13.9 C
Belluno
lunedì, Gennaio 18, 2021
Home Prima Pagina Invalidi civili 100%: l'Inps considera il reddito familiare per l'erogazione della pensione....

Invalidi civili 100%: l’Inps considera il reddito familiare per l’erogazione della pensione. L’intervento del presidente dell’Anmic Belluno Armando Targon

Risulta che l’INPS, con circolare n.149/2012,abbia modificato i criteri di calcolo del presupposto reddituale per la concessione della pensione agli invalidi civili 100%: la valutazione viene effettuata non più sul reddito personale dell’invalido beneficiario, ma sommando al suo reddito quello del coniuge.

L’INPS intende stravolgere un criterio interpretativo della legge n. 33/80 che, per mero errore, fa riferimento ai redditi personali dell’invalido solo per gli assegni degli invalidi parziali e non per le pensioni degli invalidi 100%. In sede di approvazione della legge 33/80 l’emendamento correttivo di tale omissione fu trasformato in ordine del giorno che impegnava il Governo ad interpretare la legge ai fini della concessione della pensione per gli invalidi civili 100% considerando valutabili solo i redditi personali dell’invalido 100% beneficiario.

Questa interpretazione venne fatta propria dal Ministero dell’Interno (allora titolare per la concessione delle pensioni agli invalidi civili) con circolare n. 25287 del 19 marzo 1981.

Tale criterio interpretativo è stato normalmente applicato dalla Magistratura di merito del lavoro con più sentenze della Corte di Cassazione; di queste si richiamano le sentenze n. 18825/08, n. 7259/09, n. 20426/10, nonché di quanto enunciato in via incidentale dalla Corte Costituzionale con la sentenza n. 80/92. Da ultimo la Corte di Cassazione con la sentenza n. 4677/11 è andata in diverso avviso: prevede il cumulo del reddito dei coniugi.

L’INPS, subentrato nelle competenze per gli invalidi civili al Ministero dell’Interno, con il messaggio n. 9879 dell’aprile 2007 aveva ribadito tale criterio affermando il diritto alle pensione dell’invalidità civile 100% tenendo conto del solo reddito personale dell’invalidi civile richiedente, in spregio ad una interpretazione consolidata e decisa a continuare quella logica repressiva nell’ambito dell’invalidità civile che ha caratterizzato la politica dell’istituto in questi ultimi anni, con la circolare 149/12 ha applicato quanto previsto dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 4677/11 ed intende applicare la somma dei redditi coniugali per la concessione della pensione agli invalidi civili 100% e non più il solo reddito personale,

La posizione assunta dall’INPS, oltre a non essere supportata da alcuna sopravvenuta disposizione normativa ed oltre a porsi in contrasto con l’orientamento ultratrentennale assunta dal Ministero dell’Interno prima e dallo stesso INPS dopo, risulta illogica oltre che ingiusta e discriminante.

L’ANMIC, sulla base delle considerazioni espresse, a nome di tutti gli invalidi civili, chiede all’INPS di sospendere gli effetti della circolare 149/12, ed al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali nonché al Consiglio di indirizzo e vigilanza dell’INPS di esercitare i poteri di controllo e di intervento sul provvedimento in questione, ed al Parlamento di adottare ogni misura idonea, anche normativa, diretta ad impedire questo ulteriore atto dell’INPS che offende la dignità degli invalidi civili 100% e si aggiunge a tutti quegli altri atti dell’Istituto che stanno smantellando lo stato sociale trasformando i disabili da persone da assistere ed aiutare in malfattori da combattere.

Invalidi civili uniamo le nostre forze per evitare questi atti gravissimi adottati dall’INPS che si sostituisce al Parlamento ed al Governo assumendo decisioni politiche che colpiscono i più poveri espropriandoli, nel caso specifico, di una pensione dell’importo risibile. Chiediamo ai partiti di dare un segno tangibile di sostegno agli invalidi esigendo dall’INPS l’immediata sospensione di questo atto contrario ad ogni regola democratica e morale.

Il Presidente Provinciale dell’ANMIC

Targon Dr. Armando

Share
- Advertisment -

Popolari

Sopralluogo nelle ski aree. Bortoluzzi e De Toni: «Il sistema è in sofferenza. Per questo abbiamo varato la manovra da 500mila euro per gli...

Il turismo invernale è in netta difficoltà. E la Provincia ha voluto verificare la situazione. Nei giorni scorsi, i consiglieri provinciali Danilo De Toni...

Nevicate eccezionali. Vitturi (Lav): “Si sospenda immediatamente la caccia”

“Chiediamo al presidente Zaia un rapido intervento per mettere in sicurezza gli animali sospendendo immediatamente la caccia nelle province interessate dall’emergenza ambientale – dichiara...

Feltre, cestini e cassonetti rifiuti. Forlin: “Insufficienti nel numero e per celerità di svuotamento”

"E’ datata 02/04/2018 l'interpellanza presentata dalla sottoscritta alla attuale amministrazione con la richiesta di implementazione dei cestini presenti in città di Feltre, sia per...

Accordo Enel-Provincia. Vivaio: “Dieci anni di incontri e manifestazioni stanno iniziando a dare qualche risultato”

Dopo anni di battaglie sembra si stia prendendo la direzione giusta. L'accordo Enel-Provincia si sta indirizzando nel verso giusto, con un piano di manutenzione...
Share