13.9 C
Belluno
mercoledì, Agosto 10, 2022
Home Lavoro, Economia, Turismo Wanbao Acc Mel. Cesa: "Il rilancio dello stabilimento non riguarda solo i...

Wanbao Acc Mel. Cesa: “Il rilancio dello stabilimento non riguarda solo i tribunali e uffici ministeriali, ma l’intera nostra comunità”

Stefano Cesa

“Ricordo che la procedura di amministrazione straordinaria per lo stabilimento di Mel non è stata una iniziativa “immediata” della proprietà cinese. È stato il frutto di mesi di lotta e di impegno, sia da parte dei lavoratori e dei loro sindacati, sia da parte di tutte le istituzioni e le forze politiche bellunesi, ancora una volta formidabilmente compatte, sia da parte della società civile, per difendere un loro storico patrimonio”.

Lo dichiara il sindaco di Borgo Valbelluna Stefano Cesa in relazione all’ultimo intervento del commissario straordinario dello stabilimento Wanbao Acc di Mel.

“Insieme con la Regione Veneto e con il MISE – prosegue il sindaco – abbiamo bloccato il tentativo cinese di chiudere la fabbrica e abbiamo raggiunto un’intesa che, attivando la Legge Prodi, consentisse allo stabilimento di rinascere con un piano industriale finalmente serio e ambizioso.
Pertanto, la strategia per rilanciare Mel non è, come ha dichiarato il commissario giudiziale Di Pasquale, questione che riguardi solo tribunali e uffici ministeriali (e non lo dovrebbe essere mai, per rispettare lo spirito della Legge Prodi): è una questione che riguarda tutta la nostra comunità, che ha il diritto e il dovere di esprimere le sue valutazioni.
E le valutazioni di questa comunità sono note e chiare da tempo. Un piano che, come quello che traspare dalla Relazione Commissariale, si basi sul taglio dei costi è un piano “marziano”: estraneo alla storia dello stabilimento, ignaro della specificità industriale del comparto del compressore e basato su un approccio culturale di “spremitura” delle aziende che oggi e qui a Mel è improponibile.
A Mel, non ci sono costi da tagliare. C’è da aumentare la produzione per saturare l’alta capacità degli impianti; c’è da investire per allineare i prodotti alla miglior concorrenza; c’è da investire per riportare nel ciclo produttivo diretto i componenti esiliati in Cina; c’è da investire per tornare ai livelli di qualità assoluta che ancora all’inizio degli anni 2000 rendevano Mel il produttore mondiale primo per assenza di difettosità; ci sono da ricostruire le reti tecniche di collaborazione e di servizio con i grandi clienti che consideravano Mel un socio industriale più che un semplice fornitore; c’è da ricreare
quel management locale ma a vocazione internazionale la cui competenza era invidiata dappertutto e che i cinesi hanno disperso.
Questo va fatto. E va fatto in fretta, perché lo stabilimento è da troppi mesi allo sbando, prima tradito da Wanbao in fuga e poi oggi trascurato da un commissario estraneo al territorio e alla necessaria esperienza industriale.
Insieme con i lavoratori e i sindacati, con la Regione, con tutta la politica bellunese, e i cittadini di Borgo Valbelluna, ci aspettiamo ora fiduciosi dal Ministro Patuanelli la sola risposta chiara, seria, affidabile e possibile per questa vertenza industriale. E lui sa bene quale è questa risposta”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Tre Cime. Dolomiti Bus si scusa con i viaggiatori: «Stiamo installando una nuova obliteratrice per diminuire i tempi di attesa»

Questa mattina si sono registrati alcuni ritardi nel servizio Dolomiti Bus relativo alle Tre Cime di Lavaredo. La biglietteria è rimasta inattiva per un'ora...

Auronzo Comelico, De Menech: “Sentenza storica del Tar”

Belluno, 9 agosto 2022   -   "Accogliamo con soddisfazione la sentenza del Tar grazie alla quale sono stati rigettati i nuovi vincoli paesaggistici su Auronzo...

Rigenerazione dell’ex caserma Fantuzzi, il consiglio provinciale vara l’atto di indirizzo preliminare alla permuta con l’Agenzia del Demanio

Approvato anche il Dup 2023-2025. Padrin: «Raggio dell'azione di governo ridotto per il crollo delle entrate» L'idea di riqualificare l'ex caserma Fantuzzi e realizzare una...

Vincoli Comelico-Auronzo, la Provincia tra i vincitori del ricorso. Il presidente: «La tutela della montagna non può prescindere dalla lotta allo spopolamento»

«Se c'è una pietra tombale sulla tutela della montagna e dei paesaggi dolomitici, è lo spopolamento, nient'altro. Lo ha compreso anche il Tar». È il...
Share