13.9 C
Belluno
martedì, Ottobre 20, 2020
Home Cronaca/Politica Inondazioni in Veneto, e la Regione cosa ha fatto in due anni?

Inondazioni in Veneto, e la Regione cosa ha fatto in due anni?

Andrea Zanoni eurodeputato Idv

Sul Veneto si affaccia lo spettro delle alluvioni del 2010. Andrea Zanoni (IdV): “Cos’ha fatto la Giunta Zaia per prevenire questo disastro? Perché Stival non usa l’energia e le risorse che spreca per la caccia in deroga per proteggere il territorio e i cittadini veneti?”

“Che cosa ha fatto la regione Veneto dal 2010 a oggi per prevenire disastri naturali come le inondazioni che in questi giorni stanno colpendo l’intera regione?”. Lo chiede Andrea Zanoni, eurodeputato IdV, al Governatore Luca Zaia e all’assessore alla Protezione civile Daniele Stival. “Quello che sta succedendo in provincia di Treviso, Vicenza, Padova e altrove sembra il triste copione della tragedia che ha fustigato la nostra regione due anni fa. Com’è possibile ritrovarsi nella stessa identica situazione?”.

Zanoni: “Invece che impiegare uomini, tempo e risorse per difendere contro tutto e tutti la  caccia in deroga, Stival, responsabile della protezione civile, avrebbe dovuto fare il possibile per proteggere dalle alluvioni i cittadini veneti e il nostro territorio. E Zaia, invece che fare il giro di eventi e fiere per vendere la propria immagine, perché non va sulle sponde del Bacchiglione o del Muson a vedere cosa c’è davvero bisogno di fare?”. Secondo l’eurodeputato, inoltre, “queste inondazioni sono il frutto di decenni di impermeabilizzazione del territorio che ha visto la Giunta Zaia, e prima di essa le precedenti amministrazioni, non alzare un dito per evitare l’effetto “plastificazione del suolo” reso quasi completamente impermeabile da distese chilometriche di cemento e una pioggia inutile di capannoni che hanno preso il posto degli alberi”.

E poi conclude: “L’impermeabilizzazione del suolo, ossia la copertura del terreno con materiali impermeabili, è una delle cause principali di degrado del terreno perché incide sui terreni agricoli fertili, sulla biodiversità, aumenta il rischio di inondazioni e di rarefazione delle risorse idriche, contribuendo al riscaldamento climatico”.

BACKGROUND

Il 24 maggio 2012 il Parlamento europeo ha approvato la relazione “Stop Cemento 2050”, con cui ha previsto di azzerare la cementificazione dei terreni agricoli entro il 2050.

 La Procura di Padova ha aperto un’inchiesta sulle cause dell’alluvione del 2010 in seguito all’esposto depositato a giugno dall’avvocato Massimo Malipiero per conto del Comitato Alluvione Veneto 2010. In calce, le oltre 100 firme a rappresentare un totale di quasi 500 persone. Scopo dell’inchiesta è capire come mai sia stato possibile arrivare a una simile tragedia, se le manovre e i comportamenti messi in pratica in quei giorni siano stati adeguati


Share
- Advertisment -


Popolari

Le migliori mete da visitare in autunno

L’autunno è una stagione perfetta per chi vuole andare in vacanza. A differenza dell’estate, infatti, permette di accedere a soggiorni con prezzi più contenuti....

Spettacoli di mistero delle Pro loco Bellunesi. Venerdì appuntamento a Belluno con i Castelli perduti e draghi dimenticati

Ritorna la rassegna "Veneto, spettacoli di mistero", promossa dall'Unpli Belluno nell'ambito delle iniziative di Unpli Veneto e Regione. Le Pro loco bellunesi non mancheranno...

Due positività al Comune di San Vito di Cadore. Ordinanza di chiusura e sanificazione degli uffici

A seguito della positività riscontrata a due dipendenti, il sindaco Emanuele Caruzzo ha disposto la chiusura degli uffici comunali di San Vito di Cadore...

Giornata Nazionale del Cane Guida 2020. Singolare esperienza in piazza dei Martiri, bendati guidati dai cani addestrati 

In occasione della Giornata Nazionale del Cane Guida che si celebra il 16 ottobre di ogni anno, l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti...
Share