13.9 C
Belluno
lunedì, Aprile 19, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti "La notte dei desideri" al Parco Gambrinus di San Polo di...

“La notte dei desideri” al Parco Gambrinus di San Polo di Piave. Cuochi di Terra, le eccellenze gastronomiche venete insieme per una ristorazione sostenibile

La notte dei desideri. Lunedì 10 agosto, la notte di San Lorenzo, ospiti nella suggestiva natura del Parco Gambrinus (via Capitello 18, San Polo di Piave), i Cuochi di Terra vi accompagneranno in un gustoso viaggio alla scoperta dei sapori e profumi stagionali del nostro territorio.

Silvia Cappellazzo (Associazione Terra Madre), Gennaro Alfieri (Pizzeria L’Incrocio), Marco Bortolini (Ristorante Da Gigetto), Marco Boscarato (Casa La Buona Stella), Alberto Toe'(Ristorante Le Cementine), Ermanno Zago (Ristorante Le Querce) e Pierchristian Zanotto (Ristorante Gambrinus): sono i 7 Cuochi di Terra.

Un gruppo di professionisti, ma soprattutto di amici, sensibili ai concetti di sostenibilità, condivisione, rispetto per la natura e per l’uomo, che hanno fatto della loro passione un lavoro, promuovendo una cucina concretamente sostenibile.

Come? Rispettando i tempi della natura, scegliendo ingredienti di stagione e plasmando il loro modo di lavorare in base ai prodotti che la terra mette a disposizione, riuscendo così ad esaltare i sapori tipici e genuini che caratterizza ogni stagione.

Protagonista principale la cucina sostenibile, che premia i piccoli produttori locali, rispetta gli ingredienti e l’impegno di chi li produce.

Per realizzare le loro portate, infatti, i sette chef faranno rifornimento presso l’Orto di Parco Gambrinus che – nel corso della serata – sarà accessibile ai visitatori, che saranno guidati a toccare con mano la terra, gli ortaggi e le piante aromatiche, apprezzandone la consistenza e i profumi, in un’esperienza multisensoriale volta ad un ritorno alla natura e al rispetto dei suoi ritmi.

Ospiti della serata le donne di Amiche per la Pelle, Associazione Onlus attiva nel diffondere la cultura della prevenzione oncologica e cardiovascolare e la musica di Godblesscomputers con un dj set di musica sperimentale jazz / hip hop.

L’evento sarà gestito secondo le modalità Covid free:

– Prenotazione ingresso Online

– Hostess e stewart di vigilanza e informazione

– Aree con dispenser gel igienizzante

– Controllo della temperatura all’ingresso

Per maggiori informazioni, scrivere a cuochiditerra@gmail.com

www.lanottedeidesideri.com

 

 

Cuochi di Terra, il gruppo
Silvia Cappellazzo, Gennaro Alfieri, Marco Bortolini, Marco Boscarato, Alberto Toe’, Ermanno Zago e Pierchristian Zanotto sono cuochi e ristoratori attivi nella provincia di Treviso.
Un gruppo di professionisti, ma soprattutto di amici, accomunati da una consolidata
sensibilità ai concetti di sostenibilità, rispetto per la natura e per l’uomo, che ciascuno di loro mette in pratica nel proprio ambiente di lavoro.
Nel 2017 decidono di unirsi e di trasformare una bella filosofia in fatti concreti: nasce così Cuochi di Terra, le cui attività hanno l’obiettivo di promuovere un esempio di ristorazione sostenibile, che abbia un riflesso positivo sull’ambiente e sulla società.

Il logo
Una mano aperta è il logo di Cuochi di Terra: simbolo di apertura, di ricezione, ma anche della manualità che contraddistingue l’artigiano.
Una mano con cui si può lasciare un’impronta positiva del proprio passaggio sulla terra. In che modo?
Attraverso la cucina, la condivisione del sapere e un ritorno alla sostenibilità.

