13.9 C
Belluno
lunedì, Gennaio 25, 2021
Home Cronaca/Politica Passa l'emendamento salva-treni per il Bellunese. Bond: "Evitato l'orario cadenzato"

Passa l’emendamento salva-treni per il Bellunese. Bond: “Evitato l’orario cadenzato”

Dario Bond
Dario Bond

Giù le mani dalle ferrovie bellunesi e dell’Alto Veneto. Da poche ore, con l’approvazione della Finanziaria per il 2013, la “blindatura” delle linee non elettrificate Montebelluna-Calalzo e Conegliano-Calalzo è legge regionale. “Questo significa che anche a seguito dell’entrata in vigore del nuovo orario cadenzato previsto per giugno tali tratte non potranno essere depotenziate. I livelli di servizio dovranno rimanere quelli vigenti al 31 dicembre del 2012”, spiega il capogruppo del Pdl Dario Bond, autore dell’emendamento salva-ferrovia.

“Il nuovo orario cadenzato se da un lato garantisce trasporti più efficienti e veloci per la pianura, dall’altro taglia fuori le linee non elettrificate, presenti soprattutto nel Bellunese e nell’Alto Veneto”, spiega Bond, che nelle settimane scorse ha avviato un lungo confronto con le strutture per approfondire la questione.

“La verità è che per il Bellunese l’orario cadenzato è una terribile mattanza: si potrebbe tradurre nella fine di tutte le corse dirette Belluno-Venezia, Calalzo-Venezia e Calalzo-Padova. Il nuovo regime orario infatti mal si concilia con le linee non elettrificate”, spiega Bond. “Per questo, nonostante le rassicurazioni dei tecnici e le pacche sulle spalle ricevute, ho voluto mettere le cose in chiaro e scrivere per legge che il servizio ferroviario da Montebelluna e Conegliano in su non si può toccare anche perchè è già ai minimi sindacali. E’ stato un lungo braccio di ferro ma alla fine è prevalsa la linea della solidarietà tra territori”.

“Mi rendo conto che si tratta di un emendamento potenzialmente esplosivo capace di sconquassare i piani del nuovo orario, ma da rappresentante del territorio non potevo permettere che un’intera area del Veneto rimanesse indietro. L’ho detto in aula e lo ripeto: chi paga il biglietto a Belluno deve avere gli stessi diritti di chi lo paga a Padova e deve poter contare su collegamenti veloci, sicuri e diretti”.

“Sto seguendo la partita ferroviaria da anni, ricevendo quotidianamente segnalazioni e lamentele, e mi sono reso conto della parabola discendente del servizio. L’orario cadenzato applicato alla lettera per il Bellunese sarebbe un colpo mortale e questo emendamento diventato legge impedisce il blitz che si voleva mettere in atto e che di fatto sanciva una disparità di trattamento tra territori. Attenzione però a non abbassare il livello di guardia. Lo dico a pendolari e amministratori del territorio”, sottolinea Bond. “La battaglia continua. Adesso però, grazie a questo articolo di legge, siamo tutti più forti nel pretendere il rispetto del diritto alla mobilità, diritto fondamentale soprattutto nelle aree più marginali e periferiche”.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Cortina festeggia i 65 anni dalle Olimpiadi invernali del ’56, e guarda al futuro

Cortina d'Ampezzo festeggia sessantacinque anni dalla cerimonia di apertura dei suoi primi Giochi Olimpici Invernali. E celebrando il passato, la Regina delle Dolomiti si...

Ulss Dolomiti. Rinnovati gli incarichi ai medici USCA fino al 31 dicembre 2021 e assegnati ulteriori due incarichi

Belluno, 25 gennaio 2021 - Oggi sono stati rinnovati gli incarichi ai medici operativi nelle tre USCA (Unità Speciali Continuità Assistenziali) di Belluno, Cadore...

Giorno della Memoria: il Comune di Feltre propone un incontro online mercoledì con il professor Gabrio Forti

“La disumanità della distanza in una lettura cinematografica dei processi di Norimberga”. E' questo il titolo dell'incontro online con il professor Gabrio Forti che...

Ponte nelle Alpi, consolidato il versante franoso della strada della Val Medone. Vendramini: ora è a prova di sicurezza

"Più sicura e più fruibile. L'Unione Montana Bellunese ha rimesso a nuovo la strada vicinale della Val Medone. Ovvero, dell'unica via di accesso alle...
Share