13.9 C
Belluno
domenica, Gennaio 17, 2021
Home Cronaca/Politica Il Bard si oppone alla dismissione delle società partecipate

Il Bard si oppone alla dismissione delle società partecipate

Moreno Broccon
Moreno Broccon

Il Movimento BARD osserva che stanno accadendo diversi eventi relativi alle società partecipate da enti pubblici bellunesi, quali Dolomiti Bus e Dolomiti Ambiente.

A questo proposito, avendo acquisito tutti i dati relativi alle operazioni in corso, in attesa di verificarne la legittimità, esprime la totale opposizione a qualsiasi ipotesi di svendita di quote delle Società Bellunesi ad altre società società pubbliche o private venete.

Le decisioni assunte dal Commissario Prefettizio Provinciale in merito alle società partecipate devono essere immediatamente sospese in quanto decisioni assunte al di fuori dell’ordinaria amministrazione e totalmente inopportune.

E’ evidente che decisioni di questo tipo, dalle quali dipende l’autonomia economica futura delle amministrazioni locali bellunesi non possono essere definite e assunte da un pubblico funzionario (anche se ottimo) perchè privo della legittimazione dei cittadini.

Si fermi ogni decisione poiché esistono alternative economicamente sostenibili e vantaggiose derivanti da collaborazioni con le provincie alpine vicine in luogo dell’asservimento e svendita delle imprese bellunesi a società della pianura veneta, totalmente prive della esperienza necessaria per la buona gestione di imprese pubbliche in territorio montano.

Denuncia inoltre l’opacità delle informazioni sulle operazione in corso e chiede che il Commissario esprima con chiarezza quali sono le motivazione a sostegno delle sue scelte in materia di società partecipate dalla Provincia di Belluno.

Il Movimento BARD condanna anche la vergognosa e servile svendita di territori agricoli a improbabili produttori agricoli, che s’impadroniscono di terreni agricoli al solo fine di giustificare le loro sovrapproduzioni vinicole , che non porteranno alcun vantaggio alla struttura produttiva agricola e alla popolazione residente.

Chiama le istituzioni bellunesi e cittadini all’attenzione e al controllo democratico su decisioni strategiche per l’interesse comune e per il futuro del trasporto locale, della sanità pubblica, del sistema di uso e distribuzione dell’acqua e del sistema di raccolta e trattamento dei rifiuti.

Le imprese estranee al nostro territorio vedono in questi ambiti di intervento solo il “business”, per i bellunesi sono risorse primarie sulle quali fondare la propria autonomia amministrativa ed economica futura.

Moreno Broccon

Presidente Belluno Autonoma Regione Dolomiti

 

 

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Petizione al sindaco di Belluno: no alla strada a scorrimento veloce vicino a scuole e case

"Oggi abbiamo consegnato al Sindaco della nostra città 552 firme di cittadini che chiedono all’Amministrazione Comunale di lasciar decadere una volta per tutte il...

Vertice Provincia-Enel. Padrin: «Abbiamo parlato di fasce di rispetto, presidi territoriali e investimenti futuri. Grazie al ministro D’Incà per aver fatto da tramite»

A seguito dell'incontro a Roma di metà dicembre, la Provincia di Belluno ha tenuto venerdì scorso in videoconferenza una riunione con i vertici di...

Calalzo di Cadore, piano di sviluppo per l’area di Lagole. De Carlo: “Reperire risorse per la gestione e un concorso di idee per sostenere...

Il Comune di Calalzo di Cadore punta ancora forte sull'area di Lagole: "Stiamo lavorando a un progetto che ne migliori la fruibilità e ci...

Video del Soccorso alpino e Cai: “Scegliete un’altra montagna, meno rischiosa ma non meno coinvolgente”

Milano, 16 gennaio 2020  "Scegliete un'altra montagna: meno rischiosa, ma non meno coinvolgente". Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico e il Club alpino italiano...
Share