I principi e la cucina
I Cuochi di Terra lavorano con il cibo, lo trasformano, lo valorizzano e diventano un tramite tra la Terra e l’uomo.
Sono cuochi di Terra perché rispettano i tempi della natura, scegliendo ingredienti di stagione e plasmano il loro modo di lavorare in base ai prodotti che hanno a disposizione, non viceversa.
Il gruppo è formato da sette professionisti che non solo gestiscono o fanno parte di realtà differenti, ma che rappresentano anche altrettante personali interpretazioni di cucina, spaziando dalla ristorazione, con le diverse cifre stilistiche di Bortolini, Boscarato, Toè, Zanotto e Zago, al mondo della pizza e dei lievitati di Gennaro Alfieri fino ai corsi di formazione gestiti dall’Associazione Terra Madre di Silvia Cappellazzo.
Tuttavia, nonostante le differenze, i Cuochi di Terra sono accomunati dal rispetto per l’ambiente, che traducono nella scelta di ingredienti stagionali e reperibili a “chilometro sostenibile” e dalla volontà di gratificare e valorizzare quei produttori che, operando in modo sostenibile, propongono un prodotto buono e sano.

Condivisione
Il gruppo Cuochi di Terra nasce proprio dalla condivisione di valori. Come esprime la mano aperta nel logo, sono pronti a recepire, ma anche a donare.
Il confronto e lo scambio costruttivo di idee e informazioni sono la base di ogni loro attività, a partire dal dialogo con i produttori e i fornitori, al condividere conoscenze con i colleghi, fino alla trasmettere ai clienti il pensiero che sta alla base delle loro scelte.
Tra i principali obiettivi del gruppo rientra la volontà di comunicare direttamente con gli studenti, per raccontare le loro esperienze e riportare esempi concreti di aziende sostenibili nella speranza che questi valori vengano portati avanti dalle generazioni future.

Sostenibilità
Sostenibilità per Cuochi di Terra corrisponde ad un rapporto di equilibrio in cui tutti si supportano reciprocamente e da cui tutte le parti traggono vantaggio.
La sostenibilità non è un’invenzione recente, ma uno stile di vita ereditato dal passato, che si può applicare in modo trasversale in ogni momento nel limite delle proprie possibilità.
Il gruppo Cuochi di Terra non valorizza solo il risultato finale di un percorso sostenibile, ma anche i produttori, ovverosia coloro che hanno scelto una strada più difficile e dispendiosa, mettendo le loro energie e il loro tempo a servizio di un’ etica più costruttiva e lungimirante.

Il percorso
Cuochi di Terra organizza incontri e partecipa ad iniziative (presso istituti scolastici, poli museali, enti pubblici) per presentare esempi di ristorazione sostenibile e dimostrare come sia possibile tradurre un pensiero in un’azione concreta.
Il messaggio che il gruppo vuole trasmettere è semplice: la sostenibilità non è un percorso semplice, ma a piccoli passi e lavorando insieme si possono ottenere bei risultati.

Share
- Advertisment -

Popolari

Pulite le fontane del centro città

Belluno, 18 aprile 2021 - Dopo il tam tam sui social, l'amministrazione comunale ha dato il via alla pulizia delle quattro fontane "incriminate", colpevoli...

Malore in casera

Longarone (BL), 18 - 04 - 21 - Attorno alle 15.40 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione di Casera...

La solidarietà delle associazioni a Casanova, presidente di Mountain Wilderness Italia querelato per aver criticato “Quad in quota”

Luigi Casanova, presidente onorario di Mountain Wilderness Italia, è stato sottoposto a processo a richiesta dei sostenitori della manifestazione "Quad in quota" di Falcade...

Rinnovato il contratto dei metalmeccanici. In provincia di Belluno passa con il 93,8% dei consensi

Il Nuovo CCNL Industria metalmeccanica è stato ratificato nella provincia di Belluno con il 93,8% di voti favorevoli. Il voto si è svolto in...
Share