13.9 C
Belluno
martedì, Agosto 9, 2022
Home Prima Pagina Accorpamento delle Ulss Belluno e Feltre: il Movimento civico Cittadinanza e...

Accorpamento delle Ulss Belluno e Feltre: il Movimento civico Cittadinanza e Partecipazione non ci sta

Il consiglio comunale di Belluno ha all’unanimità approvato una mozione a “Salvaguardia del ruolo dell’Ospedale San Martino di Belluno come riferimento della sanità della Provincia” e un emendamento a favore dell’unificazione delle Ulss provinciali.

Come movimento civico Cittadinanza e Partecipazione riteniamo quanto meno insolito che un organo istituzionale si esprima su questioni che riguardano altri Comuni senza alcuna analisi condivisa dei contenuti, che peraltro denotano una visione politicamente miope della sanità in un territorio montano qual è il nostro.

Lo stesso Statuto regionale sancisce la specificità della Provincia, perché recepisce l’impossibilità di adottare parametri per la sanità in montagna uguali al resto del Veneto. Il modello del grande ospedale, che concentra le risorse, impoverisce inevitabilmente i territori periferici che invece vanno presidiati e garantiti con una rete organizzativa adeguata, alla quale ancora l’Ulss n.1 non ha dato risposta, in particolare per quanto riguarda gli ospedali di Agordo e Pieve di Cadore.

La sanità in montagna va garantita anche nelle vallate con le risorse necessarie, altrimenti la specificità diventa un concetto vuoto.

L’Ulss n.2 di Feltre è un punto di forza e per certi aspetti di eccellenza della sanità provinciale, un esempio di buona organizzazione gestionale, capace di risposte adeguate alle esigenze di una popolazione anagraficamente anziana e con il tasso più elevato in regione di tumori; è in essere una convenzione interregionale con il Primiero e l’ospedale Santa Maria del Prato è polo efficiente e di attrazione anche per alcune Ulss confinanti.

Quali vantaggi porterebbe alla sanità bellunese lo smantellamento di questo modello organizzativo? Quale alternativa praticabile nell’interesse dell’intera provincia propone l’amministrazione del capoluogo? E come promuovere la collaborazione fra le Ulss su presupposti non condivisi?

Noi pensiamo che la permanenza di due Ulss in provincia sia garanzia di buoni servizi sanitari alla popolazione, sia coerente con le caratteristiche dei nostri territori, sancisca la complementarietà paritaria fra i due poli ospedalieri principali e il ruolo indispensabile degli ospedali periferici nella rete assistenziale.

Se l’amministrazione comunale di Belluno rivendica un ruolo politicamente autorevole nella programmazione socio-sanitaria provinciale deve avere la capacità di condividere le posizioni con il territorio

Cittadinanza e Partecipazione

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Scuola, la Provincia fa il punto sugli interventi negli istituti superiori

La vicepresidente Lucia Da Rold: «Continuiamo a pressare il ministero per la dotazione di personale» «Gli edifici scolastici sono pronti per l'avvio del nuovo anno....

Olimpiadi 2026, pista da bob. Tutti i segreti della nuova pista giovedì all’incontro alla Conchiglia di Cortina d’Ampezzo

Finalmente nell'incontro pubblico che si terrà giovedì 11 agosto alle 18:00 a Cortina d'Ampezzo nella Piazza Angelo Dibona (Conchiglia), organizzato dal Comitato Civico, si...

Domani sera a Mel il cantautore Francesco Baccini. Ingresso gratuito

Nell'ambito della rassegna Casa Sanremo, progetto di promozione sostenuto dalla Provincia di Belluno, sono stati organizzati 3 concerti nel territorio bellunese e il primo...

Un concorso per laureati in Comune di Belluno. Domande entro il 23 settembre

Il Comune di Belluno ha indetto un concorso pubblico, per esami, per l'assunzione a tempo indeterminato e pieno di un istruttore direttivo tecnico categoria D...
Share