13.9 C
Belluno
lunedì, Ottobre 19, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli E' morto Gianni Secco. Il cordoglio del presidente di Regione, Provincia e...

E’ morto Gianni Secco. Il cordoglio del presidente di Regione, Provincia e sindaco di Belluno

Gianluigi Secco

«Apprendo con dolore la notizia della morte di Gianni Secco. Con lui se ne va una persona poliedrica, una figura straordinaria della nostra terra».

Così in una nota di cordoglio il presidente della Provincia Roberto Padrin.

«Gianni Secco ha saputo esprimere in modi ora ironici ora delicatissimi il grande amore per il Bellunese e la sua gente. Cantore storico dei “Belumat” insieme all’amico Giorgio Fornasier, ma anche poeta e fine conoscitore delle tradizioni della nostra montagna, ha sempre saputo cogliere le bellezze della nostra provincia, e trasmetterle con passione. Come è tipico delle persone intelligenti, sapeva non prendersi mai troppo sul serio. Ci mancherà il suo humor, ci mancherà la sua presenza».

Il sindaco di Belluno, Jacopo Massaro, si unisce al cordoglio della famiglia per la scomparsa di Gianni Secco, 74 anni, figura impegnata da sempre nella valorizzazione della cultura popolare locale.
«Belluno perde oggi un pezzo importante del mondo culturale, un uomo che ha unito arte, musica, spettacolo e associazionismo per promuovere e valorizzare la nostra cultura popolare, difendendone l’identità e ravvivandone le tradizioni: – commenta Massaro – dalle canzoni dialettali con I Belumat fino all’impegno per il recupero dei carnevali storici arrivando anche a realizzare una mostra itinerante, passando per la fondazione dell’associazione Soraimar che unisce autori e cultori delle tradizioni popolari e per le centinaia di scritti e saggi sulla cultura popolare e sulla storia dell’emigrazione. La cultura popolare è identità, tradizione, memoria e passione, e con la scomparsa di Gianni Secco Belluno perde un suo grande cultore».

Venezia, 27 marzo 2020  “Se ne va uno dei grandi difensore dell’identità, della cultura, della veneticità dei veneti, se ne va un amico, una persona che abbiamo sempre apprezzato. Non lo dimenticheremo mai”. Così il presidente della Regione, Luca Zaia, rende omaggio a Gianni Secco, storico componente del duo dei Belumat (insieme a Giorgio Fornasier), poeta e cantore della cultura popolare bellunese e veneta, scomparso oggi. “Chi non si ricorda gli spettacoli di Gianni sui palcoscenici e nelle sagre, la sua trasmissione ‘A marenda co i Belumat’? Ha riempito piazze e teatri per decenni, in Italia e all’estero – rievoca Zaia – Attraverso il piccolo schermo è entrato nelle nostre case. Lui avrebbe detto, ‘faccio parte del mobilio’!”. “Grande cultore della lingua veneta, e dello studio della lingua veneta e del ‘talian’, ovvero del veneto parlato dagli emigranti in America Latina, con il suo lavoro di recupero di storie e canzoni – conclude Zaia – ha sempre cercato di nobilitare la storia e la cultura dei veneti. Ci mancherà”.

Share
- Advertisment -


Popolari

L’Istituto Pio XII di Cortina prosegue il proprio servizio ai bambini asmatici. Le suore lasciano la struttura

L’Istituto Pio XII, con l’Impegno di Opera Diocesana degli Uberti e della Diocesi, sta mettendo in campo un grande sforzo per non chiudere e...

Poste italiane apre in provincia di Belluno il servizio di cessione del credito, superbonus 110% e bonus vacanze

Poste Italiane sostiene la ripresa economica del Paese, nel quadro delle misure previste dal Decreto Rilancio, attraverso il servizio di “cessione del credito...

Nuovo Dpcm, rischio chiusure indifferenziate per le palestre. Michele Basso (Confartigianato): «Distinguere tra chi rispetta le norme anti-contagio e chi no»

«Le imprese artigiane hanno sempre rispettato i protocolli e le linee guida anti-Covid. Adesso si operi una distinzione netta tra chi è in regola...

Crac Banche. Per i truffati è in pista l’elemosina di stato

Meno 88% rispetto alla promessa di Di Maio, perfino sotto del 3% di quanto liquidato nel 2017 dalle due banche venete.  Le deleghe alle...
Share