13.9 C
Belluno
domenica, Settembre 27, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo De Silvstro ritorna in Gatto astucci. La storica azienda cadorina attiva fin...

De Silvstro ritorna in Gatto astucci. La storica azienda cadorina attiva fin dal 1937 nella produzione di astucci per occhiali torna alla famiglia  che l’ha fondata

gatto astucciDomegge 5 giugno 2014 – Imprenditori si nasce o si diventa, certamente lo si resta per sempre. È così che padre e figlio decidono di ricomprare l’azienda di famiglia fondata dal nonno nel 1937 a Domegge di Cadore, nel cuore del distretto dell’occhialeria bellunese.

Gatto Astucci è un’azienda attiva nella realizzazione e produzione di packaging ed espositori per i settori dell’occhialeria gioielleria, orologeria e cosmetici. Il Gruppo da 550 dipendenti, oltre allo stabilimento produttivo di Domegge, ha due sedi produttive in Italia (Lombardia e Veneto), all’estero due aziende produttive in Croazia e Cina e filiali commerciali a Hong Kong e USA. Il 60% del fatturato è realizzato grazie alla produzione di packaging ed accessori rivestiti in pelle, mentre il 40% con i prodotti per la comunicazione sul punto vendita (POP e POS). Tra i suoi clienti i maggiori gruppi produttori di occhiali e i grandi marchi della cosmetica che hanno scelto da sempre Gatto Astucci per l’alta qualità dei suoi prodotti e il design Made in Italy.

 

Fabrizio e Paolo De Silvestro
Fabrizio e Paolo De Silvestro

Fabrizio, storico patron dell’azienda, assieme ai fratelli ha guidato il gruppo nella sua espansione dal 1992 fino all’ingresso nel 2007 del fondo di private equity Sviluppo Impresa gestito da Centrobanca Sgr, con Fabrizio De Silvestro che deteneva la minoranza delle azioni.

Nei giorni scorsi è stato siglato un accordo tra Fabrizio De Silvestro e il figlio Paolo, il fondo Centrobanca Sviluppo Impresa Sgr e le banche finanziatrici della Gatto Astucci SpA (UBI Banca, MPS Capital Service, Banca Nazionale del Lavoro) che prevede una importante ripatrimonializzazione della società in modo da far si che la società abbia le risorse necessarie a sostenere gli sviluppi previsti dai piani condivisi tra i sottoscrittori dell’accordo. Nell’ambito di tale accordo, la Famiglia De Silvestro acquisirà il 95% delle azioni di Gatto Astucci S.p.a.. Il fondo Sviluppo Impresa resterà nell’azionariato dell’ azienda con il 5%.

La Famiglia De Silvestro è stata assistita nell’operazione dagli advisor dott. Luciano Favero di Treviso per la parte finanziaria e l’Avv. Roberto Cappelli dello studio Gianni Origoni Grippo Cappelli &Partners di Milano per la parte legale.

“Un anno fa ho parlato con Paolo e ci siamo detti che era ora di tornare a fare gli imprenditori, abbiamo fatto molte valutazioni economiche, ma abbiamo ascoltato anche il cuore. Per questo nel Giugno dell’anno scorso abbiamo deciso di tornare a metterci in gioco in prima persona, io sulla parte italiana e Paolo in quella cinese, guardando al futuro di una delle aziende familiari che hanno fatto la storia del territorio cadorino”, ha dichiarato Fabrizio De Silvestro, che in base agli accordi, diverrà Presidente del Gruppo.

 

Share
- Advertisment -



Popolari

Sanità. Preoccupazione per il futuro dell’ospedale San Martino di Belluno. * di Roberto De Moliner

Terminata la campagna elettorale, ricca come sempre di promesse da parte delle forze che governano la nostra Regione, in un contesto economi attuale i...

Crescono gli iscritti al 5° Dolomiti Rally

A cinque giorni dalla chiusura delle iscrizioni, fissata alla mezzanotte di mercoledì 30 settembre prossimo, è già salito a 56 il numero degli equipaggi...

Ski College Veneto di Falcade. Presentata oggi la stagione 2020-2021 con oltre 60 atleti sciatori di snowboard, sci alpino e fondo

Falcade (Belluno), 26 settembre 2020 – «Vogliamo continuare ad alzare l'asticella e far sì che i nostri ragazzi possano raggiungere obbiettivi sempre più ambiziosi...

Nevegal, 8 anni di chiacchiere * di Fabio Bristot “Rufus”

Lette le dichiarazioni di Massaro, tra le quali spiccano per poca onestà intellettuale quelle secondo le quali non sarebbe "competenza del Comune di Belluno...
Share