13.9 C
Belluno
domenica, Marzo 7, 2021
Home Cronaca/Politica Sanità. Gruppo Pd propone l'Agenzia Unica Veneta

Sanità. Gruppo Pd propone l’Agenzia Unica Veneta

Alessandra Moretti
Alessandra Moretti

“Agenzia Unica Veneta” sociosanitaria in alternativa all’Azienda Zero è la proposta che il Partito Democratico in Consiglio regionale formalizzerà nei prossimi giorni con un Progetto di Legge.

La proposta è stata presentata oggi nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte la capogruppo Alessandra Moretti e i consiglieri Claudio Sinigaglia, Stefano Fracasso, Piero Ruzzante, Bruno Pigozzo, Graziano Azzalin, Orietta Salemi e Francesca Zottis.

“Con questa proposta – ha spiegato la Moretti – intendiamo rovesciare l’impostazione data da Zaia e disegnare una riorganizzazione dei servizi che consenta una vera ottimizzazione senza smantellare il sistema socio sanitario veneto. L’Azienda zero – ha precisato – è un mostro che accentra e monopolizza ogni funzione e che di fatto espropria le Ulss delle competenze, oltre a depotenziare il ruolo programmatorio e di controllo del Consiglio regionale. Contrariamente con l’Agenzia unica sociosanitaria si attiverebbe un accordo quadro tra le Ulss, unificando alcune funzioni. Sarà – ha concluso Moretti – il comitato dei Direttori generali delle Ulss a programmare e gestire obiettivi e processi, cosa ben diversa da quel carrozzone dell’Azienda Zero che , oltre ad essere ingombrante, rappresenta la negazione di un sistema di condivisione territoriale ”.

“L’ottimizzazione dei servizi sociosanitari – ha ribadito Senigaglia – è possibile anche senza la creazione di un altro carrozzone modello “Veneto Strade”, al quale verrebbe conferito tutto il potere decisionale, oltre ad un bilancio di 8,5 miliardi di euro all’anno e con le Ulss ridotte ad articolazioni di “Veneto Sanità”. Indipendentemente dal numero delle Ulss, la nostra proposta– ha spiegato l’esponente democratico – intende invece definire un Accordo Quadro che disciplini e regolamenti le relazioni tra le Ulss, le Aziende e l’Agenzia Unica Veneta. Gli ambiti di competenza dell’Azienda saranno quelli dell’acquisizione dei beni e servizi per conseguire economie di scala, la realizzazione di forme integrate di gestione nel campo della logistica, la definizione e il monitoraggio della spesa e dei costi standard nel settore dell’acquisizione di beni e servizi”.

“Il nostro modello – ha aggiunto Pigozzo – salvaguarda l’esperienza veneta dell’integrazione sociosanitaria, che contrariamente l’Azienda zero andrebbe a smantellare. Riteniamo che si possa anche modulare l’applicazione di quanto previsto dall’Agenzia attraverso una fase di sperimentazione, dove il primo modulo potrebbe essere la Città Metropolitana di Venezia, per poi andare a regime in tutto il territorio regionale”.

Share
- Advertisment -

Popolari

L’equipaggio Fontanella-Covelli su Lancia Aprilia del 1939 vince l’8va WinteRace a Cortina. Tre vittorie in otto edizioni

Cortina d’Ampezzo, 7 marzo 2021: Gianmario Fontanella con la moglie Annamaria Covelli, della scuderia Classic Team ASD si sono aggiudicati per la terza volta...

8 marzo, Unicef a fianco alle donne. Zoleo: “In Italia c’è un femminicidio ogni 3 giorni e quasi quotidianamente un tentativo di violenza”

L’Unicef in occasione dell’8 marzo, festa della Donna, ha promosso la campagna contro “la violenza di genere” cioè la violenza contro le donne, le...

8 marzo. Berton: “Ancora tanta strada da fare. La pandemia non ci deve travolgere”

“C’è ancora tanta strada da fare per arrivare a una uguaglianza effettiva e sostanziale per le donne di questo Paese, quella “delle parole” c’è...

Caso Zingaretti. Per il momento non serve Grillo. Il Pd accetti le dimissioni del segretario e vada a congresso * di Enzo De Biasi

Sentita l’ultima uscita di Beppe Grillo, già iscrittosi al PD ma rifiutato anni fa da Piero Fassino, che si propone quale potenziale segretario nazionale...
Share