13.9 C
Belluno
domenica, Aprile 18, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Mondiali sci 2021. Marcia "Non nel mio nome" a Cortina domenica 19...

Mondiali sci 2021. Marcia “Non nel mio nome” a Cortina domenica 19 luglio

Da quando sono apparse sulla stampa e sui social le immagini dei lavori eseguiti nella zona delle Tofane in vista dei Mondiali di sci 2021 sono tante le voci che hanno manifestato la loro preoccupazione ed indignazione per l’entità degli stessi.
Buona parte del merito di aver sollevato quel velo di silenzio che circondava la questione va agli ambientalisti che si sono attivati con sopralluoghi, fotografie e comunicati stampa per portare il problema all’attenzione di tutti.
Gli ambientalisti! Questa categoria di volta in volta considerata rompi……i, da salotto, nemici del progresso, catastrofisti, ipocriti perché anche loro usano la macchina, (come se per essere ambientalista uno dovesse vivere in una capanna e girare a cavallo), salvo poi chiedersi dov’erano quando le cose vanno troppo oltre.
Per quanto riguarda i Mondiali 2021 ci tengo a dire che gli ambientalisti ci sono stati fin dall’inizio, c’eravamo a sostenere le ragioni del NO al referendum del 2015 dove, è bene ricordarlo, il 40% dei votanti si espresse con un NO ai Mondiali, c’eravamo nel seguire l’iter dei progetti, c’eravamo nel tentativo di instaurare un confronto con la Fondazione 2021 e ci saremo domenica 19 luglio alla manifestazione organizzata per dichiarare il nostro dissenso nei confronti delle opere e del loro impatto devastante sul territorio di Cortina nonostante la Fondazione 2021 continui a proclamare che la questione ambientale è una loro priorità e che questi saranno Mondiali Green.
Qualcuno dirà che ormai è tardi, e per i Mondiali forse è vero, ormai il danno è stato fatto e possiamo solo sperare in opere di ricomposizione ambientale all’altezza delle promesse iniziali, ma la lunga mano della speculazione e dello sfruttamento del territorio è ancora ben presente su Cortina, basti pensare al progetto della stazione, alla volontà di creare impianti di collegamento verso Arabba e il Civetta che andrebbero a devastare le ultime zone rimaste ancora intatte, per non parlare poi delle Olimpiadi 2026 : quanti sbancamenti e cementificazione richiederà la costruzione della pista di bob, per non parlare dei costi?
Se il sentimento di rabbia e desolazione che ho provato quando ho visto il disastro compiuto in quelle aree fa di me un’ambientalista, allora si, lo sono, con tutte le contraddizione che vorrete attribuirmi, ma so che anche tanti altri hanno provato la stessa sensazione pur non volendo definirsi tali, è per questo che mi piacerebbe che la Marcia di domenica 19 luglio prossimo non fosse la “Marcia degli Ambientalisti” ma vi partecipassero tutti quelli che pensano che ci sia un limite allo sfruttamento della montagna, che il turismo stesso stia sempre più evolvendo verso la ricerca di una montagna il più possibile incontaminata, dove protagonista sia la natura a e non i manufatti dell’uomo.
Non so quanti vorranno partecipare domenica, non è facile metterci la faccia quando sai di aver contro la maggioranza della popolazione, ma tanti o pochi che saremo non importa, l’importante è poter esprimere liberamente il nostro pensiero, poter dire pubblicamente NON NEL MIO NOME!

Roberta de Zanna

De profundis in memoria per quell’ambiente naturale ampezzano sacrificato dai lavori …“sostenibili” per i mondiali di sci 2021 e giochi olimpici 2026 di Cortina:
Marcia commemorativa: Domenica 19 luglio 2020
ritrovo ore 9,15 piazzale antistante la sede della fondazione Cortina 2021 (Alexander Hall)
come arrivare:
in auto: parcheggio consigliato “Lungoboite” (distante 5 minuti da Alexander Hall);
Dolomitibus: autobus con partenza da Calalzo alle ore 8,10 arrivo a Cortina 9,08
Partenza marcia ore 9,30 in fila indiana distanziata come da vigenti norme antiepidemia;
mascherina possibilmente nera;
itinerario:
– Alexander – Val di Sotto – Val di Sopra – Gilardon
– Gilardon: passaggio attraverso i prati intercettandone la …”circonvallazione” che li
deturpa
– Gilardon – finish area Rumerlo e finish area Drusciè: davvero un belvedere…
– Rumerlo – sentiero n. 406 – son dei Prade- SS. 48- Landries (Cianzopè)- partenza
strada 5 Torri: disboscamento per la stazione intermedia della nuova cabinovia
– Landries: messa di dimora di un piccolo albero in zona limitrofa e al sicuro dai lavori
– Landries: Pranzo al sacco
– Facoltativo: proseguimento verso il laghetto Bai de Dones (partenza seggiovia 5
Torri) per sentiero nel bosco al momento integro, ma che verrà attraversato dal
nuovo impianto.
Tempo di percorrenza stimato Cortina-Landries (Cianzopè): 3-4,5 ore (comprese soste)
dislivello complessivo: circa 500-600 m.; lunghezza circa 10 km
tipologia percorso: strade secondarie comunali; sentieri su prato; sentiero nel bosco (n.
406); ultimo tratto: strada regionale (per Passo Falzarego)
Per chi non desidera effettuare l’itinerario nella sua totalità:
in marcia tutti assieme da Alexander Hall fino a Gilardon
quindi da Gilardon (fermata facoltativa Dolomitibus) è possibile raggiungere Son dei Prade
o Cianzopè:
– Gilardon 10,40 – son dei Prade 10,55 – Cianzopè 11,00
– Gilardon 12,50 – Son dei Prade 13,05 – Cianzopè 13,10
Ritorno a Cortina: a piedi per varie scorciatoie oppure autobus
Dolomitibus: Cianzopè 13,25; 16,15
In caso di brutto tempo persistente: La manifestazione verrà rinviata ad altra data.
In caso di …“sopportabile” maltempo si decideranno modifiche all’itinerario direttamente al luogo di ritrovo.
abbigliamento raccomandato : calzature da montagna, giacca antipioggia, ecc.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

La solidarietà delle associazioni a Casanova, presidente di Mountain Wilderness Italia querelato per aver criticato “Quad in quota”

Luigi Casanova, presidente onorario di Mountain Wilderness Italia, è stato sottoposto a processo a richiesta dei sostenitori della manifestazione "Quad in quota" di Falcade...

Rinnovato il contratto dei metalmeccanici. In provincia di Belluno passa con il 93,8% dei consensi

Il Nuovo CCNL Industria metalmeccanica è stato ratificato nella provincia di Belluno con il 93,8% di voti favorevoli. Il voto si è svolto in...

Tecnologia 5G. Una trentina di associazioni chiedono alle massime istituzioni di mantenere invariati i limiti di esposizione

Al fine di tutelare la salute pubblica, una trentina di associazioni e comitati hanno inviato al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, alla presidente del...

Accordo Confartigianato-Feinar-Volksbank per il Superbonus 110%. D’Incà: «Una risposta ai nostri associati e al territorio bellunese

Confartigianato Belluno ha sottoscritto ieri (venerdì 16 aprile) un importante accordo con Feinar e Volksbank per semplificare l'accesso al Superbonus 110%. La convenzione prevede...
Share