13.9 C
Belluno
domenica, Giugno 13, 2021
Home Cronaca/Politica In 500 in piazza a Calalzo di Cadore per Giorgia Meloni. De...

In 500 in piazza a Calalzo di Cadore per Giorgia Meloni. De Carlo: “Per un 2020 di ripartenza e con il ritorno al voto”

Giorgia Meloni e Luca De Carlo

Calalzo di Cadore, 31 dicembre 2019  –  Ieri sera sono arrivati in più di 500 da tutto il Cadore e dalla provincia per salutare la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, che ha interrotto le sue vacanze tra le Dolomiti per arrivare a Calalzo di Cadore su invito del sindaco e deputato FdI Luca De Carlo.

Per Meloni, una decina di minuti di intervento, prima di essere sommersa dall’affetto dei suoi sostenitori, dagli anziani fino ai bambini, che non hanno mancato di consegnarle letterine e pensierini di Natale per lei e per la sua bimba; centinaia le foto e i selfie scattati in Piazza IV Novembre prima di poter fare rientro a casa.
Un discorso breve, ma duro ed efficace, contro le misure prese da questo Governo e con l’auspicio – anzi, la certezza – che il 2020 sarà l’anno del ritorno alle urne: “Non si può andare più avanti con questo Governo, che per sostituire un suo ministro prende due persone, una del Movimento 5 Stelle e una del Partito Democratico, con il vecchio metodo del “manuale Cencelli”. Basta con le promesse assurde e irrealizzabili, no a un reddito di cittadinanza che finisce nelle tasche di brigatisti, carcerati, malviventi e non crea lavoro: non è questa la gente che lo Stato deve mantenere sulla pelle di chi per la stessa cifra, o anche meno, suda e lavora 40-50 ore a settimana. Basta con le bugie sull’aumento dell’Iva: certo quello non ci sarà, ma quanto peseranno sui costi e sui consumi la plastic tax, la tassa sullo zucchero, le future accise sulla benzina? Se non raggiungi gli obbiettivi, dovresti avere la coerenza di andare a casa, ma questi non sanno nemmeno cosa sia la coerenza. Glielo spiegheranno gli italiani: sono sicura che il prossimo anno sarà quello del ritorno alle urne, e Fratelli d’Italia sarà protagonista; non dimentichiamo che siamo partiti da un 4% e chiudiamo il 2019 sopra l’11%. Posso contare sulla miglior squadra di parlamentari che un partito può vantare in questa legislatura e non possiamo che crescere”.

Non sono mancate poi le battute con il pubblico, soprattutto sul futuro di Roma, e a chi le chiedeva di diventare il prossimo sindaco della capitale ecco pronta la risposta ironica: “Mi porto De Carlo a Roma, però a voi mando la Raggi!”, proposta accolta dalle risate dei sostenitori.
De Carlo non può che dirsi soddisfatto della serata, che ha potuto contare anche sulla presenza e sull’intervento del capogruppo FdI alla Camera Francesco Lollobrigida: “Non posso che ringraziare Giorgia per la graditissima visita a Calalzo, che – ricordiamo – è il comune dove Fratelli d’Italia ottiene da sempre i migliori risultati a livello nazionale. Siamo un partito in crescita, soprattutto in provincia di Belluno, e la folla che ci ha raggiunto in piazza questa sera, senza aver fatto annunci e pubblicità all’evento, lo dimostra. Il 2020 sarà l’anno delle elezioni, regionali e siamo certi anche nazionali, e sarà veramente l’anno del cambiamento, per chiudere questi due anni disastrosi, che hanno paralizzato il Paese”.

Share
- Advertisment -

Popolari

No paura day 4. Belluno, piazza Martiri domenica ore 19:00

Domenica 13 giugno alle ore 19:00 in piazza dei Martiri a Belluno, si terrà il quarto appuntamento bellunese con l'iniziativa "No paura day". La...

Wanbao-Acc: il sindacato si divide. FimCisl ritira la propria delegazione

“Da alcuni articoli oggi apparsi sui giornali risulta che lunedì a Mestre il segretario della Fiom Cgil Bona Stefano incontrerà il governatore Luca Zaia...

Rincaro materie prime, dagli eurodeputati i primi segnali di supporto. Basso (Confartigianato): «Il problema va risolto, altrimenti la ripresa non sarà possibile»

Stanno arrivando le prime azioni a supporto di Confartigianato Belluno per porre un freno al rincaro delle materie prime. Dagli uffici di Piazzale Resistenza,...

Lavori alla scuola “Valeriano” di Castion. Le classi ripartite tra Badilet, Borgo Piave e Castion

Si è concluso in questi giorni, dopo un incontro con i vertici dell'Istituto Comprensivo 3 e con gli esponenti del consiglio d'istituto, lo studio...
Share