13.9 C
Belluno
sabato, Febbraio 27, 2021
Home Meteo, natura, ambiente, animali Serve un servizio di reperibilità per gli animali d'affezione * lettera...

Serve un servizio di reperibilità per gli animali d’affezione * lettera aperta all’Ordine dei veterinari di Apaca, Lav, Oipa e Siamo tutti animali

apacaLe associazioni Apaca, Lav, Oipa e Siamo tutti animali chiedono all’Ordine dei medici veterinari l’attivazione di un servizio di reperibilità festiva e notturna non domiciliare per gli animali d’affezione.

“E’ una necessità assoluta – dicono le Associazioni – e un dovere deontologico e sociale che i veterinari diano alla loro utenza un servizio che è presente in tutte le altre provincie venete.”

Mentre per gli animali selvatici è attivo 24 ore su 24 il servizio di reperibilità del Corpo di Polizia provinciale – che si attiva chiamando il 3480157312 se l’animale ferito o incidentato si trova nel Bellunese o in Cadore oppure il 34801577323 se si trova, invece, in Agordino o nel Feltrino – per gli animali domestici non esiste un servizio che garantisca l’intervento di un veterinario nel corso della notte o nelle giornate festive: tutto è lasciato alla sensibilità e buona volontà di qualche studio o ambulatorio che tuttavia non riesce assolutamente a coprire tutto il territorio.

C’è anche il servizio di pronta disponibilità dell’Usl n.1 – che si attiva chiamando il centralino dell’Ospedale San Martino di Belluno allo 0437-516111- ma riguarda soprattutto gli animali da reddito, mentre per quelli d’affezione l’intervento non è minimamente garantito, poiché risultano spesso reperibili medici-veterinari che non dispongono di ambulatori e attrezzature.

Le Associazioni sottolineano come nel bellunese – dove non mancano certo le persone anziane con cani o gatti e dove le distanze sono ancora un problema- sia davvero sentita la necessità di un servizio di reperibilità veterinaria organizzato ed affidabile, che permetta di ridurre i tempi di intervento su cani e gatti malati o incidentati, ai quali, invece, oggi toccano lunghe ore di sofferenza e agonia solo perchè non riescono spesso a contattare neppure il proprio veterinario di fiducia.

In realtà, basterebbe un po’ di buona volontà e di sano orgoglio professionale e gli ambulatori e studi veterinari bellunesi potrebbero tranquillamente organizzare una reperibilità notturna e festiva che sarebbe certamente una dimostrazione di attenzione verso gli animali, ma anche un servizio che i proprietari di cani e gatti -disposti quasi tutti a garantire vaccinazioni, esami, cure e visite periodiche- probabilmente meritano.

Apaca, Lav, Oipa e Siamo tutti animali si augurano che l’Ordine provinciale prenda in seria considerazione la proposta e dimostri di voler svolgere anche una funzione sociale oltre che corporativa. Se così non fosse le Associazioni si sentirebbero autorizzate ad interpellare singoli ambulatori e studi veterinari, coi quali attivare il servizio, ma è chiaro che, in questo caso, tutte le Associazioni non potrebbero che indicare e promuovere come medici di riferimento solo quelli disponibili alla reperibilità.

Apaca, Lav, Oipa e Siamo tutti animali invitano, infine, tutti i proprietari di animali d’affezione a sollecitare il proprio veterinario di fiducia affinché comprenda la necessità del servizio di reperibilità e si attivi per renderlo possibile.

Share
- Advertisment -

Popolari

Contrattazione sociale in provincia di Belluno: le Linee Guida per il 2021 di Cgil-Cisl-Uil

Lotta alla povertà e alla disuguaglianza sociale, politiche concrete in favore di anziani e giovani, nuove infrastrutture sanitarie per combattere la diffusione del Covid-19....

Nominati da Zaia i nuovi direttori generali della sanità veneta

Venezia, 26 febbraio 2021 - Il presidente della Regione, Luca Zaia, ha nominato oggi i nuovi direttori generali delle nove Ullss, delle due Aziende ospedaliere...

Lupo avvistato nella zona dell’Oltrerai di Ponte nelle Alpi. De Bon: «Nessun rischio per l’uomo. Ma gli animali domestici vanno custoditi adeguatamente»

I tecnici della Provincia e il consigliere delegato Franco De Bon hanno incontrato questa mattina il sindaco di Ponte nelle Alpi, per analizzare la...

Maria Grazia Carraro è il nuovo direttore generale della Ulss 1 Dolomiti

Maria Grazia Carraro, laureata in Medicina e Chirurgia all'Università di Padova, con Specializzazione in Igiene e medicina preventiva, è il nuovo direttore generale della...
Share