13.9 C
Belluno
martedì, Gennaio 26, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Agrinsieme Belluno Dolomiti, ufficializzata la nascita del nuovo soggetto di rappresentanza del...

Agrinsieme Belluno Dolomiti, ufficializzata la nascita del nuovo soggetto di rappresentanza del mondo agroalimentare bellunese

agrinsiemeSi è tenuta questa mattina in Camera di commercio, la presentazione del nuovo soggetto di rappresentanza del mondo dell’agroalimentare bellunese.

“Agrinsieme Belluno Dolomiti rappresenta il coordinamento delle tre confederazioni, Cia Confederazione italiana agricoltori Belluno, Concooperative Belluno e Confagricoltura Belluno. Con funzioni di promozione, logistica, marketing e distribuzione dei prodotti bellunesi” ha spiegato Marco Rossato, portavoce dell’iniziativa e presidente di Confcooperative di Belluno.

Alla conferenza erano presenti il presidente della Cia Confederazione italiana agricoltori Belluno Marta Zampieri e il direttore Mauro Alpagotti, il vicepresidente di Confagricoltura Belluno Mauro Vaccari e il direttore Edoardo Comiotto.

Questo coordinamento tra confederazioni di cooperative è nato in ambito nazionale per aver maggior peso dinanzi al ministero dell’Agricoltura. Ad Agrinsieme, infatti, aderiscono da un lato la Confederazione italiana agricoltori e Confagricoltura, che rappresentano 1.500 associati, oltre 900 mila aziende agricole con oltre 700 mila dipendenti, oltre 6 miliardi di euro di costo del lavoro sostenuto, oltre il 50% dell’intero valore nazionale della produzione agricola con oltre 8mila sedi in Italia. E dall’altro vi sono L’Alleanza delle cooperative italiane agroalimentari, Agci Agrital l’Associazione generale cooperative italiane, la Confcooperative, e la Legacoop agroalimentare che rappresentano 5.100 cooperative agroalimentari con 720mila soci produttori, 94mila occupati e 34,2 miliardi di fatturato pari al 24% del fatturato agroalimentare italiano. Complessivamente il 30% del valore agroalimentare italiano.

Marco Rossato
Marco Rossato

“La nuova legislatura – ha sottolineato Rossato – dovrà segnare una svolta anche per l’agricoltura di montagna, penalizzata dallo scarso peso economico in termini di Pil. Ma la cui presenza contrasta lo spopolamento delle terre alte della Provincia, e garantisce la cura e la tutela del suolo. Chiediamo insomma un approccio diverso da parte della politica.

Il settore, per i valori economici, produttivi e sociali che rappresenta infatti, non trova più corrispondenza nell’attuale ministero delle Politiche agricole. Per questo motivo è decisivo creare un ministeri per lo Sviluppo dell’agricoltura e dell’agroalimentare in grado di promuovere strategie agroindustriali. Agrinsieme ha identificato alcune importanti priorità. Innanzitutto un forte e più efficace impegno europeo in vista della riforma Pac (Politica agricola comune) 2014-2020; politiche di rafforzamento dell’impresa e della cooperazione; rilancio di ricerca e innovazione; ricambio generazionale; incentivi al mercato del lavoro; rafforzamento degli strumenti per il credito; semplificazione burocratica; riduzione costi produttivi, contributivi e fiscali; valorizzazione del Made in Italy e tutela contraffazione; gestione sostenibile del territorio e delle risorse idriche; sviluppo agroenergie rinnovabili con una forte valorizzazione del ruolo strategico della montagna, per il mantenimento di queste aree tanto difficili quanto belle, come la nostra provincia”.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Cortina festeggia i 65 anni dalle Olimpiadi invernali del ’56, e guarda al futuro

Cortina d'Ampezzo festeggia sessantacinque anni dalla cerimonia di apertura dei suoi primi Giochi Olimpici Invernali. E celebrando il passato, la Regina delle Dolomiti si...

Ulss Dolomiti. Rinnovati gli incarichi ai medici USCA fino al 31 dicembre 2021 e assegnati ulteriori due incarichi

Belluno, 25 gennaio 2021 - Oggi sono stati rinnovati gli incarichi ai medici operativi nelle tre USCA (Unità Speciali Continuità Assistenziali) di Belluno, Cadore...

Giorno della Memoria: il Comune di Feltre propone un incontro online mercoledì con il professor Gabrio Forti

“La disumanità della distanza in una lettura cinematografica dei processi di Norimberga”. E' questo il titolo dell'incontro online con il professor Gabrio Forti che...

Ponte nelle Alpi, consolidato il versante franoso della strada della Val Medone. Vendramini: ora è a prova di sicurezza

"Più sicura e più fruibile. L'Unione Montana Bellunese ha rimesso a nuovo la strada vicinale della Val Medone. Ovvero, dell'unica via di accesso alle...
Share