13.9 C
Belluno
domenica, Ottobre 25, 2020
Home Lettere Opinioni Lacrime di coccodrillo per la provincia

Lacrime di coccodrillo per la provincia

Silvano Martini

Auronzo di Cadore 31 luglio 2012 – Leggo oggi su “il Gazzettino” che l’ex consigliere provinciale e capogruppo del PDL Raffaele Addamiano interroga il commissario Capocelli e si lagna per la situazione in cui versa la provincia. Viene da dire “lacrime di coccodrillo ” visto che proprio Raffaele Addamiano è tra i responsabili della caduta della provincia avvenuta dopo il voto di sfiducia dell’autunno scorso.

Come consigliere provinciale facevo parte del gruppo PDL e mi assumo la mia piccola parte di responsabilità per quella infelice esperienza amministrativa ma sono assolutamente a posto con la mia coscienza per quanto riguarda il passaggio finale e determinante quando, di fronte alle insistenze del capogruppo e del PDL, ho rifiutato di spedire a casa il presidente Bottacin ben conscio che la caduta dell’amministrazione e il conseguente commissariamento avrebbe causato un vuoto di potere e di rappresentanza dalle conseguenze devastanti per il territorio bellunese.

Non serviva un genio della politica, quale io non sono, per rendersene conto e Amministrare è responsabilità ! In quella occasione chi decise di affossare la provincia si comportò in modo irresponsabile.

Mi sono sempre battuto a difesa della montagna e dei servizi pubblici essenziali che devono essere garantiti a tutti pena lo spopolamento. Se perdiamo il controllo del nostro territorio siamo morti!

Leggo oggi che anche la “Gatto” di Domegge, proprietà di una banca, vuole spedire a casa 57 persone. Quand’è che la classe dirigente e politica bellunese, che ho già detto essere inefficiente, deciderà di muoversi a difesa del territorio?

I sindaci del Bellunese, tutti, dovrebbero scendere a Roma a esigere rispetto e invece sono intenti a lustrare le chiavi dei loro comuni pronti a consegnarle al nuovo padrone. Che schifo!

A difendere il Bellunese resta solo il presidente della Regione Veneto Zaia: grazie per la buona volontá e per le parole forti alle quali diamo credito fino a prova contraria.

Speriamo che la schiera dei don Abbondio che popola le istituzioni, i partiti, i comuni, le associazioni di categoria della provincia di Belluno decidano di tirar fuori le parti anatomiche dedicate ora solo a più umili funzioni e che facciano sentire la voce della Provincia di Belluno-Dolomiti. La terra meravigliosa in cui abitiamo e che sentiamo e vogliamo nostra !

Silvano Martini – Ex consigliere Provinciale, Vicepresidente BARD

Share
- Advertisment -


Popolari

Nasce a Ponte nelle Alpi il nuovo ambulatorio di Medicina generale che riunirà 5 medici

Un'unica sede per riunire tutti i medici di Ponte nelle Alpi: sta per nascere il nuovo ambulatorio di Medicina generale, finalizzato a offrire alla...

Rispettiamo le regole. L’appello del presidente della Provincia Roberto Padrin

In questo momento dobbiamo essere tutti responsabili. I numeri dei contagi e l'aumento dei ricoveri ospedalieri ci obbligano a comportamenti rispettosi delle regole. Dobbiamo...

Findomestic addebita a un omonimo la rata del finanziamento. Brumurelli (Associazione Io mi tutelo): “In 15 giorni abbiamo chiarito il caso con la banca...

Vedersi addebitare ogni mese delle rate di una cinquantina di euro senza sapere il perché non dev’essere piacevole. E’ successo in un Comune della Valbelluna...

Agricoltura di montagna. Dorfmann: aumenta il livello di protezione, maggiori aiuti alle aziende costituite da giovani

Si è chiusa con il voto di approvazione di ieri sera la quattro giorni che al Parlamento Europeo ha visto in discussione uno dei...
Share