13.9 C
Belluno
mercoledì, Ottobre 28, 2020
Home Lettere Opinioni Cancellazione della privincia e le "lamentazioni bellunesi" al bar *...

Cancellazione della privincia e le “lamentazioni bellunesi” al bar * di Eugenio Padovan

Eugenio Padovan

Lamentazioni bellunesi accanto ad un bicchiere di vino o birra del bancone di un bar. Le potremo definire semplicemente ed efficacemente così; le nostre prese di posizione sulle varie sottrazioni, l’ultima in ordine di tempo, l’eliminazione dell’ente provincia con l?accorpamento a quella di Treviso da ritenersi un dramma per le marcate differenze che ci contraddistinguono. Se queste sono le decisioni del governo Monti contro le quali non è valso nemmeno l’essere un territorio completamente montano, noi bellunesi ci siamo impegnati a fondo per finire così perché votando Bottacin e la sua maggioranza abbiamo accelerato la nostra fine. Questa è la frittata e la possiamo girare come la vogliamo sempre frittata, rimane e non valgono giustificazioni. Nei due anni che è rimasta in vita la giunta provinciale ?al netto dei disastrosi contrasti interni e rimpasti-abbiamo potuto, se siamo stati degli osservatori appena attenti, costatare come avrebbe potuto finire. Se vogliamo raccontarci delle frottole, possiamo pure credere che sia stata una resa dei conti nel centro destra (Pdl e Lega) ma la realtà è limpida e davanti a tutti quelli che non sono distratti dalle chiacchere da osteria. Dunque, seppur con tempi diversi, il comune di Belluno, quello di Feltre e l?amministrazione provinciale, tutte in mano al centro destro, grazie alla miope opinione del corpo elettorale, che quest? omologazione sarebbe stata sufficiente , anzi il metodo per procedere a gonfie vele e con la considerazione e finanziamenti a cascata dal governo nazionale, a quello regionale sino al comune più piccolo. Invece no! Siamo stati messi in angolo come parenti poveri, montanari silenziosi e servili incapaci di protestare per non estinguerci come sta avvenendo. Alzare la voce non era necessario perché ogni tanto venivano in visita Bossi e Tremonti a lasciare gli ossi essersi mangiata la carne. E’ chiaro che non c’è la controprova di quest?assunto avverso all?omologazione dei governi locali, che nell?ultima tornata elettorale di alcune settimane fa sono stati spazzati via. In ogni modo se l’amministrazione provinciale fosse stata guidata da una maggioranza diversa, contrapposta al governo nazionale (sino alla caduta di Berlusconi) e regionale, avremmo avuto più tempo e forza per resistere e far valere la nostra specificità e capacità di governarci, venuta a mancare con la caduta della giunta Bottacin, segno inconfutabile di resa e fallimento complessivo di Lega e Pdl di fronte alle complesse problematiche dolomitiche. Per autoassolverci affermiamo sempre di essere pochi, è vero, ma così divisi dall’essere considerati meno di niente. Prendiamo gli alto atesini con la SVP, un partito che si tengono ben stretto per farlo fruttare o brandire secondo i casi noi, al contrario, corriamo appresso ai partiti nazionali che, quando va bene, ci buttano a mare, vale dire in laguna. Tuttavia prima di estinguerci, come bellunesi, cerchiamo almeno di capire e correggere i nostri errori non semplificando, sempre a favore degli altri, le formule politico-partitiche. Quando si è pochi, infatti, bisogna fare molto rumore per dimostrare di esistere e non finire intruppati e indistinti nelle maggioranze cui non interessiamo.

Eugenio Padovan

Share
- Advertisment -


Popolari

Tre furti in appartamento. Due a Borgo Valbelluna e uno a Pedavena

Sono tre i furti in appartamento denunciati tra ieri e oggi: due sono avvenuti nel Comune di Borgo Valbelluna nel quartiere Salvo d'Acquisto dove...

Concorso per geometra e per vigile al Comune di Pedavena

È indetto un concorso pubblico per l'assunzione a tempo indeterminato e pieno di un istruttore tecnico categoria C1 presso l’Area Tecnica del Comune di...

In corso di attivazione l’ospedale di Comunità di Agordo

Al via l’attivazione di un “Ospedale di Comunità” all’interno del presidio di Agordo. L’Ulss Dolomiti sta predisponendo in questi giorni il nuovo piano di emergenza...

Annullata l’ex tempore di scultura su legno

Annullata l'Ex Tempore di scultura su legno. Il Consorzio Belluno Centro Storico, preso atto dei cambiamenti dell'ultima settimana relativi all'emergenza sanitaria, fa sapere di...
Share