13.9 C
Belluno
lunedì, Aprile 12, 2021
Home Cronaca/Politica Siglato il protocollo di videosorveglianza mobile, primo caso in Italia. Massaro: "Telecamere...

Siglato il protocollo di videosorveglianza mobile, primo caso in Italia. Massaro: “Telecamere leggi-targa su tutte le strade per segnalare auto rubate o segnalate”

Jacopo Massaro, sindaco di Belluno

È stato siglato e presentato ufficialmente questa mattina in Prefettura a Belluno il protocollo di intesa tra Prefettura, Comune di Belluno e DolomitiBus che rende operativo per la prima volta in Italia la videosorveglianza mobile.
Su tutti gli autobus della linea urbana del capoluogo verranno infatti installate due telecamere che riprenderanno l’interno del veicolo e quanto invece accade in strada; come per la tradizionale videosorveglianza “fissa”, in caso di segnalazioni o denunce le centrali delle forze dell’ordine – Polizia, Carabinieri, Polizia Locale,… – potranno accedere alle telecamere dei singoli mezzi per la visione in diretta, per visionare il materiale registrato e anche per “riavvolgere il nastro”, così da rivedere in tempi brevi e immediati le immagini girate dai bus lungo il loro tragitto.

«Si tratta della prima iniziativa del genere in Italia; – commenta il sindaco di Belluno, Jacopo Massaro – nonostante le classifiche nazionali ci pongano sempre ai vertici delle classifiche per la sicurezza, continuiamo ad investire per mantenere alta la qualità della vita dei nostri cittadini e dei visitatori. È un ragionamento che non vede coinvolto il Comune di Belluno in solitaria, ma che in questo caso vede la collaborazione di Prefettura, forze dell’ordine e DolomitiBus; anche gli altri comuni della provincia, grazie al Consorzio Bim Piave, potenzieranno i loro strumenti di sicurezza, ad esempio installando telecamere leggi-targa su tutte le strade di accesso al Bellunese, che permetteranno di individuare automaticamente le auto rubate o quelle segnalate, allertando in tempo reale le forze di polizia. Con questi strumenti, l’intero territorio provinciale diventa ancora più a prova di malvivente».

Share
- Advertisment -

Popolari

Alano di Piave. Circonvenzione di incapace, uso illecito di carte di pagamento, autoriciclaggio. Oltre 500mila euro transitati. Denunciati i gestori di una residenza per...

Ancora un'azione odiosa nei confronti di un soggetto debole. Una giovane coppia di trevigiani, gestori di una residenza per anziani di Alano di Piave, è...

Alpago. 40mila euro di contributi alle piccole imprese del territorio

Ammonta a circa 40 mila euro la somma relativa ai sostegni economici a favore delle piccole attività commerciali ed artigianali e delle imprese agricole...

Un nuovo ambulatorio medico a Ponte nelle Alpi

Cinque medici di base, una sede unica: è quella che ha aperto i battenti a Ponte nelle Alpi, in viale Dolomiti 21/C, nell'edifico dove...

Non sei sola. Campagna d’informazione in aiuto alle donne vittime di violenza e stalking

È la campagna di informazione promossa dall'Associazione Belluno-DONNA Onlus che beneficia della partecipazione di Federfarma Belluno, l'Associazione Sindacale Provinciale dei Titolari di Farmacia di...
Share