13.9 C
Belluno
venerdì, Ottobre 30, 2020
Home Lettere Opinioni Intervista al Covid-19

Intervista al Covid-19

Ho avuto il privilegio di poter incontrare, in via riservata, il portavoce del Corona virus, il quale mi ha concesso l’intervista che riporto di seguito in versione integrale.

Grazie innanzitutto di aver accettato questa intervista.
Grazie a lei, ma si metta a un metro di distanza…
Scusi, il virus è lei, dovrei essere io a chiederle la distanza, non crede?
Dal suo punto di vista sì, ma per noi Covid-19 voi umani siete il virus della natura e di voi stessi e io non voglio essere contaminato…
Allora perché soggiorna nei polmoni delle persone fino a ucciderle?
Semplice, perché siamo in guerra e il nostro esercito ha i kamikaze che si immolano per quella che riteniamo una giusta causa.
Una giusta causa? State ammazzando innocenti, state seminando il terrore tra i popoli di tutto il mondo e lei la chiama giusta causa?
Ci sono quasi 400 guerre nel mondo e gli innocenti li ammazziamo noi? Ci sono decine di gruppi terroristici che compiono attentati e il terrore lo seminiamo noi? Allora non avete capito…
Non abbiamo capito cosa?
Che il problema siete voi, mi spiego con un semplice esempio: Lei ci accusa di soffocare le persone perché attacchiamo i loro polmoni, ma perché lo Stato vende sigarette con la scritta” il fumo uccide” o “ti fa venire il cancro?”, glielo dico io: per far soldi. Lo Stato tollera spacciatori che portano morte ovunque, per quale ragione? Bene, allora adesso pagate con il risultato che i morti ci sono e ci saranno, oltre al fatto di non avere più nemmeno i soldi… complimenti davvero, ma accusare noi non servirà. Guardate chi governa il vostro futuro…
Ma in cosa consiste la vostra giusta causa?
Dobbiamo salvare il pianeta. Lei ha notato che da quando abbiamo dichiarato questa guerra è diminuito l’inquinamento in tutto il mondo? Ha notato che i reati contro la povera gente indifesa sono drasticamente diminuiti? Ha notato che i parchi sono stati ripuliti da spacciatori e dalla malavita? Dobbiamo fare in modo che abbiate una nuova coscienza, una sorta di rinascimento umano, non siamo virus siamo anticorpi.
Ma se poi la “povera gente indifesa” la ammazzate soffocandola, mi pare che la giusta causa non sia poi tanto giusta…
La guerra è guerra, c’è sempre un prezzo da pagare. Ma noi attacchiamo anche i potenti, i ricchi senza alcuna distinzione è questo che vi terrorizza. I potenti hanno sempre trovato nel denaro la soluzione ai loro problemi, ma con noi non attacca…
In Italia la situazione economica a causa vostra è, a dir poco, drammatica. Ci sono persone che rischiano di rimanere senza mangiare, ve ne rendete conto?
A causa nostra? Avete avuto politici e amministratori condannati per frode ed evasione fiscale che sono tutt’ora al loro posto, avete fatto condoni a destra e sinistra legittimando chi delinque, avete iniziato opere pubbliche senza finirle e, complice la corruzione dilagante, avete buttato a mare centinaia di milioni di euro, avete consegnato paesi e città in mano alle mafie e alla malavita e la colpa di questo disastro economico siamo noi? Siete proprio curiosi e anche un pochino… ma lasciamo stare.
No no, dica pure un pochino…
Ipocriti, falsi e, in questa circostanza, anche vigliacchi per non assumervi la responsabilità e scaricare su di noi tutti i vostri errori.
La Sanità è sull’orlo del tracollo… le Scuole sono chiuse, le strade deserte…
Bene, sono bersagli facili perché avete abbandonato gli edifici pubblici per opere inutili, avete eliminato la ricerca scientifica, le Scuole sono inadeguate, i giovani se ne vanno e restano i vecchi, le nostre vittime preferite.
Quanto pensa che possa andare avanti questa storia, voi sapete che prima o poi anche voi sarete sconfitti…
Lo so, lo so. Purtroppo si sono messi in mezzo gli scienziati, i medici, gli infermieri, la Protezione Civile e il volontariato. Se fossero rimasti i politici a decidere sarebbe stato meglio, ma sono spariti quasi tutti e quelli che prendono decisioni importanti, ahimè, obbediscono alla scienza.
Sono morti oltre 100 medici…
Anche questo vi spaventa. Voi siete abituati a un tipo di morte sul lavoro diversa, i circa mille morti che ogni anno ci sono sul lavoro sono oramai un dato statistico che non interessa all’opinione pubblica. Invece un medico che muore sul posto di lavoro, l’ospedale, è una novità che vi terrorizza e questo, se permette, è un nostro grande successo.
Mi pare che lei stia farneticando, ma andiamo avanti. I politici hanno stanziato miliardi di euro per vincere questa guerra…
Chi se ne frega, i vostri soldi non ci fanno paura. Dovete rendervi conto che siamo incorruttibili, che non guardiamo in faccia nessuno e che facciamo sul serio e a questo voi non siete abituati. I potenti della terra sono tali per voi ma non per noi, infettiamo chiunque ci venga a tiro non ci interessa chi è, cosa fa e quale lingua parla. Per noi è un virus umano che va eliminato, tutto qui.
Le pare poco?
Sì, mi pare poco questo è solo il primo avvertimento, continuate a distruggere questo pianeta, trascurate la scienza, la scuola e la ricerca così noi virus ci divertiremo ancora. Non dovrei dirlo, ma vi consiglio di cambiare registro altrimenti…
Altrimenti?
Altrimenti arriverà la versione nuova del Covid-19.
Abbiamo finito, non le do la mano per non contaminarla, grazie dell’opportunità di questa intervista, spero sia l’unica…
Dipende da voi… Grazie

Pasqua 2020
A.G. Bortoluzzi
Forum per l’Architettura
della Provincia di Belluno

Share
- Advertisment -


Popolari

Denunciati dalla polizia 5 italiani per truffa. Bottino da 5.790 euro

L’altro ieri la Squadra Mobile di Belluno ha denunciato all’Autorità Giudiziaria 5 persone per truffa in concorso. Si tratta di soggetti italiani residenti parte...

Furto in un deposito di Ponte nelle Alpi. Rubate sigarette per 80mila euro

Ponte nelle Alpi, 30 ottobre 2020 - Ammonta a 80mila euro il valore degli scatoloni di sigarette di varie marche rubati ieri sera nel...

Inaugurato oggi l’Eurobrico a Ponte nelle Alpi

Duemilacinquecento metri quadrati, dall'utensileria all'edilizia, passando per idraulica e arredo giardino, mobili e accessori legati alla sfera dell'auto, casalinghi e arredo casa, fino all'abbigliamento...

L’Alto Adige si adegua. Sabato scatta il coprifuoco anche per loro

Chi aveva programmato la cena sabato sera dai vicini in Alto Adige, dovrà rinviare. Il governatore Kompatscher ha stabilito che dal 31 ottobre anche...
Share