13.9 C
Belluno
sabato, Settembre 19, 2020
Home Prima Pagina Addio alle scuole medie di Mel. Iniziata la demolizione del fabbricato

Addio alle scuole medie di Mel. Iniziata la demolizione del fabbricato

Mel – Borgo Valbelluna: sono iniziati i lavori di demolizione dell’edificio scolastico che dal 1967 ha ospitato almeno tre generazioni di pre-adolescenti.

C’è un velo di tristezza negli occhi dei molti zumellesi che in questi giorni sostano sulla “panoramica”, Corso 31 ottobre, per guardare la fine della loro scuola media. Sono infatti iniziati i lavori di demolizione dell’edificio che dal 1967 ha ospitato migliaia di ragazzi: alcuni di loro ormai nonni ed altri tutt’ora studenti. Al suo posto sorgerà il nuovo plesso che ospiterà materne e primarie di Mel; un intervento complesso che oggi determina la riorganizzazione degli spazi per circa 200 alunni, ma che poi permetterà di avere spazi didattici innovativi per più di 300 bambini.

Nicola Sartori, nipote dello storico Giovanni “Nino” Sartori, sindaco di Mel al momento della costruzione dell’edificio, racconta la storia della sua nascita.
“La scuola media di Mel fu progettata dall’architetto Mario Sanzovo nel 1962 e i lavori iniziarono nel 1964. La costruzione del plesso scolastico fu fortemente voluta dall’allora amministrazione comunale che vedeva mio nonno Primo cittadino.”

Ne troviamo testimonianza nei documenti e negli articoli del tempo facenti parte dell’archivio di Nino Sartori e gelosamente custodito dal nipote.

“La motivazione fu la seguente, spiega Nicola: “Importantissima ed inderogabile la necessità di dotare la Scuola Media di un edificio modernamente costruito e tecnicamente attrezzato: con l’attuazione della legge che stabilisce l’istruzione obbligatoria per tutti i giovani fino all’età di 14 anni, si prevede che nell’anno 1963-64 saranno funzionanti presso la locale Scuola Media una decina di classi, con una popolazione scolastica talmente rilevante da non poter più essere contenuta entro il vecchio e inadatto edificio scolastico. Pressioni sono state fatte agli Onorevoli Parlamentari affinché con particolare insistenza rappresentassero tale necessità al Ministero competente. Per ora si può contare su un contributo di L.16.000.000.”

L’apertura della nuova scuola media avvenne il 4 dicembre 1967 anche se i lavori non erano stati ancora ultimati e la costruzione fu completata solo verso la fine degli anni ‘60.
Il preside di quel periodo fu il dott. Dino De Cal che poi venne sostituito dal prof. Giovanni Bettin nel dicembre del 1968. Negli anni ‘70 la popolazione scolastica oscillava suddivisa su ben cinque sezioni complete alle quali a volte si aggiungeva qualche classe; oggi le sezioni sono solo due.

Insieme alla costituzione del comune Borgo Valbelluna, questo è sicuramente un altro passaggio epocale per la popolazione zumellese, che vedrà sorgere una nuova scuola non solo come edificio, ma soprattutto nuova nella didattica e nel modo di fare scuola.

 

 

Share
- Advertisment -



Popolari

Gli appuntamenti di settembre e ottobre all’Insolita storia

Proseguono gli appuntamenti culturali al bar Insolita Storia di Belluno. Dopo il successo di giovedì 17 settembre con la presentazione del libro "sette giorni...

Auto e moto d’epoca. Il più importante mercato europeo dal 22 al 25 ottobre alla Fiera di Padova

Torna la rassegna Auto e moto d'epoca alla Fiera di Padova dal 22 al 25 ottobre 2020 L'edizione di quest'anno inizia all’insegna dell’emozione con due...

L’Ugo nel pagliaio. Venerdì alla Libreria Tarantola la presentazione del libro di Rapezzi

Riprendono gli incontri alla Libreria Tarantola di Belluno. Venerdì 25 settembre con inizio alle 18.30 si terrà la presentazione dell’ultimo libro di Ugo Rapezzi....

Contributi regionali per 6 milioni e mezzo per la valorizzazione delle destinazioni turistiche i

Venezia, 18 settembre 2020   “Le conseguenze del lungo periodo di lockdown ci hanno imposto la necessità di un rilancio complessivo e immediato dell’economia veneta...
Share