13.9 C
Belluno
venerdì, Novembre 27, 2020
Home Cronaca/Politica Treno delle Dolomiti. Padrin: "Attendiamo gli approfondimenti della Regione. Solo dopo si...

Treno delle Dolomiti. Padrin: “Attendiamo gli approfondimenti della Regione. Solo dopo si potrà scegliere”

Roberto Padrin – Presidente della Provincia

«Attendiamo lo studio di fattibilità che la Regione Veneto sta preparando sul treno delle Dolomiti. È l’unico strumento che ci consentirà di verificare se la ferrovia è un progetto realizzabile e soprattutto se il treno potrà essere il mezzo più utile a risolvere i problemi infrastrutturali del Bellunese».

È quanto afferma il presidente della Provincia, Roberto Padrin.

Il tema del treno delle Dolomiti, che comunque è un progetto a lungo termine di cui probabilmente nessuno dei politici oggi sulla scena potrà tagliare il nastro d’inaugurazione, è tornato prepotentemente d’attualità, dopo che l’Agordino ha avanzato l’ipotesi del quarto tracciato.

«Alcuni sindaci dell’Agordino hanno pensato a un nuovo tracciato e sono stati a colloquio con l’assessore regionale De Berti, per presentarle il progetto; e lei lo ha accolto favorevolmente – spiega il presidente Padrin -. Poi, quell’idea è stata presentata anche alla Provincia, con un documento prodotto dall’Unione Montana Agordina e la preghiera di inviarlo alla Regione per lo studio di fattibilità. Ed è quello che ho fatto, in quanto si tratta di una proposta che nasce dal territorio e la Provincia ha il dovere di fare da collettore delle richieste dei sindaci».

«Adesso aspettiamo di vedere le elaborazioni tecniche dell’ingegner Moroder, l’incaricato dalla Regione Veneto di eseguire tutti gli approfondimenti sull’idea del treno – continua il presidente Padrin -. Se l’obiettivo è un collegamento rapido tra Cortina e Venezia, bisognerà scegliere il tracciato migliore per la rapidità. Se invece l’obiettivo è quello di un trenino turistico, serviranno considerazioni di altro tipo. Bisogna però affrontare prioritariamente un altra questione, perché da anni si parla del treno delle Dolomiti come della soluzione di gran parte dei problemi infrastrutturali della nostra provincia e vogliamo capire se è davvero così. La Provincia è stata criticata per non aver scelto. Ma per scegliere bisogna prima sapere cosa si va a scegliere e conoscere tutte le alternative; soprattutto bisogna avere in mano studi e ricerche su quale è il mezzo di trasporto più funzionale alle esigenze del nostro territorio e alle sfide future del Bellunese.

Se dagli studi della Regione – conclude il presidente della Provincia Padrin –  emergerà che il treno non è il mezzo più funzionale, bisognerà concentrarsi su altri ragionamenti. Quello sarà il momento della scelta».

Share
- Advertisment -

Popolari

Libri “take away”: la Provincia organizza la rete bibliotecaria. Deola: «Ruolo importantissimo della cultura, che in questo periodo può alleggerire i timori e le...

Le biblioteche sono chiuse: lo stabilisce l'ultimo Dpcm. Ma la cultura non rimane ferma. Nei prossimi giorni il prestito dei libri potrà essere garantito...

Siti Unesco in dialogo. Incontro tra il Parco Nazionale di Zhangjiajie Cinese e le Dolomiti

Una Lettera di Intenti tra il Comune di Belluno e il Distretto di Wulingyuan del Governo di Zhangjiajie è stata ufficializzata e presentata in...

Luigina Tollot è il nuovo primario di Oculistica di Belluno

Luigina Tollot è stata nominata direttore della Unità Operativa Complessa di Oculistica di Belluno. Dopo il pensionamento del dott. Sperti lo scorso giugno, è...

Un drive-in tamponi anche a Ponte nelle Alpi: sarà attivo da lunedì 

Anche il territorio di Ponte nelle Alpi avrà il suo drive-in per effettuare i tamponi. Sorgerà a Nuova Erto, nella zona delle casette degli Alpini,...
Share