13.9 C
Belluno
sabato, Febbraio 27, 2021
Home Cronaca/Politica Tavolo tecnico Hydro di Feltre: deciso il campionamento "in continuo" per sei...

Tavolo tecnico Hydro di Feltre: deciso il campionamento “in continuo” per sei mesi

Palazzo Piloni sede della Provincia

Belluno, 20 novembre 2019  –  Si è tenuta oggi, nella sede della Provincia di Belluno, la prima riunione del tavolo tecnico di confronto con la società Hydro Extrusion Italy srl di Feltre, relativo al progetto di efficientamento del comparto fusorio dello stabilimento e alla prescrizione di campionamento “in continuo” delle emissioni, con particolare riferimento a diossine e benzo(a)pirene. Presenti il Comune di Feltre e l’azienda (entrambi con un proprio consulente tecnico), Ulss 1 Dolomiti, la Provincia e Arpav che si sono avvalsi del supporto di Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale), nell’ambito della rete fornita da Snpa (Sistema Nazionale Protezione Ambiente), che rappresenta il massimo istituto pubblico in tema di ricerca e protezione ambientale.

Da parte dei consulenti dell’azienda Hydro è stata formulata una duplice proposta: predisporre i campionamenti tradizionali delle emissioni con frequenza maggiorata, oppure installare il campionatore “in continuo” così come richiesto dalla prescrizione, per una durata di sei mesi e una frequenza di campionamento ogni sei settimane.
Il tavolo tecnico ha accordato l’acquisizione di nuovi dati con il campionamento “in continuo”, ribadendo la frequenza quindicinale prevista nell’autorizzazione. Di conseguenza, l’azienda “congela” il contenzioso in essere e darà esecuzione all’ampliamento e al progetto di efficientamento del comparto fusorio, ottemperando di fatto alla prescrizione impartita per sei mesi. Durante questo periodo, sarà installato un sistema di campionamento che permetterà di monitorare continuativamente la presenza di diossine e benzo(a)pirene nelle emissioni dello stabilimento.

Inoltre, è confermata la frequenza dei campioni, che verranno prelevati per l’analisi ogni 15 giorni.
Nell’ambito del tavolo tecnico è stata ribadita la validità dell’autorizzazione rilasciata, all’interno della quale sono stati previsti monitoraggi più frequenti e stringenti che consentono rispetto al passato un maggior controllo degli esiti emissivi.

Prima dello scadere dei sei mesi il tavolo tecnico si aggiornerà per una valutazione completa e dettagliata degli esiti delle analisi dei campionamenti, con particolare attenzione alle diossine. E in funzione degli esiti di questo periodo di applicazione della prescrizione verrà valutato il proseguo della stessa.

Share
- Advertisment -

Popolari

Attraversamenti faunistici. De Bon: «Obiettivo sicurezza, per gli automobilisti e per gli animali»

Provincia di Belluno e Veneto Strade sono al lavoro per prevenire gli incidenti stradali che coinvolgono la fauna selvatica. Negli ultimi vent'anni infatti sono...

Il saluto al nuovo direttore generale dell’Ulss 1 Maria Grazia Carraro

L’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Belluno dà il benvenuto alla dottoressa Maria Grazia Carraro, che per i prossimi 5 anni sarà...

Crac banche. I truffati, buoni clienti per il business di avvocati ed associazioni valutabile in 87 milioni di euro

Davvero bravi i veneti, hanno regalato allo stato più di 1 miliardo di € non impegnabili soprattutto a causa dei “paletti” della legge 145/2018. Come...

Contrattazione sociale in provincia di Belluno: le Linee Guida per il 2021 di Cgil-Cisl-Uil

Lotta alla povertà e alla disuguaglianza sociale, politiche concrete in favore di anziani e giovani, nuove infrastrutture sanitarie per combattere la diffusione del Covid-19....
Share