13.9 C
Belluno
venerdì, Agosto 12, 2022
Home Arte, Cultura, Spettacoli Palio di Feltre. Nasce la rivista bimestrale. Ancora incerta l'edizione 2020.

Palio di Feltre. Nasce la rivista bimestrale. Ancora incerta l’edizione 2020.

Mentre si sta ancora valutando se sarà possibile realizzare l’edizione 2020 del Palio di Feltre (è notizia di questi giorni che è stato annullato anche quello di Siena), l’attività dell’Associazione non si ferma e tra tante difficoltà prosegue nel suo impegno di ordine soprattutto sociale.
Una nuova iniziativa sta infatti per andare in porto. Si tratta dell’edizione di una rivista bimestrale (ma eventualmente la tiratura potrebbe essere anche più frequente) che si presenta con il titolo “Il XV ducati”, in onore a quei ducati d’oro che ogni anno venivano assegnati al vincitore delle varie gare, a ricordo della spontanea dedizione della città di Feltre alla Serenissima, nel 1404.

La rivista si propone di approfondire alcuni aspetti “dietro le quinte” della manifestazione agostana, momenti di vita e di attività forse poco conosciuti ma che testimoniano il fervente impegno che si cela durante tutto l’anno dietro le tante fasi che portano alla realizzazione dell’evento. Nato da una idea di Manuel Moz, il periodico sarà distribuito gratuitamente alle famiglie feltrine, con una tiratura iniziale di cinquemila copie.
“Per arrivare a una decisione sul Palio, dichiara il Presidente Eugenio Tamburrino, ci siamo presi ancora qualche tempo, ma siamo intanto entusiasti di poter presentare un progetto che era in via di sviluppo da tempo ed è un piacere e un onore poter dare il benvenuto a questa nuova ‘creatura’ con cui l’Associazione Palio Città di Feltre intende arrivare nelle case delle tante persone di Feltre affezionate alla manifestazione, ma che magari non conoscono i particolari di tante fasi organizzative e ci auguriamo che lo scopriranno tramite queste pagine. Candido Cannavò, storico direttore della Gazzetta dello Sport, aveva come grande desiderio quello di fondare e dirigere un giornale che potesse dare solo delle belle notizie, spesso neglette tra le tante tristi novità quotidiane. In un certo senso, nel nostro piccolo, speriamo di andare verso questa direzione: il neonato “il XV Ducati”, nel raccontare una volta ogni sei mesi delle attività che si svolgono ad opera dei quattro Quartieri, del Gruppo Sbandieratori Città di Feltre o dell’Associazione Palio stessa, renderà conto di una bella notizia per l’intera Città e per i territori vicini, che sono certamente arricchiti dalla presenza del Palio e di tutte le realtà ad esso collegate.

Ancora più soddisfazione ci viene dal fatto che l’idea alla base della creazione di questo giornale sia “germogliata” autonomamente dal gruppo dei volontari del Palio, e segnatamente ad opera di Manuel Moz. Ringrazio, a nome di tutto il Direttivo, tanto lui, quanto le altre persone che si sono subito attivate, cogliendo al volo l’idea, dalla direttrice, la nostra infaticabile Franca Visentin, fino a chi ha messo in piedi una prima, pionieristica, redazione, che è composta da Marco Hubert Campigotto, dallo stesso Manuel Moz, da Stefano Piaser, da Laura Pontin e che aspetta a braccia aperte ulteriori collaboratori”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Eventi calamitosi del 2020: il Governo riconosce 1 milione di euro al Comune di Ponte nelle Alpi

Il Governo riconosce 1 milione di euro al Comune di Ponte nelle Alpi per gli eventi calamitosi del 29 agosto 2020. Quel giorno, una...

Interventi di soccorso in montagna

Belluno, 11 - 08 - 22 Verso le 15.20 l'elicottero di Dolomiti Emergency, alla centesima missione, è volato lungo il sentiero 215 che scende...

Carceri. Capece (Sindacato autonomo polizia penitenziaria) replica al capo delle carceri Renoldi: “L’iniziativa Ferragosto in carcere è sinonimo di ipocrisia istituzionale”

"Leggo con sgomento le dichiarazioni odierne del Capo del DAP dipartimento amministrazione penitenziaria Carlo Renoldi che dispone il Ferragosto in carcere per lui e...

Alberi monumentali. Anche il liriodendro di Buzzati nell’elenco delle piante del Comune di Belluno

“Dietro la vecchia casa di campagna, era già immenso e antico, quando io comparvi piccolo bambino”: così Dino Buzzati, nell’ultimo elzeviro da lui scritto...
Share