13.9 C
Belluno
sabato, Marzo 6, 2021
Home Cronaca/Politica Pari opportunità. Moretti, Salemi, Zottis e Guarda (PD): più cultura contro violenza...

Pari opportunità. Moretti, Salemi, Zottis e Guarda (PD): più cultura contro violenza alle donne

consigliere regionali del PD Alessandra Moretti, Orietta Salemi, Francesca Zottis, e Cristina Guarda della Lista Moretti
consigliere regionali del PD Alessandra Moretti, Orietta Salemi, Francesca Zottis, e Cristina Guarda della Lista Moretti

In Italia circa 7 milioni di donne, un terzo tra i 16 e i 60 anni, hanno subito violenze fisiche o psicologiche, più del 30% dei casi si verifica all’interno della famiglia e solo il 12% viene denunciato. Sono questi alcuni dati riportati, nel corso di una conferenza stampa, dalle consigliere regionali del PD Alessandra Moretti, Orietta Salemi e Francesca Zottis e da Cristina Guarda della Lista Moretti, che hanno voluto in questo modo celebrare la giornata dedicata alla lotta contro la violenza sulle donne e al tema della parità di genere. All’incontro con la stampa è intervenuta anche Elena Donazzan, assessore, tra l’altro, alle Pari Opportunità.
“Iris, il coordinamento dei sedici centri antiviolenza del Veneto – ha spiegato Moretti – evidenzia che, da gennaio ad ottobre 2015, 1.315 donne hanno avanzato richiesta di aiuto e di queste, il 96% ha subito violenza tra le pareti domestiche e più del 50%, tra i 30 e i 50 anni, vivono stabili relazioni di coppia. E’ quindi quasi sempre all’interno della famiglia che avvengono le violenze per mano del marito o del compagno. Il nostro impegno – ha poi sottolineato – non è solo quello di sostenere economicamente i centri antiviolenza, ma anche di diffondere una diversa cultura, perché il 20% dei giovani italiani reputa normale che un uomo tradito diventi violento, meno della metà si mette dalla parte delle donne e il 35% ritiene che le violenze di genere vanno regolate tra le pareti in casa. E poi ricordiamo che la prima forma di emancipazione sociale è il lavoro, per cui l’obiettivo che ci diamo tutti è quello di promuovere quello femminile, come ha fatto, tra l’altro Valeria Solesin, nel suo testo ‘Coraggio ragazze al lavoro’.
Per la consigliera Salemi è necessario che giornate come quella del 25 novembre o dell’8 marzo escano dalla ritualità, per tradursi in azioni concrete che vanno nella direzione della parità dei diritti uomo donna, nella quotidianità come nel mondo del lavoro. 25 novembre tutto l’anno – ha poi concluso – significa dare attenzione al mondo femminile sempre e non solo quando una donna subisce violenza”.
“E’ necessario – ha ribadito Zottis – consolidare la rete degli attori che operano contro la violenza alle donne. Le istituzioni, i centri anti violenza, le associazioni, le forze dell’ordine, le strutture sanitarie – ha sottolineato – devono operare in rete, avere un tavolo unitario dove confrontarsi e collaborare”.

Sul tema culturale è intervenuta anche la consigliera Guarda, sottolineando che in questo momento particolare, nel quale viene evidenziata l’esigenza di un dialogo tra culture e religioni diverse, è importante un impegno per avviare anche un dialogo sulla figura e sul ruolo della donna.
L’assessore Donazzan ha detto di aver “raccolto tutte le suggestioni emerse e su queste tematiche faremo una riflessione insieme”. “Sono assessore alle pari opportunità – ha concluso Donazzan – ma anche all’istruzione e come tale sottolineo che è alle giovani generazioni che bisogna parlare, dovendo fare oggi i conti con una cultura che tratta la donna come un oggetto e non come un cittadino”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Treno delle Dolomiti. Scopel: «Attendiamo gli elaborati dalla Regione Veneto»

«Prendiamo atto della scelta del tracciato del Treno delle Dolomiti operata dalla Regione Veneto. Se è vero, come leggiamo dalla stampa, che gli studi...

Il sole illumina la prima tappa della WinteRace 2021

Cortina d’Ampezzo, 5 marzo 2021 - Al via questa mattina alle ore 9.00 da Corso Italia l’ottava edizione della WinteRace. Sotto un cielo terso, le...

Da lunedì il Veneto torna arancione. Ecco le regole

"Il Veneto in zona arancione da lunedì 8 marzo. Ma le scuole non chiuderanno". Lo ha anticipato nella conferenza stampa in diretta su Facebook...

Acc, Ex-Embraco. Nobis (Fim-Cisl): concretizzare subito progetto Italcomp, a rischio 750 famiglie

Questa mattina i lavoratori della ACC di Mel (Belluno) sono in presidio davanti ai cancelli dell'azienda, una prima azione di mobilitazione – dice il segretario...
Share