fai (fondo Ambientale Italiano): «E anche un’opportunità dal punto di vista turistico e culturale – conclude il sindaco di Ponte nelle Alpi -. Prefetto e Questore hanno potuto così scoprire la storia dello stabilimento, diventato ora teatro di diverse attività e sede dell’associazione Insieme verso nuovi Orizzonti. A tale proposito, è stata molto bella l’accoglienza preparata dai responsabili e dai ragazzi».

All’incontro non sono mancati gli esponenti della Protezione civile e degli Alpini.

Share
- Advertisment -

Popolari

Il Tribunale di Belluno respinge il ricorso degli operatori sanitari collocati in ferie forzate perché si erano opposti alla vaccinazione

Con ordinanza n.328 ex art. 669 terdecies CPC del 6 maggio 2021 il Tribunale di Belluno, presidente del Collegio il dottor Umberto Giacomelli, respinge...

Fondo Ambiente Italiano. Gemellaggio tra il Fai Giovani di Belluno e quello di Bolzano per scoprire il rispettivo patrimonio di storia e arte

Non sempre tra Belluno e Bolzano si creano rivalità e competitività: un valido e significativo esempio di collaborazione e dialogo viene dai volontari dei...

Tib Teatro non si è arreso. Investimenti, tenacia e lavoro in tempo di pandemia. E nuovi importanti riconoscimenti

Belluno, 14 maggio 2021 - "Un anno e mezzo di pandemia, teatri chiusi, ferma la tournée dei nostri spettacoli, ferma la stagione Comincio dai...

Quattro eventi a Seravella per la “Rassegna delle rose 2021”. Deola: «Iniziative culturali e valorizzazione del territorio per uscire dalla crisi Covid»

È tutto pronto al Museo etnografico della Provincia per la "Rassegna delle rose 2021". Quattro eventi, fino all'inizio di giugno, che ruoteranno attorno allo...
Share