13.9 C
Belluno
sabato, Dicembre 5, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Lavanda (presidente Alimentaristi Confcommercio): «Gli Stati generali della Montagna siano la svolta...

Lavanda (presidente Alimentaristi Confcommercio): «Gli Stati generali della Montagna siano la svolta per le microimprese»

«Con soddisfazione vedo che in occasione degli Stati Generali della Montagna sono stati proposti e discussi i temi che il Gruppo Alimentaristi di Confcommercio Belluno da anni pone come assolute priorità per la salvaguardia delle micro attività di montagna, del nostro territorio, delle frazioni e dei piccoli centri storici».
Così Sandro Lavanda, presidente provinciale degli alimentaristi di Confcommercio Belluno commenta i contenuti emersi nell’incontro romano di venerdì scorso.

«Il direttore Luca Dal Poz ha potuto presentare le nostre esigenze motivando anche dal lato tecnico e normativo perché sia necessario ed ormai imprescindibile considerare le micro attività in un’ottica di specialità sotto il profilo della tassazione, dei tributi e delle sovvenzioni; l’alternativa sarà l’assoluta mancanza di presidii economici nei paesi ed una crescita esponenziale dei costi sociali che le comunità dovranno affrontare per sopperire alla mancanza di servizi di vicinato».

Un aspetto fondamentale rimarcato da Confcommercio Belluno agli Stati generali della Montagna è riferito alla necessità di una programmazione del territorio volta alla salvaguardia dei paesi, delle frazioni e di quanti in esse vi operano.

«In tale direzione», conclude Lavanda «va la nostra costante azione di confronto con gli enti locali affinché comprendano gli effetti di un’errata e miope programmazione territoriale; purtroppo, nella maggior parte dei casi nell’ultimo ventennio, gli amministratori non hanno ascoltato ed accolto i nostri allarmi e fatto proprie le linee di indirizzo della nostra Associazione che – attenzione – non sono mai state limitate a concetti di negazione allo sviluppo di nuove forme di distribuzione commerciale ma alla necessità di garantire un equilibrio oggi ormai minato».

«C’è comunque ancora tempo per svoltare e per garantire al territorio condizioni di sostenibilità, salvaguardia dell’esistente ed incentivazione affinché, chi ancora resiste ed i giovani che credono nel territorio, in esso possano investire”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Maltempo. Ordinanza del prefetto: sabato scuole chiuse. Allarme codice rosso: evitare spostamenti se non strettamente necessari

Il territorio della provincia è interessato da precipitazioni estese e persistenti. Il Centro Funzionale Decentrato della Regione Veneto in data odierna ha emesso l’avviso di...

48 ore di maltempo, massima criticità da sabato pomeriggio a domenica. Quota neve 1200-1500 metri

Venezia, 4 dicembre 2020  -  Il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile, alla luce delle previsioni meteo di ARPAV e dell’intensa ondata di maltempo in...

Il Tar del Veneto conferma la legittimità del calendario venatorio provinciale. De Bon: «Spiace che posizioni ideologiche abbiano fatto perdere tempo ai nostri uffici»

Con ordinanza n. 612/2020 pubblicata oggi (4 dicembre) la Sezione prima del Tar Veneto si è nuovamente pronunciata a favore delle decisioni della Provincia...

Nuovo Dpcm, attività turistiche in ginocchio. De Carlo: “Il Governo non vada in vacanza e programmi la ripartenza. L’area montana ha bisogno di sostegni...

"Non possiamo trovarci all'Epifania con albergatori e impiantisti che non sanno che fare l'indomani: il Governo non vada in vacanza, inizi ora a programmare...
Share