13.9 C
Belluno
martedì, Ottobre 27, 2020
Home Cronaca/Politica Bampo chiede ai sindaci le dimissioni in blocco quale atto dimostrativo alla...

Bampo chiede ai sindaci le dimissioni in blocco quale atto dimostrativo alla cancellazione della provincia

Paolo Bampo

Non concordo con chi, della Provincia, ne fa già una questione persa o, peggio, ne fa unicamente una questione contabile-amministrativa, tipo gestione aziendale in cui si consideri vincolante il rapporto costi-benefici economici.

A certi Sindaci ragionieri ed ortolani (nel senso che pensano solo al proprio orticello), che vedono solo la pagliuzza nell’occhio degli altri e non vogliono vedere la trave nel proprio, qualcuno dovrebbe spiegare che, se loro sono sindaci di paesini di poche anime, è perchè qualcuno ha ritenuto che anche quelle poche anime, che costituiscono comunque una comunità, avessero la propria dignità ed onore e quindi meritassero il diritto ad avere un municipio, un vessillo e un sindaco (!).

Domani, dopo l’invito già rivolto ad ognuno di loro e già reso pubblico (?) sarò con l’amico Massimo Vidori e chi vorrà essere presente a consegnare ai sindaci partecipanti all’incontro promosso presso la sala Muccin il volantino (sotto riprodotto).

Paolo Bampo

RESPINGENDO LA TESI RINUNCIATARIA DI CHI SI ACCONTENTA DELLE POLTRONE OFFERTE DA ENTI DI 2°LIVELLO

VOI, SIETE NELLA DELICATA E PRIVILEGIATA POSIZIONE DI POTER DECIDERE SE SIA IL CASO DI NON RASSEGNARE LE DIMISSIONI (PENSANDO CON COMPRENSIBILE SENSO DI RESPONSABILITA’ ALLA GESTIONE DEGLI ENTI CHE AMMINISTRATE), OPPURE, (CON IL MEDESIMO SENSO DI RESPONSABILITA’ PROIETTATO AL FUTURO) DI RASSEGNARLE IN MASSA E SALVARE COSI’LA BANDIERA, LA DIGNITA’ E LE PREROGATIVE DELLA NOSTRA GENTE. SE LE PRESENTERETE, TALI DIMISSIONI POTRANNO DA VOI ANCHE ESSERE RITIRATE, MA SOLO SE IL GOVERNO EMANERA’ UN ATTO NORMATIVO DEFINITIVO CHE SOSPENDA IL PROVVEDIMENTO DI SOPPRESSIONE DELLA NOSTRA PROVINCIA. NEL FRATTEMPO E, SINO A QUANDO LA PROVINCIA NON SARA’ SALVA, LA MASSIMA CONCESSIONE DA OFFRIRE AL MINISTRO POTRA’ ESSERE IL CONGELAMENTO DELLE DIMISSIONI STESSE. GARANTIRETE COSI’ AI VOSTRI CONCITTADINI L’ORDINARIA AMMINISTRAZIONE DEL COMUNE.

SE I SINDACI DELLE NOSTRE VALLI E DELLE NOSTRE CITTA’ SARANNO UNITI, LO SARANNO ANCHE I CITTADINI IN LORO DIFESA. UNA VITTORIA DI QUESTA UNIONE DOLOMITICA, POTRA’ ESSERE L’INIZIO DI UN CAMMINO VERSO UNA POTENTE FORZA TERRITORIALE CHE CI RENDERA’ FORTI, COME LA VOLKSPARTEI HA RESO FORTE BOLZANO

ATTRAVERSO LE DIMISSIONI, L’UNITA’ DEI SINDACI POTRA’ CAMBIARE IL DESTINO DELLA NOSTRA GENTE E DELLA NOSTRA TERRA

Share
- Advertisment -


Popolari

Concorso per geometra e per vigile al Comune di Pedavena

È indetto un concorso pubblico per l'assunzione a tempo indeterminato e pieno di un istruttore tecnico categoria C1 presso l’Area Tecnica del Comune di...

In corso di attivazione l’ospedale di Comunità di Agordo

Al via l’attivazione di un “Ospedale di Comunità” all’interno del presidio di Agordo. L’Ulss Dolomiti sta predisponendo in questi giorni il nuovo piano di emergenza...

Annullata l’ex tempore di scultura su legno

Annullata l'Ex Tempore di scultura su legno. Il Consorzio Belluno Centro Storico, preso atto dei cambiamenti dell'ultima settimana relativi all'emergenza sanitaria, fa sapere di...

Nessuna violazione al codice deontologico. Archiviata l’accusa di Gidoni al direttore di Bellunopress

Il Consiglio di Disciplina Territoriale dell'Ordine dei Giornalisti del Veneto, nella riunione del 16 luglio 2020, delibera "il non doversi procedere per il presente...
Share