13.9 C
Belluno
venerdì, Giugno 21, 2024
HomeCronaca/PoliticaDimissioni Napolitano. Piccoli: "Individuare un presidente garante dei territori per arginare il...

Dimissioni Napolitano. Piccoli: “Individuare un presidente garante dei territori per arginare il neo-centralismo del governo”

Giovanni Piccoli, senatore Pdl
Giovanni Piccoli, senatore Pdl

“Con l’elezione del nuovo presidente della Repubblica si riapre la partita sull’autogoverno dei territori. Penso che il nuovo capo del Quirinale dovrà essere sensibile alle questioni territoriali e dovrà essere in grado, quale garante della Costituzione,  di bilanciare le politiche neo centraliste di questo Governo, che spesso contrastano con gli stessi principi di sussidiarietà e decentramento contenute nella stessa carta costituzionale. I grandi elettori del Veneto e di tutte quelle regioni che hanno a cuore questa rivendicazione dovranno giocare una partita comune all’insegna della responsabilità”.

A dirlo è il senatore di Forza Italia Giovanni Piccoli dopo le dimissioni del Capo dello Stato, formalizzate nella mattina di oggi.
Ma i nomi che girano oramai da mesi sono sempre quelli di professionisti della politica, ben lontani  dai “garanti dei territori” indicati dal parlamentare bellunese. Ma c’è di più il nuovo presidente sarà l’espressione di quel Parlamento che sappiamo, creato con il sistema elettorale “porcellum” deciso dalle segreterie dei partiti. E dunque soggetto ad una serie di compromessi che potrebbero far rimpiangere Napolitano.
“Non voglio formulare giudizi sul presidente Napolitano – prosegue Piccoli –  che oggettivamente si è trovato a operare in un contesto difficilissimo, quanto sottolineare come non abbia mai risposto in maniera esaustiva alle sollecitazioni dei territori delle regioni e delle province ordinarie, prediligendo il rapporto con  l’Alto Adige. Ricordo la sua visita ad Auronzo per la proclamazione delle Dolomiti patrimonio dell’Unesco, quando, su precise domande rispetto alle rivendicazioni referendarie bellunesi, affermò che l’autonomia di trentini e bolzanini è da intendersi praticamente unica perché nata sulla scorta di precisi accordi internazionali, chiudendo a forme di governo simili per altri territori pur confinanti e simili sotto molteplici punti di vista. Avrei preferito una risposta più sensibile nei confronti del nostro territorio”.
“Ad ogni modo, auguro a Napolitano il meritato riposo e confido che il prossimo presidente possa farsi carico di queste sempre più pressanti richieste di autogoverno da parte del territorio bellunese e veneto”, conclude Piccoli.
- Advertisment -

Popolari